E-mail

 

 

HP

 

 

 

 

 

 

 

 

KARIYE-CAMII (THE CHURCH IN CHORA)

The name Kariye-Camii was given by the Turks to the church transformed into a mosque after the taking of Constantinople.
It is held to be, after Hagia Sophia, the most important Byzantine church in Istanbul, not only from an architectonic point of view but rather thanks to the internal decorations that show a series of 14th century mosaics and frescoes thought to be the most beautiful in the world.
The architectonic composition of the church of the Saviour of Chora, the original name of Kariye- Camii, is a disorderly mixture of different elements that are not visible from outside the building.
Built after the 11th century, this church was restored between 1316 and 1321 by Teodoro Metachites, a learned statesman, who added the two narthexes and the funeral parekklesion to the original monastery to the south of the church. The adaptation of the new parts as a functional necessity to those already in existence caused numerous stylistic irregularities. 
For this reason the architecture results inferior in respect to the marble covering and the famous frescoes and mosaics found inside to which Metochites had dedicated more attention.
What really amazes the visitor is the impression of finding oneself not in front of a simple wall decoration but rather a jewel.
This impression is due to the splendid colours that are accentuated by a carefully studied illumination, by the frequent use of gold, a detailed execution and the way in which most of the images are reduced in size, perfectly adapted to the architecture.
 
It may safely be said that the richness of the decoration can not be found in any other Byzantine church of that time.
Most of the mosaics and the frescoes in Kariye-Camii are to be found on the vaults whilst the walls are completely covered by polychrome marble. The few paintings to be seen on the lower walls inside are, however, either painted or protruding marble frames forming niches, lunettes or arches.
The artist uses colour in a variety of similar tones contrasting with the fundamental colours.
The disharmonious effect that might have come from this contrast is toned down at the back where gold is used instead.
The irregular painting of the background gives life to the characteristic sparkling effect.
To make this effect even more precious are the ornamental elements, frames and medals then enrich the images.
It is thought that the mosaics in this church represent the synthesis of the Renaissance of the Palaeologus whose most important characteristic may be found in the tendency to portray the incarnation of Christ and his life on earth in a lively way and to fill the sacred figures with emotive significance so much so as to make them lose their absolute frontal image and immobility in order to become agile and in movement
This novelty gave a certain volume to the figures that required a space in which to be inserted. This is the reason why inside Kariye-Camii there exists a certain relationship between landscape and architecture rarely seen before.
A concrete example of this is the Return to Nazareth where the city is surrounded by a splendid, hilly landscape and beautiful, tree-filled gardens and The Annunciation to Anne, in the garden where the scene takes place, a vast architectonical complex appears, accurate in all its proportions.
The Greek influence is obvious in these and many other examples including the Marriage of Cana.
A particular episode takes place here with a man slitting the throat of a calf.
Both appear vigorous, their anatomy portrayed in minute detail to show the muscles and the idea of being in perfect symbiosis so that they seem fused is evident.
It has often been sustained that the mosaics of Kariye-Camii are without realistic innovation, something quite common in Byzantine art but this is absolutely untrue. In fact, there are some faces and a characteristic deformation of noses that are completely realistic and were not then common in Byzantine representations. Apart from these peculiarities one should also remember the importance of the use of luminous rays, essential
in the realistic representation of the scene.
A concrete example to explain this effect may be seen in The Miracle of water transformed into wine  where the orchus at the front is hit by this ray of light and assumes a three-dimensional aspect.
Apart from these elements, however, there exists a notable presence of figures from classical treatises following the more common Byzantine traditions.
It is also necessary to highlight how the figures, despite being portrayed with a well-defined
musculature, appear fragile with their decisively small heads and their thin legs and everything is represented in such a precise and detailed fashion as to assume a precious and refined aspect that recalls in many ways Gothic painting.
Amongst the more important elements particular emphasis should be placed on the artist’s knowledge of anatomy and how he has replaced the typical outline of the anatomical parts of the Byzantine nude with the use of a hazy light and shade and an extraordinary knowledge of perspective.
The representation of the evangelic story in the mosaics of Kariye-Camii assumes a fable-like aspect that exceeds with poetry  the common static-repetitive characteristics, typical of Byzantine works of art.
The most admired mosaics in the church are the great cycle found in the vaults but to experienc the true atmosphere in Kariye-Camii it is important to mention those mosaics that are isolated and placed on the walls of the nave and vestibule with the figures of Christ, the Virgin and the apostles.
Of note are the two medallions on the two domes of the narthexes depicting Christ and the Virgin and Child, with two overlapping rows of Jesus’  biblical ancestors on one side and the prophets and other characters from the Old Testament on the other. This last observation is rather important as Byzantine art never represented biblical scenes apart from those from the Palaeological era.
It is possible at this point to make a topographic distinction between the biblical cycle in the vestibule and that of scenes in the New Testament in the nave.
The particularity of these works is that the stories are limited to Mary’s infancy, then to that of Jesus and finally his miracles in the rest of the evangelic story.
The scenes regarding Mary’s infancy and that of Jesus are in the vaults
and the tympanum of the narthexes and on part of the vaults of the hexonarthexes.
The mosaics concerning Jesus’ miracles are, however, placed in the vestibule and remain isolated in respect to the series of great evangelical festivities that includes all the other representations and whose essential theme was the Waiting for the son of God and his incarnation.
In the arches between the vaults of the two narthexes is a lengthy series of saints and martyrs whilst in the tympanum is a mosaic representing the Virgin holding Baby Jesus to her breast.
An inscription in which one reads:
 “village (Chora) with no village”, recalling the Greek name of the monastery.
In the south chapel are the frescos of the Descent to Jericho and two scenes of resurrection by Christ.
The vault facing the apse is completely dedicated to the Final Judgement, whilst in the second vault some biblical events are retold in great historical scenes, judged to be the emblems of the Mother of the Saviour.
Other splendid image may be found in the dome of the entrance nave: a Virgin and Child surrounded by a circle of Angels.

