Thais - Scultura italiana - Scultura moderna

Scultura moderna

Secolo XX

Description: Polychrome wood, height cm 180, 1949-1950.
Descrizione: Legno policromo, h.cm 180, 1949-1950.

Zurigo, Collezione H. Krayenbuhl

HP

Marini Marino   Cavaliere

L'unione dell'uomo e dell'animale, per vero, è forse una delle più antiche e più spesso ricorrenti immagini cui la fantasia poetica si sia applicata. Riprendendo, e tanto assiduamente, Marino faceva nient'altro che riproporsi, al di fuori d'ogni dispersione illustrativa o aneddotica quello che è il problema di tutta la sua scultura: bloccare un'immagine in cui involucro geometrico e consistenza dell'oggetto si saldino in un cerchio di indefettibili necessità. Nel tema plastico dell'uomo a cavallo si assommano, in una casistica complessa, potenzialità statiche (forme orizzontali) e dinamiche (forme verticali). Fra i poli estremi di un'architettura immota e di una esasperante esagitazione, le soluzioni di questo antagonismo primordiale possono andare dalla possente sicurezza del bronzo di Rotterdam, alla panica fisicità del gruppetto del '47, fino alla tragica imponenza del legno svizzero.

Marini Marino    Horseman

The union of man and animal is one of the most ancient recurrent images of poetic fantasy. By so assiduously taking up the theme, Marini was restating, beyond any suggestion of the illustrative or anecdotal, the problem that was central to all his sculpture: to isolate an image in which the eometric surface and the consistency of the object are joined in a cycle of unfailing necessity. The sculptural theme of the man on horseback combines in complex ambiguity both static (horizontal forms) and dynamic (vertical forms) potentialities. Between the extremes of a motionless architecture and a mounting sense of excitement, the solutions of this primordial antagonism range from powerful security to panic, and finally to the tragic majesty of this work in Switzerland.