INDICE DEI MUSEI      -      FONTANE DI ROMA

  

It would take a long time to mention all the churches of Rome and difficult to single out the most beautiful. Those to remember are: Saint Agostino with its various paintings and a prodigious image of the Virgin, taken from Constantinople during the Muslim occupation. In one chapel of this church lies the body of St.Monica. The temple is covered by an ancient dome which was built in Rome and was used as a hermitage. St. Andrea della Valle has one of the best frontispieces in travertine and a beautiful dome with three naves and precious paintings in the main chapels and various frescoes by Domenichino. It is run by Theatine monks, whilst inside are the church wardens and the theatre of Pompeo Magno, infront of whose statue Cesare was stabbed on the 15th of March, 44 B.C. The Apostle Saints, a beautiful temple with three naves holding the tomb of the last Clonna, was the work of a certain Pozzi, with two prestigious works by Canova, the mausoleum of Pope Clemente XIV, above the sacresty door and that of the famous Giovanni Volpato in the entrance. Here are also the Minor Convent decorated by Duke Giovanni Torlonia with its modern façade and various statues.  The Aracoeli, formerly known as St. Maria del Capitolio, is divided into three naves by 22 granite columns with beautiful paintings and deposits of the Savelli family. It is cared for a minor order. The church  of Giove Capitolino, the most sumptuous of ancient Rome was placed on the same hill as the spacious staircase of 124 steps. Santa Bibiana, is where Bernini worked and embellished the frontispiece and carved the statue of the Blessed placed on the main altar and where there are fine frescoes and 8 precious columns. The SS.Concezione is a church erected by the cappucine Cardinal Francesco Barberini to house his fellow priests, a simple order, many of its paintings by good artists. S.Carlo al Corso is the  Lombardy national church  in which the dome, the façade and the chapel of the Conception are magnificent.
S.Carlo ai Catinari, built mainly in the XVIIth century by Cardinal Leni, boasts a prodigious dome, a beautiful frontispiece and many paintings. It belongs to the regular order of S.Paolo, known as Barnabites, with its monuments of the cardinals Gedil and Fontana, in honour of the congregation. Santa Cecilia, with its Benedictine monks, is built over the ruins of a house in the III century and restored in the Ixth century by Pope Pasquale I. The marble canopy of the main altar, the rich tomb of the body of the Blessed decorated by precious stones and a similar sculpture, ancient mosaics and the Laconico, or perspiring room, venerated for having held the martyr, may be recommended. San Clemente, an ancient temple where the bodies ofthe followers of S.Pietro and the martyr Ignazio from Antioch lie. Near the middle of the altar is the fine marble tomb of Cardinal Roverella. Santa Croce in Gerusalem, one of the seven basilicas, is known as the Sessoriana, built in the Orti Variani di Eliogabalo and by Pope Benedetto XIV and remodernised. Here is an urn placed near the main altar containing  the bodies of the saints Cesario and Anastasio. Descending some steps one enters the St.Elena chapel which forms most of the Cross, giving it its modern name and housing the Cistercian order. The Gesù, Sant’Ignazio or Roman College and St. Andrea a Monte Cavallo are the three magnificent churches of the Jesuit order. The first was erected for Cardinal Alessandro Farnese by Vignola. Splendid is the chapel to the right of the cross, sacred to S.Francesco Saverio, but superior when confronted with the church, built by the celebrated artist Pozzi, dedicated to the founder saint whose precious remains are kept in a bronze urn, with its fine marble statues and embellished by rare stones amongst which is a globe, a figure of the world is an unequalled single piece of lapis-lazzuri. Also to be admired in this temple are the tombs of Cardinal Ballarmino. The second was built by Cardinal Ludovico Ludovisi following the designs of Domenichino for the Jesuits Grossi and with the façade by Algardi. The two chapels in the cross are superb and uniform and to the right may be seen excellent bas-reliefs representing S.Luigi Gonzaga, whose body is venerated. Magnificent is the mausoleum of Pope Gregory XV, placed near the lateral door. The third was finally erected by Prince don Camillo Pamfili, nephew of Pope Innocence X following the designs of Bernini and internally decorated by good marble, in an oval shape. Of special interest is the chapel dedicated to S.Stanislao Kostka, of whom the famous Maratta painted his portrait and a precious lapis-lazzuli urn holding his mortal remains. San Gregorio is the church erected on the ruins of the Anicia order, to which the magnificent pope belonged and is inhabited by the Camaldolesi monks. San Lorenzo in Damaso is famous for the age of its capitol and the mausoleum of Annibal Caro. San Luigi is the French national church decorated with beautiful paintings by valid artists.
