Pintoricchio - Libreria Piccolomini, Duomo di Siena

Text by Frida De Salve

 

E-mail



Photo  Bruno Balestrini

HP


ENEA SILVIO PICCOLOMINI RECEIVING THE CARDINAL’S CHAPEL   

In 1456 Enea Silvio received the cardinal chapel from Pope Callisto III.
After this fresco his helpers took a more active part in the painting, evident in the decline of the composition.
Apart from the question of precision, however, it is necessary to verify that the scene presents an organic composition less dispersive in respect to the previous ones with a majestic passage of the luminosity at the forefront to the shade of the background.
In the centre of the chapel stands the altar with an altar-piece representing the Madonna between the saints James and Andrew.
Piccolomini and the Pope appear to stand out in the middle of the crowd, knowingly characterised by sharp and prematurely senile features.
  HP  

ENEA SILVIO PICCOLOMINI RICEVE IL CAPPELLO CARDINALIZIO

Nel 1456, Enea Silvio riceve il cappello cardinalizio da Papa Callisto III.
A partire da questo affresco si fa più massiccia la partecipazione degli aiuti nell’esecuzione dell’opera, cosa piuttosto evidente a causa di alcuni scadimenti compositivi.
Al di là di questa precisazione, comunque, bisogna constatare che la scena presenta una composizione organica e meno dispersiva rispetto alle precedenti con un magistrale passaggio dalla luminosità del primo piano alla penombra del fondo.
Al centro della cappella, spicca un altare, con una pala che raffigura la Madonna tra i Santi Giacomo e Andrea.
Tra i ritratti dei personaggi il Piccolomini e il Papa risultano quelli di maggior rilievo, sapientemente caratterizzati da lineamenti scarni e precocemente senili.