Scultura rinascimentale

Secolo XV

Description: Marble, height cm 83.
Descrizione: Marmo, h.cm 83.

Firenze, Museo Nazionale del Bargello

HP

Agostino di Duccio    Madonna del Carmine

Dopo le interpretazioni ritmiche, pittoricistiche, illusionistiche, che del particolarissimo stiacciato donatelliano della Madonna di Casa Pazzi daranno per tutto il secolo pittori e scultori, soltanto Michelangelo giovane ne comprenderÓ l'integrale significato. GiÓ nei rilievi di Agostino di Duccio lo stiacciato patetico ed energetico di Donatello e quello delicatamente e nervosamente sensibile di Desiderio, si trasformano in trama di contrappunti tra falde di piani tagliati nella luce e rabeschi di astratte fioriture lineari. Una cultura di tipo intellettualistico, che recupera nel gusto umanistico la tradizione aristocratica del gotico cosmopolitano e cortese, impiegando il repertorio neoattico e bizantino, cristallizza il libero flusso vitale del rilievo rinascimentale.

Agostino di Duccio    Madonna del Carmine

After the rhythmic, picturesque and illusionist interpretation  of this detailed work by Donatello of the Madona di Casa Pazzi by painters and sculptors throughout the century, only the young Michelangelo was able to understand its true significance. The relief by Agostino di Duccio, the pathetic and energetic plasterwork by Donatello and the delicate and nervously sensitive works by Desiderio were transformed into a weave of counterpoint with layers cut by the light and full of abundant, abstract lines. A culture of an intellectual type that re-used the aristocratic, cosmopolitan and noble Gothic tradition of humanistic taste, adapting the neo-Attic and Byzantine styles to crystallize the vital, free-flowing of Renaissance relief.