Santa Maria dell’Anima is the German national church, rich in marble and paintings with the deposit of Pope Hadrian VI and the Cardinal Andrea d’Austria, the Duke of Cleves and Luca Olstenio. Santa Maria degli Angeli, part of the diocelsian thermal baths contains the majestic temple by Michelangelo, restored by Vanvitelli. Admirable are the 8 granite columns 62 palms high and 23 in diameter. In the circular vestibule, which serves as an entrance, are the tombs of the cardinals Paolo Parisio and Francesco Alciati and the artists Carlo Maratta and Salvator Rosa. The church houses the Carthusian monks who look after the meridian in the marble pavement lain by Monsignor Bianchini at the beginning of the XVIIIth century.Santa Maria in Cosmedin, known as the Mouth of Truth due to the carved mask in the portice, was originally the pagan church of Ceres and Persephone, turned into a temple in 772 by S.Adriano I. Here one can admire marble columns, a pavement of precious stone and the main area of red granite with the same coloured columns supporting the canopy and an image which with great devotion was brought from Greece. The nearby regional church of the Vesta, decorated by fine marble, changed its name to S.Maria del Sole. The old church of Servio Tullio, erected at the Fortuna Virile, is also dedicated to the Blessed Virgin. S.Maria sopra Minerva could be called a museum with its numerous paintings. The best chapels are that of the Aldobrandini, de Caraffa and Altieri, with their mausoleums of popes Leone X, Clemente VII, Paolo IV and Benedetto XIII, as well as that of Pirro Ligorio, the painter B.Giannangelo da Fiesole, the archaologist Raffaele Fabretti, Paolo Manuzio, son of Aldo and the inscriptions praise Cardinal Casanti and Mamachi and the letters of merit. This church passed into the hands of the nuns of Campo Marzio, and under Pope Gregory XI to the order of Preachers. In Santa Maria in Domenica or Navicella, built over the house of the matron Ciriaca are 18 granite and 2 porphyd columns with their paintings. The foundations of Santa Maria della Pace were raised by Pope Sisto IV after having united Christianity. The frontispiece has a well designed semi-circular arch as well as an octagonal dome. Inside the church are many beautiful paintings, a bronze bas-relief and some unequalled frescoes by Raffaello. First housing the order of Laternesi and then the Irish Domenicans, it is now used by a congregation of secular priests who practise their rites with devotion. Santa Maria della Vittoria, donated by Pope Paolo V to the barefooted Carmelitans, houses the main altar with its incredible number of images to the Blessed Virgin, whose intercession is referred to in the various victories obtained by the Catholics against the Ottomans. Bernini’s masterpiece, the group of S.Teresa being stabbed by an angel, may be found here as well as many paintings, two of which are by Guercino and Guido. The church of San Martino was constructed for Pope S.Simmaco and is decorated by a profusion of marbles and is separated into three naves by 24 antique columns with elegant landscapes by Gaspare Pussino. The underground altar holds the bodies of the sainted popes Silvestro and Martino and from there one can pass to an underground Vetusto temple which was probably erected by S.Silvestro and now houses the barefooted Carmelite nuns.
