Testo di Roberto Marini

foto di B. Balestrini

 

E-mail

 

Photo

 

Pisanello
(about 1395-1455) and the frescoes in Mantua (1439-44 or 1447)

In the “conspiracy" that surrounds the saga of the Graal, the cycles of frescoes painted by Pisanello and commissioned by Ludovico Gonzaga in about 1440, merit respect. Firstly, the work was unfinished. Then it was partially, if not substantially, destroyed: the collapse of the ceiling beams, then heavy marks scored with a pick-axe and covered by a coat of lime and a complete reconstruction of the Hall until it was literally  destroyed. Forgotten and cancelled. Finally, the casual, if not miraculous, discovery in the quite recent ‘60s of the last century and the difficult but advantageous recovery. Unusual for the time, the Hall did not have a name (for example “the knights of the Round Table” or “Lancelot”) but was known as the Hall of Pisanello as if to give great importance to the artist or to leave him all the responsibility for what he has painted.

The history of the works of Pisanello is marked by collapse and loss: the Hall of the Great Council in Venice, destroyed; the frescoes in the castle of Pavia, lost; the decoration of the church of San Giovanni in Laterano, removed and restored by Borromini. In the Pellegrini chapel of Saint Anastasia in Verona there remains only the famous and splendid episode of Saint George and the Princess. Perhaps a destiny common to many frescoes, linked to the lack of solidity of their supports; but a ferocious attack against Pisanello. Obviously only a series of unfortunate accidents. But that intervention by Borromini………..(Incidentally, what relationship did Borromini have with the noble Vatican? And why, when he was already working under Bernini, did he become an enemy, and not only artistically?

Bernini, together with Galileo, was one of the major exponents of the Illuminists and was practically outlawed, apart from the successive reconciliation with pope Innocence X who weakly opposed the Treaty of Westfalia and the relativism of “cuius regio eius religio”. That’ fine, it’s imagination, however……..what do we know about Borromini’s suicide?

Let’s return to Mantua, with the fortunate possibility of seeing a whole work of art in the making. The remaining fragments and restoration of the fresco need little comment, the compactness of the action of the scene, the daring visual representation and the attention to detail, painted by someone who little suspected to be forced to suspend his work due to a contrast with the painting’s commissioners. The sinopie, the quick brush strokes drawn for the successive painting are no less interesting: they show the artist’s intentions, his questionings, his regrets, the way he invented and placed the enormous number of figures that participated in the battle.

And the Sacred Graal? There is no doubt that it is the protagonist according to the profound analysis by Giovanni Paccagnini   (Pisanello and the Horse Cycle in Mantua, Electra Publications, no date),  after his discovery of the works and the literary references in the Gonzaga library that originated the idea of the frescos, including the already popular French Arthurian cycles “la Queste del Saint Graal, the Percival ou conte del Graal by Chrétien de Troyes, the Roman de Tristram. The battle of the knights depicted by Pisanello is not the usual tournament, an exhibition of valour in front of nobles and beautiful maidens, Guenever and Isotta. But rather the job of continuing the search (la queste) for the Sacred Chalice that had collected Christ’s blood, at first metaphorically during the Last Supper, then actually, it is said, after Longino’s lance pierced his body. Lancelot and Tristram fought at Louverzep for this higher mission after having seen or decreed the defeat of the other proud knights: Calibor as dures mains, Arfessart le gros, Malies de l’espine, Sardue le blans, Kallas le petit, Calaarot le petit, Patrides au cercle d’or. And others. But how were they identified? Simply because of the names that appear beside the various figures in the sinope. Unexpected captions, unnecessary for a work that was certainly not originally intended for the public eye.

Pisanello perhaps wanted to identify his characters in order to say exactly who they were, knights of the Round Table and not his invented fighters, a message that blazed from the walls of the Palace: the insane and destructive dispute that provoked “ la queste”. He celebrated the knight’s heroism and the threatened beheadings. The scene is full of violence and the decision by Pisanello to illustrate the battle near its end rather than in its preparation or at least during the fighting seems to be one that Marquis Ludovico did not like.

