Thais - 1200 anni di scultura italiana - Scultura Gotica

Scultura gotica             

Secolo XIV

Marble, height cm 461. One of Giovanni's later works, 1302-1310.
Marmo, h. cm 461. Il pulpito è una delle opere tarde del maestro, realizzato tra il 1302 e il 1310.

Pisa, Duomo                       HP

Giovanni Pisano   Pulpito

La marcata convessità degli specchi e delle cornici maschera la pianta ottagonale del pergamo, in un cerchio ideale che non lascia pause al discorso espressivo. Agli archi trilobi si sostituiscono doppie mensole a volute e gli elementi di sostegno abbondano di motivi allegorici: al centro, sopra uno zoccolo con le Arti Liberali stanno le Virtù Teologali; in corrispondenza dell'accesso, da un lato le quattro Virtù Cardinali sostengono la Chiesa e dall'altro sugli evangelisti sovrasta la statua del Cristo; infine, Ercole e l'arcangelo Michele tengono il posto di due colonne. Giovanni attese a quest'opera monumentale dal 1302 al 1310, tra beghe e contrasti che dovettero amareggiarlo non poco. Lo schema dottrinario, che attinge alla tradizione catechetica fissata dalle elaborazioni monastiche, commista per altro, a molte citazioni, soprattutto nella parte simbolica, dalla sapienza classica, fu elaborato da Matteo Falconi esplicitamente ricordato in una delle iscrizioni.

Giovanni Pisano   Pulpit

The marked convexity of the panels and moldings, con­cealing the octagonal plan of the pulpit, creates an ideal circle that permits no pauses in expressing the narrative. Trilobed arches are replaced by doubled corbels with volutes, and the supporting elements abound in allegorical motifs: at the center, on a pedestal bearing small seated figures of the Liberal Arts, stand the three Theological Virtues; on one side of the access to the pulpit, the four Cardinal Virtues uphold the Church, and on the other, the figure of Christ is sustained by the Evangelists; finally, Hercules and the archangel Michael each replace one of the columns. Giovanni devoted himself to this monumental work from 1302 to 1310, amid quarrels and disputes that must surely have left him embittered. The doctrinal plan was worked out by Matteo Falconi, as explicitly recorded in one of the inscriptions: it embodies the traditional dogma as fixed in its monastic elaborations, and intermingled are also many symbolic references to classical learning.