Il Giardino Corsini al Prato, Firenze
Principessa Giorgiana Corsini
Tel. 055/280257-210564 Fax 055/268123
Visite guidate/Guided tours

The Corsini Gardens in Florence is perhaps one of the outstanding examples of Italian renaissance garden design.
Within the walls of the Palazzo Corsini, rising from the centre of the city a short distance from the Porta al Prato, the Giardino Corsini offers a paradise of peace and quiet from the noise of the city outside. Laid out in a geometrical pattern with box parterres as a decorative compliment to the Palazzo, this exquisite garden was designed by Bernardo Buontalenti in 1572.
Boroque features were later added to the palace by the architect Pier Francesco Silvani in 1624. In 1860, in keeping with the current romantic movement, two of the lateral ragnaie were converted into woodland groves screaning the paths lined with roman statues, the lemon trees (there are 130 - one each for the 130 tortoises that inhabit the garden) and the box parterres from the outside world. The amphithreatre is currently being restored.
From 7th to 9th June there is an exhibition, "craftmanship and the palazzo", displaying the wide range of skills employed by the various craftsmen who built and decorated the palace.


Una città d'arte non poteva che avere uno degli esempi più belli di giardini rinascimentali italiani. Il Palazzo Corsini sorge nel centro di Firenze a poca distanza da Porta al Prato e nasconde dentro le sue mura un vero paradiso nel caos cittadino. Il Palazzo, del 1572, dell'Architetto Bernardo Buontalenti, aveva quale complemento decorativo il giardino con le sue siepi di bosso inquadrate in disegni geometrici. Più tardi nel 1624 l'Architetto Silvani ampliò il progetto aggiungendovi l'estro tipico del periodo Barocco. Nel 1860, seguendo una moda romantica dell'epoca, le due ragnaie laterali furono trasformate in boschetti di alberi d'alto fusto. Quindi a fare da cornice al viale delle statue romane, ai 130 limoni e ai giuochi di bosso, c'è una barriera di verde che pare voler proteggere la scena dal mondo esterno. Il teatro di Verzura è in fase di restauro. Nelle tre ampie limonaie dal 7 al 9 giugno avviene la rassegna 'artigianato e palazzo', una vetrina prestigiosa sui fornitori delle arti cosiddette minori, dai fabbri agli incisori, ai decoratori: rappresenta i mestieri che anticamente permisero di costruire e decorare i grandi palazzi di una volta. Una curiosità: 130 limoni per 130 tartarughe, le quali si muovono ovunque lentissimamente, inseguite da una nuvola di cani di razza principesca e non.