Text By Frida De Salve

 

E-mail

 

HP  

 

 

 

INTRODUCTION

Thanks to excavations in Pompeii halfway through the 18th century there was a decisive turn in the knowledge of the Roman period in Italy. Excavations at Vesuvius brought to light an entire, ancient city with all its treasures and everyday objects. Up to then knowledge of classical antiquities was almost always thanks to Rome but the image that Pompeii, completely buried from 24th August 79 B.C., could give us was surely more complete and determinant that that supplied for Rome for in all the years of development it had conserved only the more relevant things.
The city of Pompeii was built on a hill formed by a lava flow. To the north stood Vesuvius, then characterized by a gentle slope, an ideal place for growing grapes. To the south, however, flowed the river Sarno, giving the opportunity to the inhabitants of the area to undertake the fruitful activity of commercial traffic with the other cities in Campania. 

Occupation of Pompeii began in the 6th century B.C. and a wall around the city was built immediately in pappamonte (soft lava), not as a system of defence because of the characteristics of the material but rather as a boundary to the city’s territory.

It is important to remember than in this period two important sanctuaries were constructed, the Sanctuary to Apollo to the west and the Sanctuary to Hercules and Minerva to the south-west. There are some doubts as to who the inhabitants of Pompeii were at that time but the more accredited hypotheses claim it to be the Greeks, the Etruscan and the Italici.
Substitution of the soft lava wall with proper walls took place between 525 and 474 B.C. due to the war between the Greeks and the Etruscans to gain supremacy of Campania.

The new walls had a double row of square stone blocks from Sarno and encircled the same area as the previous ones.
These walls were again replaced and reinforced according to the degree of protection the city needed. In that period there were many different battles in Campania such as that between the Samnites and the Romans and the Second Punic War that saw the decline of Hannibal in the south of Italy.
At this point the walls assumed their final form - a double row with ager inside and vallum outside. However, the city remained allied to Rome and, in this period, thanks to commerce with other cities, Pompeii grew rich and began to use its income to beautify the city. The Civil Forum, the Triangular Forum , the Great Theatre and the Quariportico were all built during this period.

This favourable situation lasted until about 89-80 B.C. when Pompeii decided to side with the Soci Italici against Rome for the right to be “Roman citizens” and to prepare itself for war, the walls were reinforced by thirteen towers.

The city was taken by Silla but, fortunately, the colonies decided to continue the program of Hellenism, at that time ripe in Pompeii, by constructing the Temple of Venus, the Odeum, the Forum Thermal Baths and the Amphitheatre.

In 62 B.C. Pompeii, together with other cities around Vesuvius, was hit by an extremely violent earthquake, followed by numerous earth tremors that destroyed many buildings.

The inhabitants of Pompeii immediately began to rebuild despite the social unrest that characterised this period in time but the work was brutally interrupted on the 24th August 79 A.D. when Pompeii was invested and completely covered by Vesuvius’s devastating eruption.

The worst centres to be hit were Pompeii and Herculaneum and the land of the Sarno valley, all of which were covered by an enormous, white blanket.

Pompeii was covered by a layer about six metres thick and, despite being forbidden to pass through the city, an operation that was deemed necessary to defend the property of the survivors, it was ransacked by means of secret tunnels over the years. 

Excavations in Pompeii began in 1748 and are still going on today.
Work at the beginning was obviously directed by many different people and was badly conducted. The buildings uncovered were indeed stripped of their best paintings and given to the King if they were considered worthy of his private collection.

