DISEGNI DEI PITTORI ITALIANI
Raffaello Sanzio (1483-1520)

Saint George and the Dragon
Pen and traces of black pencil on white paper, with traces of pin marks; lacerations in correspondence to the dragon’s paws, 26,5 x 26,7 cm.
Florence, Galleria degli Uffizi
The figures of the Saint on horseback and the dragon are the same size as those in the painting, found in the Louvre Museum and the traces of pin marks confirm that the sheet was used as a cartoon for the painting. The lance has already pierced the dragon’s throat; in the painting three pieces of the lance replace the macabre detail of the skull and tibia, the fleeing princess appears in the picture and the landscape is more carefully drawn. It was possibly produced in the first months of 1505. There has never been any doubt that it was by Raphael and the rearing of the horse once again recalls the group of the Dioscuri (see Texts n.2 and 5).    


San Giorgio e il drago
Penna e tracce di matita nera su carta bianca, con tracce di puntinatura; lacerazione in corrispondenza della zampa del drago, cm 26,5 x 26,7.
Firenze, Galleria degli Uffizi
Le figure del santo a cavallo e del drago presentano le stesse dimensioni del dipinto omonimo conservato al Museo del Louvre, e le tracce di puntinatura confermano che il foglio venne utilizzato come cartone per il quadro. Il drago è già trafitto al collo da un frammento di lancia; nel dipinto tre spezzoni di lancia sostituiranno i particolari macabri del teschio e della tibia, comparirà la principessa fuggente e sarà più curato il paesaggio. Databile intorno ai primi mesi del 1505; l’attribuzione a Raffaello non è mai stata posta in dubbio, e l’impennata del cavallo richiama ancora una volta il gruppo dei Dioscuri (si vedano le schede nn. 2 e 5).

 

   HP     Indice