Too many corpses, dead bodies lying face down on the ground at odd angles, threatened executions, an impaled knight moving on his hands and knees, blows from the back, frightened horses. This is a representation that has little in common with the mythical knight’s code. The interruption of his work probably began here, as mentioned by Paccagnini (op.cit.pag.54) due perhaps (to) the scarce response to Pisanello’s decadent vision to that commemorative concept of “nobility, military and knightly virtue”

The significance of “decadent” is not clear; Pisanello’s vision was probably only realistic or at least informed. Work was therefore suspended, then hidden, as the Gonzaga court did not consider it correct to show others or prancing knights in a bad light, it would have been more useful to give them a halo of glory whilst they butchered the service of their lords. Ludovico, also known as the Turk, Belloni reminds us, “paid to fight” and it was he, who perhaps hoped to send his knights as part of the never begun Crusade against Turkey organised by Pious 11, who had generously housed the Diet of Convocation in 1459. To illustrate that even the battle for the Graal, not to speak of a Crusade, was a matter of death, dust and human blood probably sounded obscene.

The cruelty (crudus-crudelis and cruentis all have the root word CRU in common from the word cruor meaning blood and more specifically “veins”) of this fresco cancel the nobility from the “knightly” activity, which became or already was, the work of mercenaries. But who was it who really blocked Pisanello? Do we really want to be investigators? This might probably only serve to guide us with more attention through his frescoes and sinopie in Mantua.

 

 

HomePage

a

Pisanello
(1395 circa - 1455) e gli affreschi di Mantova (1439 - 44 o 1447)

  Nel mistero “cospirazionista” che circonda la saga del Graal, il ciclo di affreschi commissionati a Pisanello da Ludovico Gongaza intorno al 1440 meriterebbe un posto di rispetto. Per prima cosa, il lavoro è rimasto incompiuto. Poi è andato parzialmente, se non sostanzialmente, distrutto: il cedimento delle travi del soffitto, quindi robuste picconate e mani di calce, e una completa ristrutturazione della Sala, fino a mandarlo - letteralmente - in soffitta. Dimenticato e cancellato. Infine, il ritrovamento casuale se non “miracoloso” e abbastanza recente degli anni Sessanta del secolo scorso, e il faticoso ma proficuo recupero.

Cosa insolita per l’epoca, la sala non aveva un nome (ad esempio, “dei cavalieri della tavolo rotonda” o “di Lancillotto”), ma veniva chiamata “sala del Pisanello” - come per riconoscere grande importanza all’artista, o per lasciargli tutta intera la responsabilità di quanto raccontava.

La storia delle opere del Pisanello è segnata da crolli e perdite: Sala del Maggior Consiglio a Venezia, distrutta; affreschi del castello di Pavia, perduti; decorazione di San Giovanni in Laterano, rimossa dalla ristrutturazione di Borromini. A Verona, nella cappella Pellegrini di Santa Anastasia, resta solo il celebre e splendido episodio di San Giorgio con la Principessa. Forse è un destino comune a molte opere d’affresco, legate alla solidità del supporto; ma molto accanito contro Pisanello. Ovviamente, è solo una serie di sfortunati incidenti. Ma quell’intervento di Borromini… (A proposito, Borromini in quali rapporti era con la nobiltà vaticana? E perché, già alle dipendenze di Bernini, ne diventò un avversario non solo artistico?

Bernini era con Galileo uno dei massimi esponenti della setta degli Illuminati, e che fu praticamente messo in quarantena, salvo successiva riconciliazione, da papa Innocenzo X, che si oppose debolmente al trattato di Westfalia e al relativismo del cuius regio eius religio. Va bene, è fantasia, però… cosa sappiamo in realtà del suicidio di Borromini?

Torniamo a Mantova, dove resta la fortunata possibilità di vedere un’opera unica e per di più nel suo farsi. I frammenti di affresco rimasti e restaurati hanno bisogno di pochi commenti, per la compattezza d’azione della scena raffigurata, la visuale spericolata e i particolari curati come da chi non sospettasse di vedersi costretto a sospendere i lavori per un contrasto coi committenti. Le sinopie, i tratti veloci disegnati per la stesura successiva, non sono meno interessanti: mostrano le intenzioni dell’artista, i suoi ripensamenti, i pentimenti, il modo di inventare e disporre il numero enorme di figure che partecipano alla battaglia.

