COLORAZIONE
Nel mondo degli Insetti
la colorazione di due tipi:
fisica (ottica) e chimica.
 
COLORAZIONE FISICA
Questo tipo di colorazione dato dall'interferenza e dalla rifrazione della luce con gli strati superficiali del tegumento; in questi strati sono presenti inclusioni a forma di lamelle, bastoncini, rilievi variamente scolpiti,
i quali fanno variare i colori in relazione all'angolo di incidenza della luce

COLORAZIONE CHIMICA
Questa colorazione deriva principalmente dalla presenza di pigmenti di vario genere, molto spesso combinati tra di loro. La variazione cromatica viene realizzata non soltanto mediante differenze di composizione chimica,
ma anche con una disuguale concentrazione dei granuli di pigmento. Ad esempio, quando altamente
concentrato, il pigmento giallo d un colore arancio; se pi diluito, il colore risulta di un giallo vivo.
Possono avere importanza nella colorazione degli Insetti anche altri fattori, quali la clorofilla delle piante
che bruchi e cavallette ingeriscono come cibo.


INDICE