Photo
Bruno Balestrini

 


 
Pintoricchio - Biblioteca Piccolomini, Duomo di Siena

Text by Frida De Salve 

 

E-mail

 

HP

INTRODUCTION

At the beginning of the 16th century, Bernardino di Betto, known as “Pintoricchio” was hired to paint the Library in the Cathedral in Siena.
The commissioner was Cardinal Francesco Piccolomini Todeschini, the future Pious III, who with this work, wanted to render homage to the memory of his uncle, Enea Silvio Piccolomini, Pope Pious II.
At the centre of the Library the Cardinal destined the marble statues of the Three Graces, a Roman copy of an original Greek sculpture. He wanted to transform this room into a glorification of Enea Silvio who was a refined humanist, a superb poet, a fine diplomat and, lastly, a great Pope. 
The contract between the Cardinal and Pintoricchio was established on the 29th June 1502,  full of clauses in which the artist agreed to not accept other work until he had finished that in question.
It was then aknowledged that in the first few months of 1503 Pintoricchio was still in Perugia, perhaps engaged in sketching the first drawings for the Library in Siena and where he fell under the strong influence of Raffaello Sanzio.
Meanwhile his pupils, Matteo Balducci da Fontignano, Eusebio da San Giorgio and Giovanni di Francesco Ciambella, known as “Fantasy” had begun to decorate the vault, following the Master’s drawings and the commissioner’s wishes, with mythological scenes and not always chaste figures. This fact, however, could not and should not have been a motive of scandal in that the Library was not destined for any type of religious service, a situation made clear also, and above all, by the presence of the statues of the Three Graces and the function of the Library destined to house the masterpieces of classical literature of which Enea Silvio was a great admirer.
On the 21st September 1503 Francesco became Pope, on the 8th October he was crowned and on the 18th of the same month he died.
After the death of the Pope, Pintoricchio considered himself automatically exempt from all the clauses and for the whole of 1504 he did not touch the work. He began again in 1505 thanks to a new contract stipulated with the Pope’s brother, Andrea Piccolomini. They commissioned another scene not foreseen in the original project, the Coronation of Pope Pious III, that dominated the marble perspective of the Library. This fresco, the first to be painted, already showed the main ideas of the work but did not meet much success. The upper scene depicting the Pope between two cardinals is rather monotonous and lacks creativity, whilst other designs and some more interesting figures may be noted on the lower part.
The interior of the Library offers the observer an unforgettable spectacle. Many on entering the Library have tried to describe the room, permeated by such luminosity and richness of colour as to result unparalleled.
Indeed, Pintoricchio managed to describe the life and vicissitudes of Enea Silvio Piccolomini, portraying them with the colours of a beautiful and magic fairy tale.
But this prerogative certainly did not protect him from the critics over the years. They passed from the strong enthusiasm of the early visitors who were strongly convinced that the young Raffaello had participated in the paintings to the excessive and unjust condemnation of recent critics.
Despite all this, even the most severe critics found a particular fascination that escaped from the room where Pintoricchio painted his last great work.
To this purpose it is right to remember Berenson who, despite having classified this as a late work and one of the worst examples of Umbrian painting in the first part of the 16th century, he had to admit that the frescoes are full of an “undeniable enchantment”. According to Berenson this fact is probably attributed to a perfect architectonic-decorative division to render the space airy and so clearly emphasised as to leave the spectator amazed.
Even by analysing the history of Pious II there is a conspicuous participation of above-named helpers but, in comparison to the ceiling, it is perhaps thanks to an increased coordination that a great unity is noted.
It is also essential to reflect how, in a genial way, Pintoricchio resolved the painting that deals with a decisively dry theme, monotonous, lacking in imaginative possibilities or picturesque and romantic ideas. Indeed, the work is composed of a series of representations of official ceremonies amidst wealthy people, without any attraction.
Despite this Pintoricchio, forced to work with his commissioners behind his back, ready to defend the honour of their great ancestor at each occasion and not being able to allow particular extravagancy, felt at ease whilst painting this tedious work and used his best imagination, always inserting into his paintings stimulating and interesting decorations: elegant pages, splendid young men, placed almost to compensate the absence of female grace and frivolity, usually not permitted in that context and, above all, the splendid landscapes that he inserted in his boring ceremonies. The landscapes created from his imagination were green-blue gulfs with  ships, wide squares, enriched by airy portals, blue and limpid skies, with ducks, falcons, high plane and cypress trees  and even oriental palms.
In this case it is necessary to point out that almost all these splendid landscape backgrounds in the history of the Piccolomini family were directly painted by Pintoricchio without the help of his collaborators. Added to which, in most of the frescoes appear accessories of the people represented: shoes, damasks, silks, brocades, the use of intense and vivid colour, seeming to give life, one beside the other, to the floral compositions. It may therefore be concluded that this brief introduction to the work of the Piccolomini Library affirms that, despite all the defects that the critics have highlighted over the years, it is almost impossible to find such an intense richness of colour and great invention in the developing of such a profane story.
However to fully understand and appreciate this work, it is necessary to separate it from the works of Perugino, Raffaello and the large cycle of Renaissance artists and rather to consider it the last great work to be created in the flow of late Gothic taste.

