Teotihuacan -Only 50 kilometres from Mexico City is Teotihuacan, known as the city of the gods, due to its magnificent buildings. The two majestic pyramids of the Moon and the Sun are famous and the latter is the third biggest in the world after Cholula and Choeps in Egypt. The Sun pyramid was built in 100 B.C and restored in 1908 using 3 million tons of stone without the use of iron tools, work animals or even the wheel. From the top there is a surprising view of the entire archaeological complex from the Street of the Dead to the pyramid of the sun and as far as the Ciudadela, Quetzalcoatl, decorated by plumed, snake heads.

Uxmal - Together with Chichen Itza, Uxmal is Mexico’s most frequented archaeological zone. Placed on the Puuc hills Uxmal takes its name from the archaeological testimony of the area dating back to the 6th century B.C. and represents the oldest existing Mayer centre. When describing the Indovino Pyramid in his book “Incidents of Travel in Central America, Chiapas and Yucatan”, the American explorer J.L.Stephens wrote – I was there at the entrance as the sun set and the buildings cast wide shadows that covered the terraces of the buildings themselves, offering a spectacle that boasted of enchantment. The Governor’s Palace is considered by all to be the most beautiful structure in the whole archaeological complex of Uxmal.

..
..

 

..

  HP  

Teotihuacan . A soli 50 chilometri  da Città del Messico sorge Teotihuacan denominata la città degli dei per la grandiosità dei suoi edifici. Famose le due imponenti piramidi della Luna e del Sole, quest’ultima terza al mondo per dimensione dopo quella di Cholula e di Cheope in Egitto. La piramide del Sole è stata costruita nel 100 d.C. e ricostruita nel 1908, utilizzando 3 milioni di tonnellate di pietra senza avere a disposizione attrezzi in ferro, animali da tiro e tanto meno la ruota. Dalla cima si gode una vista sorprendente dell’intero complesso archeologico, che si sviluppa lungo il Viale dei Morti, dalla piramide del Sole fino alla Ciudadela, decorata da teste del serpente piumato, Quetzalcoatl.

Uxmal,  assieme a Chichen Itza è la zona archeologica più frequentata del Messico. Posta sulle colline Puuc, che devono il loro nome alle testimonianze archeologiche di questa zona risalente al VI secolo avanti Cristo, Uxmal rappresenta il più antico centro Maya esistente. Descrivendo la Piramide dell’Indovino, l’esploratore americano J.L. Stephens  scrisse nel suo libro “ Incidents of Travel in Central America, Chiapas e Yucatan” - Ero lì all’entrata mentre il sole tramontava e gli edifici proiettavano ombre prodigiosamente larghe, che oscuravano le terrazze su cui gli stessi edifici sorgevano, offrendo uno spettacolo che aveva la malia di un incantesimo. - Il Palazzo del Governatore è considerato unanimamente la più bella struttura dell’intero complesso archeologico di Uxmal.

 

 

 

 

By Vitaliano Bissi

 

 

 
HP