Scultura rinascimentale

Secolo XV

Description: Marble, height cm 195, this work was carved in Rome, in 1496, for the collector Jacopo Galli.
Descrizione: Marmo, h.cm 195. L'opera fu scolpita a Roma, nel 1496, per il collezionista Jacopo Galli.

Firenze, Museo Nazionale del Bargello

HP

Michelangelo Buonarroti   Bacco

Come Donatello nel «David» bronzeo e nell'«Eros Atys», anche Michelangelo invera il soggetto mitico e la sua interpretazione «privata» nel farne espressione di personali problemi e interessi. L'oggetto squisito da «cabinet d'amateur» diviene confessione poetica. Nella ripresa del naturalismo ellenistico, Michelangelo esprime un trepidante abbandono sensuale: rivela il torpido svolgersi del corpo, l'equivoco splendore e la molle plasticitŕ delle membra, il rapinoso scatto insolente del faunetto, nel morbido fluire dei volumi nella luce. Dall'imitazione dell'antico l'artista ha preso spunto per rivelare un aspetto della vita.

Michelangelo Buonarroti    Bacchus

Like Donatello’s bronze “David” and “Eros Atys”, Michelangelo used mythology and his own “private” interpretation to express personal problems and interests. The exquisite object of the “cabinet d’amateur” becomes a poetic confession. In this Hellenistic naturalism Michelangelo expresses a trembling sensual abandon, revealing the torpid movement of the body, an equivocal splendour and the soft plasticity of the member, the plundering insolent movement of the faun, in the morbid flow of the volumes of light. In imitating the antique, the artist gained ideas for revealing an aspect of life.