 
HP                            

KARIYE-CAMII (CHIESA DI CHORA)

l nome Kariye-Camii fu dato dai Turchi alla chiesa, trasformata in moschea dopo la presa di Costantinopoli.
Essa è ritenuta, dopo Hagia Sophia, la chiesa bizantina più importante di Istanbul, non soltanto dal punto di vista architettonico quanto, piuttosto, grazie alla decorazione interna che presenta una serie di mosaici ed affreschi del secolo XIV fra i più belli nel mondo. La composizione architettonica della chiesa del Salvatore di Chora, nome originario della Kariye-Camii, si presenta come un insieme disordinato di elementi diversi, nonostante questa irregolarità non sia per nulla visibile dall’esterno.
La chiesa, non anteriore al secolo XI, fu restaurata tra il 1316 e il 1321 da Teodoro Metochites, dotto statista, che al monastero originale fece aggiungere i due narteci e il parekklesion mortuario, a sud della chiesa. Dovendo le parti nuove adattarsi a quelle esistenti e a determinate esigenze funzionali, causarono diverse irregolarità stilistiche. È sicuramente per questo motivo che l’architettura risulta inferiore rispetto ai rivestimenti marmorei e ai famosi affreschi e mosaici interni, cui peraltro Metochites dedicò le sue maggiori attenzioni.
Ciò che veramente lascia strabiliati i visitatori è l’impressione di trovarsi non di fronte a decorazioni parietali bensì a dei gioielli.  L’impressione che si avverte è dovuta ai colori splendenti, accentuati da un’illuminazione attentamente studiata, all’uso frequente dell’oro, ad un’esecuzione dettagliata e al modo in cui tutte le immagini, eseguite per di più in scala piuttosto ridotta, si adattano perfettamente alle architetture. Si può affermare con certezza che la preziosità di tutta la decorazione non ha paragoni di rilievo in nessun’altra chiesa bizantina dell’epoca.
La maggior parte dei mosaici e degli affreschi di Kariye-Camii si trova sulle volte, mentre le pareti sono quasi totalmente rivestite da marmi policromi.
I pochi riquadri che trovano posto sulle pareti inferiori sono, comunque, sempre all’interno di cornici sporgenti, dipinte o in marmo, e tali da formare una nicchia, una lunetta o un’arcata. L’artista utilizza il colore in una varietà di toni piuttosto simili, contrastati poi dai colori fondamentali. L’effetto disarmonico che potrebbe derivare da questo contrasto viene smorzato dal fondo, per il quale viene usato l’oro. Inoltre, la stesura irregolare del fondo dà vita al caratteristico effetto scintillante. Ad impreziosire ulteriormente l’insieme vi sono gli elementi ornamentali, cornici e medaglioni, che arricchiscono le immagini. È stato sostenuto che i mosaici di questa chiesa rappresentano la sintesi del Rinascimento dei Paleologi, le cui caratteristiche più rilevanti si riscontrano nella tendenza a raffigurare con vivacità l’Incarnazione di Cristo e la sua vita terrena e nel dotare i personaggi sacri di significati emotivi, tanto da fargli perdere la frontalità e l’immobilità assoluta e portarli ad agire e a muoversi. Quest’ultima novità porta a dotare di un certo volume le figure le quali necessitano di uno spazio in cui essere inserite. Ecco perché all’interno della Kariye-Camii si attesta un certo legame fra paesaggi ed architetture, raramente visto fino ad allora. Per fare degli esempi concreti su questa constatazione citiamo: il Ritorno a Nazareth, dove la città è circondata da splendidi paesaggi collinari e da bellissimi giardini alberati e l’Annuncio ad Anna dove, nel giardino in cui si svolge la scena, appare un vasto complesso architettonico, studiato accuratamente nelle proporzioni. 
È indiscutibile la derivazione ellenistica di questi esempi e di molti altri, tra i quali poniamo l’accento sulle Nozze di Cana. Qui si svolge un particolare episodio in cui un uomo sgozza un vitello. Entrambi appaiono vigorosi, raffigurati con una minuziosa attenzione all’aspetto anatomico per evidenziarne la muscolatura, e danno l’idea di trovarsi in perfetta simbiosi, tanto da sembrare un tutt’uno. È stato spesso sostenuto che i mosaici della Kariye-Camii sono privi di innovazioni realiste, fatto peraltro frequente nell’arte bizantina, ma questo non è assolutamente vero. Infatti, all’interno delle raffigurazioni risaltano alcuni volti e una caratteristica deformazione del naso, del tutto realistici e per nullacomuni fino ad allora nelle rappresentazioni bizantine. Oltre a queste peculiarità bisogna ricordare anche l’importanza dell’uso del raggio luminoso, essenziale per rendere  realistiche le raffigurazioni.
