Scultura rinascimentale

Secolo XV

Description: Bronze, detail from the relief on the Second Pulpit, height about cm 60 about 1461.
Descrizione: Bronzo, particolare della formella del secondo pulpito, h. cm 60 circa. Databile al 1461 circa.

Firenze, Chiesa di San Lorenzo

HP

Donatello     Resurrezione

Da una visione a largo orizzonte, che abbraccia e coinvolge nel nucleo drammatico della scena i pił vasti e complessi ambienti naturali e architettonici, quale era quella dei rilievi padovani, sembra ora che il vecchio Maestro avvicini la mira ai singoli episodi, pur collegandoli in una intelaiatura tutta animata e articolata in strutture di un realismo scenografico di straordinaria oggettivazione. Il Cristo si leva faticosamente dal sonno della morte, straziante figura che giganteggia sull'ambiente da sacra rappresentazione: «una potenza superiore a lui stesso lo trae dalla morte alla vita, tra il sonno irreparabilmente spento dei soldati e le eleganze ormai remote,  e quasi direi sepolte, delle armi e degli emblemi pagani»  (Castelfranco).

Donatello     Resurrection

From the wide horizons of his vision in the Padua reliefs, embracing the most vast and complex natural and architectural settings along with the dramatic nucleus of the scene, it now seems that the old sculptor narrows his aim to individual episodes, connecting them, however, within a framework articulated in structure by a scenographic realism of extraordinary objectivity. Christ rises laboriously from the sleep of death, a heart-rending figure who towers over the setting of the sacred scene: "a power higher than himself draws him from death into life, amidst the lifeless sleep of the soldiers and the now remote - and I would almost say buried - elegance of the weapons and pagan devices" (Castelfranco).