Devastation by King Charles III was stopped thanks to the denunciation by many scholars and above all by J.Winckelmann. Indeed, in 1765, under the direction of F. La Vega, it was established that each building uncovered should be preserved intact in loco and the objects put on show in the Royal Museum.
During the French rule of Naples, Caroline Bonaparte, the wife of the King of Naples, took an avid interest in Pompeii and programmed excavation of the entire city wall in order to discover the city gates and, therefore, the most important roads in order to obtain a certain continuity in the work.
The plan was too extensive and in 1815, when the Borbone family returned to power, the project had only in part been carried out.
From 1815 to 1863 during the Borbone period, work was extremely slow. In 1863 the direction passed into the capable hands of G. Fiorelli. He decided to apply a new methodology to the excavation. Up till then it was the streets that were uncovered first and these led to the houses. Fiorelli decided to dig from the top so as to simplify and make the work of revealing all the elements of the buildings more precise. He also managed to uncover a topographic system that divided the quarters into Regiones, Insulae and houses and restored the bodies of the victims and all the organic elements alive at the time of the eruption thanks to the use of chalk impressions. Indeed these organisms left a vacuum in the volcanic ash after their decomposition.
Those who followed Fiorelli continued to use his methods  of excavation and also made sure that the paintings and mosaics stayed in their original places. From 1924-1961, under the direction of Maiuri, one of the most determined scholars in the history of the excavation of Pompeii, the town-walls were freed. He also began a programme of stratographic research that uncovered the more ancient history of the city.
The directors who followed Maiuri continued the work of restoration in Pompeii but of the sixty-six hectares that made up the city, only forty-four have been uncovered so far.
An analysis of the constructive techniques in use in Pompeii shows that the more common building materials were: Sarno stone, lava from Vesuvius, lava foam, grey tuff, yellow tuff, bricks and travertine. The techniques used were: l’opus quadratum, l’opus africanum, l’opus incertum, l’opus reticolatum, l’opus latericium, l’opus vittatum, and l’opus vittatum mixtum.
There were four decorative systems in use in Pompeii and were called “styles” This categorization was made possible thanks to A. Mau who, in 1882, wrote the “History of the wall decorations in Pompeii”. The oldest is the “1st Style”, known as “incrustation” or “structural”. It was used from 200 to 80 B.C. and imitated architectonical elements such as frames, pilaster strips and ashlars by using stucco and obtaining an effect similar to marble through these decorations. These prerogatives were never abandoned not even with the event of new styles.
The Silla era from 80 to 25 B.C. was characterized by the 2nd style, known as “architectonic”, with the use of the decorative elements in the 1st style but with the use of painting instead of stucco.
The decoration generally consisted of a high podium on which stood four columns and often there were paintings with naturalistic scenes and various figures ( a brilliant example of this type of decoration may be found in the Villa of Mysteries).
The 3rd style or “ornamental”, in fashion from 25 to 35 A.D. showed only a review of the previous one. The columns were thinner, resembling carved ivory columns, the decorations being miniatures, the colours being bright and the background generally white or black.
The 4th style or “fantastic” was mainly used after the earthquake in 62 A.D. and diverse elements from the 2nd style were noted with a marked architectonic fantasy and some from the 3rd style with an accentuated decorative tone. For these characteristics, the last style gives the architecture an unreal aspect.
In this period another type of decoration that included both painting and stucco relief was evident.
Of interest is also the so-called “popular” painting, whose main characteristic is that of representing scenes of the everyday life of the poorer people of Pompeii.
Not many mosaics have been found at Pompeii and those present are mainly floor decorations. These were composed of small stones, glass paste and, above all, marble. The different types of mosaic were: l’opus tesselatum, with their geometrical design, l’opus vermiculatium with its pictorial scenes called “emblems” and l’opus sectile, made up of polychrome marble enclosed in a square or circle, also portrayed with emblems.