E il Sacro Graal? Che sia il protagonista non ci sono più dubbi, dopo le profonde analisi di Giovanni Paccagnini (Pisanello e il ciclo cavalleresco di Mantova, Electa Editrice, senza data) che, dopo il ritrovamento da lui operato, ha scavato nella biblioteca dei Gonzaga alla ricerca dei riferimenti letterari che hanno originato l’idea dell’affresco: tra questi gli allora molto popolari cicli arturiani francesi, la Queste del Saint Graal, il Perceval ou conte del Graal di Chrétien de Troyes, il Roman de Tristan. La battaglia tra i cavalieri raffigurata da Pisanello non è un torneo come tanti, un’esibizione di valentìa davanti alle ben note e belle dame, Ginevra e Isotta. La posta in gioco non consisteva nelle loro grazie, ma nell’incarico di proseguire la ricerca (la queste) del sacro calice che aveva raccolto il sangue di Cristo, prima metaforicamente durante l’ultima cena, poi concretamente, si dice, a opera della lancia di Longino. Lancillotto e Tristano si combattono a Louverzep per questa missione ben più alta, dopo aver visto o decretato la sconfitta di altri prodi cavalieri: Calibor as dures mains, Arfassart li gros, Malies de l’espine, Sarduc li blans, Kallas le petit, Calaarot le petit, Patrides au cercle d’or. E altri. Ma come sono stati identificati? Semplicemente perché nelle sinopie appaiono dei nomi accanto ai vari personaggi. Didascalismo inatteso, non necessario in un ambiente colto come quello dei Gonzaga, né richiesto per un’opera certamente non destinata in origine al grande pubblico.

Pisanello voleva forse identificare i suoi personaggi per dire che proprio di loro si trattava, dei nobili della Tavola Rotonda e non di combattenti di sua invenzione, e mandare un messaggio che uscisse dalle mura del Palazzo: far sapere quale disputa insana e distruttiva avesse scatenato la queste. Celebrava l’eroismo dei cavalieri, ma a modo suo: ne faceva vedere anche i cadaveri scomposti e le minacciate decapitazioni. La scena è di grande violenza, e già la decisione di illustrare la battaglia verso la sua fine, anziché nei suoi preparativi o almeno in una fase di equilibrato svolgimento, sembra una scelta di Pisanello che non deve essere piaciuta al marchese Ludovico. Troppi morti: cadaveri bocconi e riversi e sempre scomposti, esecuzioni minacciate sul posto, un cavaliere trafitto che si muove a quattro zampe, colpi inferti alla schiena, cavalli scossi. Una rappresentazione poco in sintonia col mitico codice cavalleresco. Da qui, probabilmente, l’interruzione dei lavori; come dice Paccagnini (op. cit., pag. 54), dovuta “forse [al]la scarsa rispondenza della visione decadente del Pisanello a quei concetti commemorativi” di “nobiltà, di virtù militare e cavalleresca”. Sfugge il significato di “decadente”: la visione di Pisanello era probabilmente solo realistica o almeno informata. Non risulta una sua passione per il macabro, anche se a Verona, sopra San Giorgio e la Principessa, è riuscito a inserire un paio di impiccati: elementi comuni nel paesaggio cittadino dei tempi.

I lavori sono quindi stati sospesi, poi nascosti, perché nella corte dei Gonzaga si riteneva che non fosse il caso di far vedere sotto cattiva luce altri e reali cavalieri scalpitanti: anzi, sarebbe stato utile dare loro un alone di gloria, mentre macellavano al servizio dei principi. Il committente Ludovico, come ricorda Maria Bellonci, “militava a stipendio”; e, lui che era detto il Turco, sperava forse di far partecipare le sue milizie alla crociata (mai iniziata) contro la Turchia voluta da Pio II, se ne aveva generosamente ospitato la dieta di convocazione nel 1459. Illustrare  anche la battaglia per il Graal - per non parlare di una crociata - era faccenda di morte e polvere e sangue umano doveva suonare come una bestemmia.

