Scultura rinascimentale

Secolo XV

Description: Golden bronze, height cm 60. Carved for the Baptismal font between 1423 and 1427.
Descrizione: Bronzo dorato, h cm. 60. Il pannello fu eseguito per il Fonte Battesimale del Battistero di Siena tra il 1423 e il 1427.

Siena,
Fonte Battesimale di San Giovanni

HP

Donatello     Il Convito di Erode

Essendo collocata nel Fonte Battesimale senese accanto ad altre scene a rilievo di Jacopo della Quercia, Ghiberti e Giovanni Turini, quest'opera compiuta tra il 1423 e il 1427, si presta mirabilmente a cogliere la rivoluzionaria innovazione di Donatello nell'interpretare sia i motivi della narrazione naturalistica sia quelli della visione prospettica. Realtà e illuminazione lirica coincidono: lo ambiente complesso e i vari momenti della storia sono colti nell'immediata unità di una visione istantanea; e prospettiva, altorilievo e stiacciato sono piegati, al di là di regole ottiche e geometriche, alle esigenze realistiche di un'impressione simultanea, che é come la traduzione in termini visuali della folgorante intensità emotiva del dramma.  Il dramma d'orrore diviene immediatamente dramma della forma» (Luisa Becherucci), e gli elementi iconografici e quelli stilistici si fanno egualmente essenziali, perspicui in una sintetica energia definitoria di un rigore e di una coerenza inusitati.

Donatello     The feast of Herod

Placed in the Siena baptismal font alongside other relief by Jacopo della Quercia, Ghiberti and Giovanni Turini, this work was completed between 1423 and 1427 and may be included in Donatello’s revolutionary innovations in interpreting both the motives of the naturalistic narration and the perspective vision. Reality and lyrical illumination coincide, the complex environment and the various moments in history are captured in the immediate unit of an instant vision and perspective, high-relief and schiacciato are bent, overriding the optic and geometric rules and the realistic needs of a simultaneous impression as is the translation in visual terms of the dazzling emotive intensity of the drama. “The drama of horror that immediately becomes a drama of form” (Luisa Becherucci) and the iconographic and stylistic elements become equally essential, clearly in a defined synthetic energy of a rigor and unusual coherence.