Thais - 1200 anni di scultura italiana - Scultura Rinascimentale

Scultura rinascimentale    Secolo X

VI

Marble, height cm 110, 1547.
Marmo, h. cm 110, 1547.

Firenze, Santa Maria del Fiore

HP

Bandini Giovanni    
Rilievi del recinto del Coro

Il motivo della figura campeggiante, a rilievo stiacciato o ribassato, su un fondo piatto incorniciato, dagli esempi classici era stato ripreso nel Medioevo, e rinnovato poi dagli artisti quattrocenteschi del «classicismo ritmico». Abbiam visto quale diversa interpretazione, di tensione dinamica e spirituale, ne avessero dato Donatello, Jacopo della Quercia e come fosse alla base del motivo della «Madonna della Scala» di Michelangelo. Quando il Bandinelli e i suoi collaboratori, come appunto il Bandini, lo applicarono alla decorazione del Coro fiorentino, dal 1547 in poi, le possibilità espressive di drammatico contrasto tra spirito e involucro che lo recinge e costringe, vengono completamente ignorate. Resta un gioco di contrappunti mimici e di incastri virtuosistici; gioco spesso fiacco, e solo nel miglior dei casi riscattato in una concettosa bizzarria manieristica.

Bandini Giovanni    
Relief of the Choir stall

The design of the prone figure, on the lower relief, on a framed, flat background according to the classical style came from the Middle Ages and was renewed by 14th century artists of “rhythmic classicism”. We have seen the different interpretations of dynamic and spiritual tension of Donatello, Jacopo della Quercia and how this was at the base of the “Madonna della Scala” by Michelangelo- When Brandinelli and his collaborators, such as Bandini, applied this idea to the decoration of the Florentine Choir stall after 1547, the expressive possibility of a dramatic contrast between the spirit and the covering, that encloses and constrains it, is completely ignored. It remains a play of miming counterpoint and virtuous embedding, one that is often weary and only, at the best of times, does it become a bizarre, mannered concept.