INTRODUZIONE

Intorno alla metà del XVIII secolo, grazie agli scavi su Pompei, si giunse ad una svolta decisiva per la conoscenza del mondo romano-italico. Gli scavi vesuviani, infatti, riportavano alla luce un’intera città antica, con i suoi tesori e i suoi oggetti di vita quotidiani.
Fino ad allora le conoscenze sull’antichità classica erano, quasi del tutto, dovute a Roma, ma l’immagine che poteva restituire Pompei, rimasta completamente sotterrata sin dal 24 agosto del 79 d.C., era sicuramente più completa e determinante rispetto a Roma, che in tutti questi anni si era sviluppata e, di quegli anni, aveva conservato soltanto le cose più rilevanti.
La città di Pompei sorgeva su un altopiano formatosi grazie ad una colata lavica. A nord si ergeva il Vesuvio, allora caratterizzato da un leggero pendio, al quale si dovevano terre fertili, ideali per la viticoltura. A sud, invece, scorreva il fiume Sarno, il quale diede l’opportunità alle genti del luogo di intraprendere una fruttuosa attività di traffici commerciali con le altre città campane.
L’occupazione vera e propria di Pompei iniziò nel VI secolo a.C. e la città fu subito circondata da mura, costruite in pappamonte (lava tenera), le quali, proprio per le caratteristiche del materiale da costruzione, non volevano rappresentare un sistema difensivo, bensì tracciare il territorio della città.
È importante ricordare che a questo periodo risalgono due importantissimi santuari, posti uno ad ovest e l’altro a sud-ovest, il Santuario di Apollo e il Santuario di Ercole e Minerva.
Molti sono i dubbi su chi popolasse Pompei in quel tempo ma, tra le ipotesi più accreditate possiamo citare i Greci, gli Etruschi e gli Ausoni.
La sostituzione delle mura in pappamonte con delle vere mura urbiche avvenne tra il 525 e il 474 a.C. a causa della guerra tra greci ed etruschi, in lotta per la supremazia in Campania.
Le nuove mura erano costituite da una doppia fodera di blocchi squadrati in pietra di Sarno e cingevano la stessa area di quelle precedenti.
Le mura furono sostituite e rinforzate ancora, in base al grado di protezione che richiedeva la città. In quel periodo, infatti, in Campania si susseguirono diverse lotte, come lo scontro tra Sanniti e Romani e la Seconda Guerra Punica, che vide la discesa di Annibale nel sud dell’Italia.
A questo punto le mura assunsero la loro forma definitiva: a doppia cortina, con ager all’interno e vallum all’esterno. La città rimase, comunque, alleata con Roma e, in questo periodo, grazie al commercio con le altre città, Pompei si arricchì e iniziò ad usare i proventi per abbellire la città. Risalgono a questi anni il Foro Civile, il Foro Triangolare, il Teatro Grande e il Quadriportico.
Questa situazione favorevole finì intorno agli anni 89 – 80 a.C., quando Pompei decise di allearsi con i Soci Italici contro Roma, per il diritto allo “Status” di “cittadini romani” e, per affrontare la guerra, rinforzò le mura con tredici torri.
La città fu presa da Silla ma, fortunatamente, i coloni decisero di continuare il programma di ellenizzazione, in corso a Pompei, e fecero costruire il Tempio di Venere, l’Odeion, le Terme del Foro e l’Anfiteatro.
Si arriva poi al 62 d.C., anno in cui Pompei, insieme ad altri centri nei dintorni del Vesuvio, fu colpita da un terremoto violentissimo, cui seguirono numerose altre scosse, che distrusse moltissimi edifici.
I Pompeiani si misero subito in moto per i restauri, nonostante i disordini sociali che caratterizzarono questo periodo, ma i lavori furono bruscamente interrotti il 24 agosto del 79 d.C., quando Pompei fu investita e completamente sotterrata da una devastante eruzione del Vesuvio.
I centri più colpiti furono Pompei ed Ercolano e tutto il territorio della valle del Sarno si ritrovò ricoperto da un’enorme coltre bianca.
Pompei era coperta da uno spessore di circa sei metri e, nonostante si fosse vietato a chiunque di passare dalla città, operazione necessaria per difendere la proprietà dei sopravvissuti, nel corso degli anni fu saccheggiata attraverso dei cunicoli scavati da clandestini.
Gli scavi a Pompei iniziarono nel 1748 e ancora oggi non risultano terminati.
I lavori da allora sono stati diretti, ovviamente, da numerosi personaggi e, all’inizio, furono condotti in maniera disdicevole. Spesso, infatti, gli edifici riportati alla luce, venivano spogliati dei dipinti migliori che erano poi consegnati al re, se considerati degni della sua collezione privata.
Le devastazioni da parte di re Carlo III cessarono grazie alle denunce di molti studiosi e, soprattutto, di J. Winckelmann. Nel 1765, infatti, sotto la direzione di F. La Vega, si stabilì che ogni edificio riportato alla luce, dovesse conservare in loco le proprie architetture e le opere non fisse esposte nel museo reale.
In seguito, con l’avvento dei francesi a Napoli, Pompei interessò molto Carolina Bonaparte, moglie del re di Napoli, che programmò lo scavo dell’intera cinta muraria,

