Leonardo da Vinci
The Virgin adoring the Child, other figures, angels
Pen; black pencil, metallic point, and brown ink. 12,1 x 13,6 cm.
   Venice Gallerie dell’Accademia
A design thought to be contemporary to the previous one, with which it divides a possible reference to the never painted Adoration of the Shepherds or the Adoration of the Wise Men in the Uffizi. The whirling of the angels ( the “rotating” angels according to Ragghianti) are the same that may be seen in a canvas by Filippino Lippi dated 1485, as if this was the completion of a work begun by Leonardo. Berenson’s final comment is “charming”.

La Vergine che adora il Bambino, altre figure, angeli
Penna, matita nera, punta metallica, inchiostro marrone, cm 12,1 x 13,6.  Venezia, Gallerie dell’Accademia
Disegno ritenuto coevo del precedente, con cui divide il possibile riferimento a una Adorazione dei Pastori mai eseguita o all’Adorazione dei Magi degli Uffizi. Il volteggiare degli angeli (gli angeli “rotanti” come dice Ragghianti) sono gli stessi che si vedono in una tavola di Filippino Lippi datata 1485, come se questa fosse il compimento di un lavoro iniziato da Leonardo. Berenson commenta lapidariamente: “Incantevole"t
         HP   Indice