Santa Maria in Vallicella, known as the New Church, was built by S.Filippo Neri under the friendly eye of pope Gregory XIII and Cardinal Cesi. The façade is magnificent, frescoes cover the vaults, the dome and the tribune. The marbles, paintings, and gilded plaster work cover every part of the church whilst precious stone embellishes the chapel of the apostle saint of Rome and teacher of the Congregation of the Oratoriy which is housed there and where the sacred remains are venerated, as well as the mosaic picture, part of the original one by Guido, preserved in the room once inhabited by the saint. Nearby is the Oratory with many strange ornaments and is unique for its flat vault, 83 palms long and 53 wide. Sant’ Onofrio, the church on the Gianicolo, houses the hermitage of the congregation of S.Girolamo and contains the ashes of Torquato Tasso, to remind the Italians of the fact that they did not erect a monument to him. Also buried here is the poet Alessandro Guidi. Venerated for the chain which is worn by the Prince of the Apostles, is the temple of San Pietro in Vincoli, supported by ancient majestic marble columns. In the tomb of Pope Giulio II is the famous statue of Moses by Michelangelo and in a chapel may be seen the saint Margherita del Guercino. The tombs af the brothers Pollajolo, famous engravers of bronze from the XVth century and Clovio, famous for his miniatures. The Lateranesi order may be found in this church.  The beautiful church of Santa Prassede has three naves divided by 26 granite and 4 porphyd columns which support the canopy. Steps lead up to the tribune, which is made up of large pieces of fine ancient red granite. Many columns were transported from Jerusalem, believing them to be holy after the flagellation of the Redemptor and in the middle of the hollowed out piece it is believed that the Holy Woman preserved the blood of Christians who died for their faith. The churches of San Lorenzo in Lucina and Saints Vincenzo and Anastasio are both used by minor orders. The first superb church houses the famous Crucixion by Guido and the tomb of Niccolo Pussino, whose mausoleum is soon to be built and in the other are objects of all the popes from Sisto V onwards, except for Pio VI which are kept in the city of Valenza. We have already spoken about the church of Santa Maria ad Martyres, which is the ancient Pantheon, following the ancient model of architecture where may be seen the busts of Dante, Petrarcha, Pussino, Metastasio etc.  The church of Santo Stefano Rotondo which fills a raised temple in honour of the emperor Claudius has 56 ancient columns. In the church of Santa Maria del Popolo are the tombs from the XI th century. The church of San Pietro in Montorio contains the famous painting of the Trasfiguration by Raffaello. Of the nearby convents in Rome, let us mention that of the Carthusia near the church of S.Maria degli Angeli, of interest for it large square portice formed by 100 travertine columns.
To the north-west of Rome, on the right bank of the Tiber, is a fortress called Castle Sant Angelo, Moles Hadriana. At the beginning of the 2nd century emperor Publio Elio Adriano erected a superb monument known as Hadrian’s Mausleum, a copy of the magnificent mausoleum built on the left bank of the Tiber by Ottaviano Augusto to hold the royal tombs.
With regard to the palaces, the richest and largest is that of the pope at the Vatican and the one on the Quirinale. The Laterense palace, even though is was rebuilt by Pope Sisto V after the fire, is not inhabited by the ruler. There is a collection of noble buildings known as the Vatican. The regal staircase leads to a large hall with the two enormous papal chapels, the Sistine, named after Pope Sisto IV, which contains masterpieces of painting and frescoes, Wisdom by Michelangelo and many other subjects which fill the enormous vaults and the Paulina, named after Pope Paolo III, also decorated by paintings with a beautiful gilded tabernacle. On the first floor of the famous loggia by Raffaello are the Borgia appartments with their collection of paintings and pairs of ancient monuments, passing to the great Vatican museum which is divided into Pio, Clementino and Chiaramonti.
Let us begin to wander along the corridor of the incredible number of tablets all in order and named by Doctor Monsign. Marini. Next is the Vatican Library with its numerous manuscripts, codices, papyrus, medals, prints, decorated by frescoes for Sisto V. Pious VII donated the two superb Parisian candelabras from the factory of Sevres. We then pass to the Chiaramonti Museum, the first corridor which follows the inscription and halfway along is the Nuovo Braccio (New Wing), open in 1822, and then on to the Egyptian Museum and Attic, which form the Belvedere hemicycle. The Pio-Clementino museum was founded by the popes Clemente XIII, Clemente XIV and lastly Pio VI who raised it to its modern glory. It consists of a square vestibule, a round vestibule, the Meleagro room in the portice which surrounds the Belvedere courtyard,  the Hall of the Animals,  the Gallery of the Statues,  the Bust room,  the Cabinet,  the Muses’ Room, which has a beautiful antique mosaic floor,  the Round Room, where the porphyd shell has a perimeter of 62 palms and the pavement of old mosaics in the Otricoli,  the Greek Cross Hall, the main staircase of the