in modo da individuare le porte della città e, quindi, i percorsi viari più importanti, con lo scopo di ottenere una certa continuità nei lavori.
Il programma risultò troppo ampio e, nel 1815, quando ritornarono i Borboni, il progetto era stato eseguito solo in parte.
Dal 1815 al 1863, ossia nel periodo borbonico, i lavori subirono un brusco rallentamento.
Nel 1863 la direzione dei lavori passò nelle mani di G. Fiorelli, che condusse l’opera egregiamente. Egli decise di applicare una nuova metodologia per eseguire gli scavi. Fino ad allora, infatti, venivano dapprima liberate le strade e poi da esse si penetrava nelle case, Fiorelli stabilì, invece, che si scavasse dall’alto in modo che risultasse più semplice, ed anche più preciso, il rilevamento di tutti gli elementi che costituivano le abitazioni. Sempre grazie a lui si riuscì a compiere una sistematizzazione topografica, che divideva i quartieri in Regiones, Insulae e case, e ad avere la restituzione della forma dei corpi delle vittime e di tutti gli elementi organici viventi al tempo dell’eruzione grazie all’uso di calchi di gesso. Gli organismi, infatti, dopo la decomposizione lasciarono il vuoto nella cenere del vulcano.
I successori di Fiorelli continuarono a seguire i suoi metodi per eseguire gli scavi e, in più, fecero in modo che anche i dipinti e i mosaici non fossero separati dal loro luogo d’origine.
Si arrivò poi alla direzione da parte del Maiuri, uno dei più determinanti studiosi nella storia degli scavi di Pompei, il quale, negli anni compresi tra il 1924 e il 1961, liberò tutta la cinta muraria della città. Egli diede inoltre il via al programma di indagini stratigrafiche per far luce sulla storia più antica dell’abitato.
I direttori dei lavori che sono succeduti al Maiuri si sono per lo più impegnati nelle opere di restauro di Pompei e, tutt’oggi, dei sessantasei ettari che costituivano la città ne sono stati portati in luce solo quarantaquattro.
Passando ad analizzare le tecniche costruttive in uso a Pompei è da rilevare il fatto che i materiali edili più comuni erano: la pietra di Sarno, la pietra lavica vesuviana, la schiuma di lava, il tufo grigio, il tufo giallo, i laterizi ed il travertino.
Mentre, per quanto riguarda le tecniche ricordiamo: l’opus quadratum, l’opus africanum, l’opus incertum, l’opus reticolatum, l’opus latericium, l’opus vittatum e l’opus vittatum mixtum.
I sistemi decorativi usati a Pompei sono quattro e vengono denominati “stili”. Questa categorizzazione è stata possibile grazie ad A. Mau, che nel 1882 scrisse la “Storia della decorazione parietale a Pompei”
Il più antico è il I stile, chiamato anche a “incrostazione” o “strutturale”. Fu utilizzato tra il 200 e l’80 a.C. e la sua caratteristica è quella di imitare elementi architettonici come cornici, lesene, bugne, utilizzando lo stucco e ottenendo, attraverso le decorazioni, un effetto simile al marmo.  Queste prerogative non furono mai abbandonate, neanche con l’avvento degli stili successivi.
L’età sillana, 80 – 25 a.C., fu caratterizzata dal II stile, detto anche “architettonico”, che vide l’uso degli elementi decorativi del I stile, con l’unica differenza che l’uso dello stucco fu sostituito dalla pittura.
Generalmente la decorazione era costituita da un alto podio, su cui si ergevano quattro colonne e, spesso, erano presenti dei quadri con scene naturalistiche e personaggi vari (un esempio lampante di questo tipo di decorazione si riscontra nella Villa dei Misteri).
Il III stile, “ornamentale”, in voga dal 25 al 35 a.C., vede solo delle revisioni rispetto al precedente: le colonne si assottigliano, assumendo le sembianze di colonne d’avorio lavorate, le decorazioni sono costituite da miniature, i colori assumono colori vivaci e gli sfondi sono, generalmente, bianchi o neri.
Il IV stile, “fantastico”, fu principalmente utilizzato dopo il terremoto del 62 d.C. e in esso si riscontrano diversi elementi del II stile, con una spiccata fantasia architettonica, e alcuni del III stile, con un accentuato tono decorativo. Quest’ultimo stile, proprio per le caratteristiche indicate,  dona alle architetture un aspetto irreale.
In questo stesso periodo, al IV stile si affianca un tipo di decorazione che include sia la pittura sia il rilievo in stucco.
Degna di nota è anche la cosiddetta pittura ”popolare” la cui caratteristica principale è quella di raffigurare le scene di vita quotidiana della popolazione più modesta di Pompei.
Per quanto riguarda i mosaici bisogna riscontrare che a Pompei non ne sono stati ritrovati molti e, i pochi presenti, riguardano per lo più le decorazioni dei pavimenti. Questi erano composti da piccole tessere in pietra, in pasta vitrea e, soprattutto, in marmo. Le tipologie dei mosaici erano: l’opus tesselatum, a motivi geometrici, l’opus vermiculatum, con scene pittoriche chiamate “emblemi”, e l’opus sectile, composto di marmi policromi racchiusi in un quadrato o in un cerchio, anche in questo vi erano raffigurati degli emblemi.

 
HP  
.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HP