Scultura rinascimentale

Secolo XV

Description: Terracotta and glass, height cm 165.
Descrizione: Terracotta invetriata, h.cm 165.

La Verna, Eremo francescano

HP

Della Robbia Andrea     Annunciazione

Eseguita tra il 1431 e il 1439, smontata nel 1688, e ricostruita negli elementi superstiti nel 1882, la Cantoria di Luca ci offre ogni elemento per comprendere la sua originale posizione nel clima rinascimentale.
La sua «antica semplicitą ritmica», come ha scritto Roberto Longhi, fa parte della linea viva di svolgimento stilistico di un classicismo che, da Andrea Pisano a Maitani sino a Raffaello e Fra' Bartolomeo, si distingue nettamente dal nuovo realismo e dalla razionalitą di Brunelleschi, Donatello e Masaccio. Rispetto a un Ghiberti, Jacopo della Quercia, a un Nanni di Banco, che immettevano la serena armonia compositiva e la concreta decisione plastica degli esempi classici nella trama ritmica e nell'analisi descrittiva del gusto gotico, Luca giunge a una forma che sintetizza aspetto naturalistico e simmetria melodica. Egli incarna il canone della bellezza metafisica nel dolce equilibrio delle immagini del vero: ed č questo il suo classico naturalismo rinascimentale.

Della Robbia Andrea     Annunciation

Executed between 1431 and 1439, dismantled in 1688, and reconstructed from its surviving elements after 1883, Luca's Cantoria offers us the opportunity to understand his special position in the climate of the Renaissance. His "antique rhythmical simplicity," as Roberto Longhi has written, is in a direct line of stylistic development of classicism that runs from Andrea Pisano and Maitani to Raphael and Fra Bartolomeo, clearly distinct from the new realism and rationality of Brunelleschi, Donatello, and Masaccio. With respect to Ghiberti, Jacopo della Quercia, and Nanni di Bartolo, who instilled the harmonious composition and plastic concreteness of classicism into Gothic rhythmical pattern and description, Luca arrives at a form that synthesizes naturalistic appearance and melodious symmetry. He embodies the canon of metaphysical beauty in an agreeable equilibrium of real images. This is his classical Renaissance naturalism.