    HP

INTRODUZIONE

Alle soglie del secolo XVI a Bernardino di Betto, noto come il “Pintoricchio”, veniva dato il compito di affrescare la Libreria nel Duomo di Siena.
Il committente era il cardinale Francesco Piccolomini Todeschini, futuro Pio III, il quale voleva, con quell’opera, rendere omaggio alla memoria dello zio, Enea Silvio Piccolomini, poi Papa Pio II.
Al centro della Libreria il cardinale aveva destinato il marmo delle Tre Grazie, copia romana di un originale ellenistico. Egli voleva trasformare quell’aula in una glorificazione di Enea Silvio, umanista raffinatissimo, sommo poeta, grande diplomatico e, infine, grande Papa.
Il contratto tra il cardinale e il Pintoricchio fu stipulato il 29 giugno del 1502, ricco di clausole in cui il pittore si impegnava a non accettare altri lavori fino alla fine dell’opera in questione.
Si è poi constatato che il Pintoricchio nei primi mesi del 1503 era ancora a Perugia, forse impegnato ad abbozzare i primi disegni destinati alla Libreria senese, dove pare che abbia ricevuto una forte influenza dall’allora giovane Raffaello Sanzio.
Nel frattempo i suoi allievi, Matteo Balducci da Fontignano, Eusebio da San Giorgio e Giovanni di Francesco Ciambella, noto come il “Fantasia”, avevano iniziato ad ornare la volta, seguendo i disegni del Maestro e i voleri del committente, con scene mitologiche e soggetti in atteggiamenti spesso non castigati. Questo fatto, però, non poteva e non doveva essere motivo di scandalo, in quanto la Libreria non era destinata ad alcun tipo di servizio di culto, situazione resa chiara anche, e soprattutto, dalla presenza della statua delle Tre Grazie e dalla funzione della Libreria, destinata a raccogliere i capolavori della letteratura classica, di cui Enea Silvio fu grande estimatore.
Il 21 settembre del 1503, Francesco diventava Papa, l’8 ottobre veniva incoronato e il 18, di quello stesso mese, moriva.
Dopo la morte del Papa, il Pintoricchio si ritenne, automaticamente, sciolto da tutte le clausole e, infatti, per tutto il 1504 non mise mano all’opera. I lavori ripresero nel 1505, grazie ad un nuovo contratto, stipulato questa volta con il fratello del Pontefice, Andrea Piccolomini. Questi gli commissionò un’ulteriore scena, non prevista nel progetto originario, l’Incoronazione pontificale di Pio III, che sovrasta il prospetto marmoreo della Libreria. Quest’affresco, il primo ad essere stato dipinto, mostra già le idee principali dell’opera, ma non ha riscosso molto successo. La scena in alto, dov’è raffigurato il Pontefice tra i due cardinali, è piuttosto monotona e priva di estro creativo, mentre si riscontrano alcuni motivi e alcune figure degni di maggior interesse solo nella parte inferiore.
L’interno della Libreria offre allo spettatore uno spettacolo indimenticabile. Molti sono stati coloro che, entrando nella Libreria, hanno cercato di descrivere quell’ambiente, permeato da una tale luminosità e una tale ricchezza di colori, da risultare impareggiabile.
Pintoricchio, infatti, riesce a descrivere la vita e le vicende di Enea Silvio Piccolomini, raffigurandole con i colori di una bella e magica fiaba.
Ma questa sua prerogativa non lo ha certo protetto dalle critiche che si sono susseguite nel corso degli anni.
Si passa, infatti, dai forti entusiasmi degli antichi visitatori, i quali è ormai certo che fossero fortemente suggestionati dalla convinzione che ai dipinti avesse partecipato il giovane Raffaello, alle eccessive ed ingiuste condanne della critica recente.