museum supported by 22 granite columns, with the round room of the Biga, where one passes through the gallery of the Maps to the Tapestry Room, with those following Raffaello’s designs, to the four rooms which the same Raffaello painted and which take the name of each subject painted, the Room of the Fire of Borgo, that of the dispute of the Sacrement of the saints, that of Eliodoro and the Constantine Room. On the second floor with its loggia known as Raffaello because he directed the painting, and then to the third, decorated by maps by the Domenican, Ignazio Danti, where one enters the collection of the classic paintings returned from Paris and placed in six large rooms by the famous Camuccini. The appartments found here are numerous and large, as is the enchanted garden  which gives access to a vestibule which corresponds to the room of the Biga of the museum, and the first partition called the Garden of the Pigna, it being first seen in bronze in Hadrian’s mausoleum. The second is decorated by a loggia and a pedistal taken from the column of Antonino Pio. – (…)
Even the building known as the Chancery where the cardinal vice-chancellor of the Santed Church resides, is formed by a single construction together with the church of S.Lorenzo in Damaso, and should receive a special mention for its public role and is entirely made up of travertine and marble, covered by fine drawings by Bramante from the end of the 15th century, but with damage to the ancient monuments, especially the Colosseum, from where material was taken. (…)
There is also the amphitheatre Flavio or Vespasiano which lies in the Palatine, Celio and Esquilino hills. It is an immense oval building, constructed with blocks of travertine and externally it still intact on the north side, but ruined towards the south. It can hold 107,000 spectators. The external circuit is 1,641 Parisian feet with a height of 157 feet. The arena where the gladiators fight measures 285 feet long and 182 wide. The two upper orders are formed by half columns and Corinthian pillars. The lower order is Doric and below this are Ionic columns. The Emperor Vespasiano began work on this amphitheatre on his return from Judea and Titus finished and dedicated it in 80 A.D. In 526 the Barbarians led by Totila destroyed various parts to steal the bronze which connected the stones. Then, for more than ten centuries,the rich Romans used the material to build their houses.  (…)
The elegant buildings which form the modern Campidoglio, famous throughout the world, give the hills a spacious effect. (…)
The sole bronze equestrian statue which could be found in ancient Rome, stands, still gilded, in the middle of the square and represents the emperor Marcus Aurelius. Facing this is the Senatorio, reached by two branches of a magnificent staircase with a beautiful fountain in the centre with its statues of two rivers divided by a statue of Minerva, from the old senatorio of Cora. A high tower overlooks the building and serves as a bell tower with (oriuolo). From the top one’s eye is drawn to some ruins on one side and the modern city of Rome on the other, Another two palaces are nearby and on the right is the famous Capitolino museum, begun by Pope Clemente XII and continued by his successors, being completed and perfected by the immortal Consalvi under the reign of Pious VII.In the entrance courtyard is the famous colossal statue of the Ocean, known by the name of Marforio due to its connection with the martis foro, as well as other sculptures and inscriptions in the entrance leading to three ground floor rooms, the first of which is the Canopo with its imitation Egyptian statue and in the second a precious collection of 122 imperial stone or terracotta inscriptions. In the third, apart from some monuments, is a beautiful funeral urn, covered on three sides by excellent bas-relief which was believed to have contained the ashes of Alessandro Severo in his birthplace now known as Portland, placed in the British
Museum and therefore known as the Room of the Urn. The staircase is decorated by ancient Roman remains excavated from the Via Sacra in the temple of Remus. The long gallery is also full of statues and to the right as one enters the room is the beautiful marble pentelic vase excavated from near the tomb of Cecilia Metella from which the room gets its name. Another bronze vase has Greek origin and some busts and sacophogi with a unique archaeological monument of the italic stones which represent events in the Trojan wars and two mosaic doves, found in Hadrian’s Villa. Two rooms may be found to the left. The first is known as the Emperor’s Room and the second that of the Philosophers, due to to busts placed there, then three rooms full of admirable statues, amongst which should be noted the ancient red stone Fawn in the second room and the famous gladiator Moribondo in the third room, which many believe to be a Gallic warrior, Venus coming out of her bath, a copy of the Medicea, Antonio and the head of Marcus Brutus. The other palace stands on the left and is known as the Conservatorio. Amongst the many sculptures and monuments to be found in the courtyard are the statues of Julius Caesar, painted naturally, and Augustus.  (…)
