Thais - 1200 anni di scultura italiana - Scultura Moderna

Scultura moderna

Secolo XX

Chalk, height cm 34,5, 1929.
Gesso, h. cm 34,5, 1929.

Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna

HP

Romanelli Romano   Ritratto

Purtroppo non erano molti gli artisti che come Martini ricercavano, comunque sia, un modulo per superare il morbido decadentismo della cultura tardo ottocentesca. Risultando inimitabile la personalissima poetica rossiana, veniva nuovamente riproposto con brutale necessità il problema della riconquista di una forma ideale in cui il vero trovasse una giustificazione meno contingente di quanto non lo fosse nel naturalismo sia d'origine bartoliniana che gemitiana. Diligenti statuari, Andreotti e Romanelli in testa, tentavano allora, e poi per troppo lunghi anni, la restaurazione ambigua di un accademico rigore neorinascimentale o neoellenistico; altri, come Wildt, scelse la via più sofisticata di un intellettualismo arrovellato, sempre infarcito di astruserie letterarie. Questa testa del Romanelli è già degli anni del «Novecento», ma dal tempo in cui aiutava il padre, pure statuario, come lo era stato il nonno, lo stile dello scultore non presenta soluzioni di continuità.