Nonostante tutto, anche i critici più severi hanno riscontrato un fascino particolare che si sprigiona da quella sala in cui Pintoricchio ha realizzato la sua ultima grande impresa.
A questo proposito è giusto ricordare il Berenson che, nonostante abbia classificato quest’opera come tarda e come uno dei peggiori esempi di pittura umbra del primo ‘500, ha dovuto ammettere che gli affreschi sono dotati di un “incanto innegabile”. Secondo il Berenson questo fatto è attribuibile, probabilmente, alla perfetta ripartizione architettonico-decorativa, tale da rendere l’ambiente arioso e così chiaramente scandito da lasciare lo spettatore stupefatto.
Anche analizzando le storie di Pio II si riscontra una cospicua partecipazione degli aiuti sopraccitati, ma, rispetto al soffitto, forse grazie ad una coordinazione maggiore, si nota una grande unità d’insieme.
È essenziale riflettere anche su come Pintoricchio, in maniera geniale, risolve quest’opera, che tratta un tema decisamente arido, monotono, privo di possibilità fantasiose, di spunti pittoreschi e romantici. L’opera, infatti, è costituita da una serie di rappresentazioni di cerimonie ufficiali tra facoltosi personaggi, privi di qualsiasi attrattiva.
Ciononostante, il Pintoricchio, costretto a lavorare con i committenti sempre alle spalle, pronti a difendere l’onore del loro grande antenato in ogni occasione, e non potendo permettersi stravaganze particolari, si è sentito a suo agio nel compiere quell’opera tediosa, usando al meglio la sua fantasia e inserendo sempre, all’interno dei dipinti, motivi stimolanti e degni d’interesse: eleganti paggi, splendidi giovinetti, quasi posti a compensare l’assenza della grazia e della frivolezza femminili, motivi non concessi all’interno di quel contesto, e, soprattutto, gli splendidi paesaggi in cui ha inserito le noiose cerimonie. I paesaggi creati dalla sua fantasia sono costituiti da golfi verde-azzurri in cui irrompono vascelli, grandi piazze, arricchite da ariosi porticati, cieli azzurri e limpidi, adorni di anatre, falchi, altissimi pioppi e cipressi e, addirittura, palme d’oriente.
A questo proposito, è necessario precisare che quasi tutti questi splendidi sfondi paesistici, nelle storie piccolominèe, sono stati eseguiti direttamente dal Pintoricchio, senza l’aiuto dei collaboratori; inoltre, in gran parte degli affreschi, spiccano gli accessori dei personaggi raffigurati: calzari, damaschi, sete, broccati, i quali assumono, sotto il pennello del Maestro, un aspetto sorprendentemente naturale, grazie soprattutto all’uso di colori intensi e vivaci, che sembrano dar vita, l’uno accanto all’altro, a delle composizioni floreali.
Si può, dunque, concludere questa breve introduzione all’opera della Libreria Piccolomini affermando che, nonostante tutti i difetti che la critica ha messo in evidenza, nel corso degli anni, è quasi impossibile trovare un’altra opera di quel periodo, ma anche del Pintoricchio stesso, che presenti una tale qualità immaginativa, una così intensa ricchezza di colore e una così grande inventiva nello sviluppare una storia profana.
Bisogna chiarire, comunque, che per capirla ed apprezzarla pienamente, è necessario distaccarla dalle opere del Perugino, di Raffaello e dai grandi cicli del Rinascimento, e considerarla, piuttosto, l’ultima grande opera compiuta sulla scia del gusto tardo gotico.