La crudeltà (crudus-crudelis e cruentus hanno in comune la radice CRU di cruor, sangue - nello specifico, quello venoso) di questi affreschi toglie non poca nobiltà all’attività “cavalleresca” diventata, o sempre stata, un lavoro da mercenari. Ma chi ha veramente bloccato Pisanello? E ci interessa davvero, fare gli investigatori? Forse può servire solo a guardare con un po’ più di attenzione i suoi affreschi e le sinopie di Mantova.

.

 

 




Overall view of the frescoes, with the Battle in the centre.

Visione d'insieme degli affreschi mantovani, con al centro la Battaglia.

Detail of the knights in combat.

La Battaglia, particolare dei cavalieri in lotta.

 


Continuation of the frescoes on the long inside wall adjacent to the wall with the Battle. Continuità degli affreschi dalla parete lunga interna alla parete della Battaglia.


Group of warriors on bottom part of the Battle fresco.

Gruppo di guerrieri nella parte inferiore della Battaglia. 


Arthurian chivalric cycle: knight
(Meldons li envoissiez),
detali of sinopia.

Ciclo cavalleresco arturiano: cavaliere
(Meldons li envoissiez),
particolare della sinopia.

Arthurian chivalric cycle: knight in the act of killing a kneeling warrior (Bors and Priadamus?), detali of sinopia.

Ciclo cavalleresco arturiano: cavaliere in atto di uccidere un guerriero inginicchiato
( Bohort e Priadan?), particolare della sinopia.

Detail of fragment showing ladies under a canopy.
Particolare del frammento con dame sotto il baldacchino.

The great castle, detail of sinopia.
Il grande castello, particolare della sinopia.


Arthurian chivalric cycle: The Battle; dead warriorlying on his back on the ground. Ciclo cavalleresco arturiano: La Battaglia; guerriero morto riverso a terra.

Arthurian chivalric cycle:  warrior. detail of fresco Ciclo cavalleresco arturiano: guerriero.

Group of warriors, detail of the first sinopia, completely altered in the fresco. Gruppo dei guerrieri, particolare della prima sinopia, copletamente modificata nell'affresco. 

Group of knights; detail of the fresco at right end of long inside wall. Gruppo di cavalieri, particolare dell'affresco.

Arthurian chivalric cycle: warriors, detail of fresco. Ciclo cavalleresco arturiano: guerrieri, particolare dell'affresco.

Arthurian chivalric cycle: portrait of a lady.
Ciclo cavalleresco arturiano: ritratto di una donna, particolare dell'affresco. 
 

Head of a horse. Paris, Louvre
(Drawing N° 2360)

Testa di cavallo. Parigi, Louvre
(Disegno N° 2360)

 

 

Arthurian chivalric cycle: warriors, detail of fresco.

Ciclo cavalleresco arturiano: guerrieri, particolare dell'affresco. 

 


Arthurian chivalric cycle: The Battle; knight standing, looking at a fallen warrior, detailò of fresco.

Ciclo cavalleresco arturiano: La Battaglia; cavaliere in piedi che guarda un guerriero caduto, particolare dell'affresco.

Arthurian chivalric cycle: The Battle; kneeling warrior pierced by a lance, detail of fresco.

Ciclo cavalleresco arturiano: La Battaglia; guerriero trafitto inginocchiato, particolare dell'affresco. 


Arthurian chivalric cycle: The Battle; the dwarf, detail of fresco

Ciclo cavalleresco arturiano: La Battaglia; il nano, particolare dell'affresco.


Arthurian chivalric cycle: The Battle; warrior fallen face downwards, detail of fresco.

Ciclo cavalleresco arturiano: La Battaglia; guerriero caduto bocconi, particolare dell'affresco. 

 

Arthurian chivalric cycle: group of fighting warriors, detail of fresco.

Ciclo cavalleresco arturiano: gruppo di guerrieri combattenti, particolare dell'affresco.

 

Head of a Negro. Paris, Louvre (Drawing N° 2324).

Testa di moro. Parigi, Louvre (Disegno N° 2324).