Un esempio concreto  per spiegarne l’effetto può essere rappresentato dal
Miracolo dell’acqua trasformata in vino, dove gli orci in primo piano, colpiti da questo raggio, assumono una propria tridimensionalità.
Oltre agli elementi esaminati, comunque, si riscontra una presenza notevole di personaggi dai tratti classici, secondo le più comuni tradizioni bizantine. È necessario anche mettere in rilievo come i personaggi, nonostante siano raffigurati con una ben delineata
muscolatura, appaiano fragili, con le teste decisamente piccole e le gambe sottili e come il tutto venga rappresentato in modo talmente preciso e dettagliato da assumere un aspetto prezioso e raffinato che richiama alla memoria, per molti versi, la pittura gotica. Tra gli elementi di maggior rilievo bisogna porre un particolare accento sulla grande conoscenza dell’anatomia da parte dell’artista, il quale sostituisce il tipico contorno delle parti anatomiche del nudo bizantino con l’uso del chiaroscuro molto sfumato e su una strabiliante consapevolezza della prospettiva. 
Le rappresentazioni del racconto evangelico assumono, nei mosaici della Kariye-Camii, un aspetto fiabesco che supera con la poesia il comune carattere statico-ripetitivo, tipico delle opere bizantine. I mosaici più ammirati della chiesa sono i grandi cicli che trovano posto sulle volte, ma, per capire a fondo l’atmosfera che si percepisce all’interno della Kariye-Camii, è importante accennare ai mosaici isolati e disposti sulle pareti della nave e del vestibolo, in cui compaiono spesso Cristo, la Vergine e gli apostoli.
Ricordiamo i due medaglioni, posti sulle due cupole del nartece, che raffigurano rispettivamente il Cristo e la Vergine con il Bambino, attorno ai quali, in due file sovrapposte, sono raffigurati gli antenati biblici di Gesù da una parte, i profeti e altri personaggi dell’Antico Testamento dall’altra. Quest’ultima osservazione è piuttosto importante dal momento che l’arte bizantina non rappresenta mai i fatti biblici, se non nel periodo dei Paleologi. È possibile, a questo punto, fare una distinzione topografica che vede, nel vestibolo che precede la navata, i cicli biblici, e nella navata, i cicli attinenti al Nuovo Testamento. La particolarità dei racconti in quest’opera sta nel fatto che le storie sono limitate all’infanzia di Maria, poi a quella di Gesù e, per il resto della storia evangelica vengono trattati soltanto i miracoli di Gesù. Le scene riguardanti l’infanzia di Maria e di Gesù si trovano sulle volte e sui timpani del nartece e su una parte della volta dell’esonartece. I mosaici che riguardano i miracoli di Gesù, invece, trovano posto in un vestibolo e rappresentano un ciclo che resta indipendente dalla serie delle grandi festività evangeliche, che comprende tutte le altre rappresentazioni e il cui tema essenziale era l’attesa del Figlio di Dio e la sua incarnazione. Negli archi tra le volte dei due narteci sono raffigurati una lunga serie di santi e martiri, mentre in un timpano vi è un mosaico che raffigura la Vergine che tiene al petto il Bambino Gesù. A quest’immagine è annessa un’iscrizione in cui si legge: «paese (Chora) di chi non ha paese», la quale richiama il nome greco del monastero.
Nella cappella Sud si trovano gli affreschi relativi alla Discesa al Limbo e due scene di resurrezione ad opera di Cristo. La volta antistante all’abside è completamente dedicata al Giudizio Finale, mentre, nella seconda volta, attraverso grandi scene storiche, sono raccontati alcuni avvenimenti biblici, giudicati come emblemi della Madre del Salvatore. Altra splendida immagine si trova nella cupola della navata d’ingresso: una Vergine con il Bambino attorniati da un cerchio di angeli.

.