Many public buildings surround  the princely palaces of the Roman nobility. Not to be forgotten is that of the Farnese, built in travertine taken mainly from the Colosseum, decorated with three orders of Doric, Ionic and Corinthian columns, one on top of the other and decorated with twelve Egyptian granite columns which support the vestibule, with architects like Sangallo, Buonarroti and Della Porta taking part in its creation. Inside it can be compared to a museum thanks to the genius and magnificence of Pope Paolo III from whom it was inherited by the modern kings of Naples, maintaining the Ambasciatori residence and openeing the field to the ingenius application of the artists living in their kingdom. The palace of Barberini, no less magnificent was built for Pope Urban VIII with the beautiful frescoes in the great hall and the large collection of precious paintings which decorate the appartments. Here stood the adjacent garden of the Edicola sacred to Jupiter, Junone and Minerva, the restored temple of Giove Capitolino which gave this area the name of the old Campidoglio. The Chigi palace, built for the nephews of Pope Alessandro VII is remarkable not only because it  fills one side of the Piazza Colonna but also for the sculpture, paintings and original designs housed inside. The Sciarra palace’s beautiful architecture is enriched by one of the most superb and complete Roman galleries. The Doria palace, composed of three large buildings with splendid halls and galleries full of precious objects, was erected by the Pamfili princes and was inherited by the present-day owners.The Rospiglioso palace was erected over the ruins of the Constantine Thermal Baths on the Quirinale by Cardinal Scipione Borghese and then passed to the Bentivoglio and Mazzarini families and was finally bought by its present owners. Apart from the superb collection of paintings on the vaults of the lower hall with the famous Aurora, the masterpiece of the immortal Guido Reni. The Colonna palace which Pope Martino V and the successive  princes built on the edge of the Quirinale is distinguished for its size, galleries and garden. The Borghese palace, known as the Cembalo for the exterior which Paolo V brought to its actual magnificence with 96 granite columns supporting the arches of the courtyard, giving one the idea of sublime uniqueness with its profusion of paintings and the luxury of its appartments. The Braschi palace, one of the most beautiful of the Roman constructions for its incredible architecture and internal decoration and the particularly precious mable staircase with beautiful fine red granite columns and pillars, the ancient statue of Menelaus supporting the body of Patroclo, who had these satirical verses written on the external walls, with the name of Pasquino or Pasquinate. The Massimo palace  has an elegant portice by Peruzzi, supported by six columns leading onto internal courtyards but without decoration apart from  the statue of Dioscobolo and has a rear frontispiece facing the Circo Agonale, the famous “chiaroscuri” by Volterra. (…)
The villas and gardens add to the beauty of Rome and its surroundings. Also inside the city is the Villa Medici on the Pincio hill, which today houses the Royal Accademy of France and took its name from the Cardinal Alessandro de’ Medici, who then became Pope Leone XI, who bought it from Cardinal Ricci, the founder. The perimeter of this magnificent palace is more than * leagues, with its superb garden overlooking the nearby Pinchio. The Villa Ludovisi which occupies part of the Orti Sallustiani contains three halls with precious sculptures and paintings amongst which is the Aurora, the famous masterpiece by Guercino. (…)
Two basilicas may be found outside the Roman walls. One of these is that of S.Sebastiano on the Via Appia, rebuilt by Cardinal Scipione Borghese, the portice being supported by granite columns and 4 old green ones supporting the main area. The other is that of S.Lorenzo on the Via Collatino or Tiburtina in the Campo Verano area. The pavement of the tribune is made up of an ancient stone mosaic and many purple columns, 6 made of porphy and 2 green ones forming this peculiar monument, joined to two ancient marble pulpits (Ambones) placed laterally and to the underground confessions where the bodies of St.Stefano and Lorenzo are venerated. (…)
An equal number of cemeteries may be found near these churches, many of which are underground, known as Catacombs, being originally caves chosen by the early Christians to protect themselves from the persecution and where they practised  the sacred rites and buried their dead. The main cemetery is that of Callisto which one enters through the Chaoel of San Sebastiano and extends for 2 leagues 215 and is venerated because it houses the body of the sianted Martyr, many popes and Catholic athletes. From the underground chapel of S:Lorenzo one reaches the cemetery of the Roman matron S.Ciriaca. The other cemetery below the church takes its name from the saint, Agnese, and from San Cleopodio that of the ancient San Pancrazio. The main Gate of Rome on the river Tiber is that of the Ripagrande, near Porta Portese, and there is a light tower, built by Pio VII, so that those coming up the river from the Mediterranean could see the city. This site is memorable because it indicates the marvels of Coclite, Scevola and Clelia. (…)
The other gate is that of the Ripetta, not far from Porta Flaminia, founded by Pope Clemente XI, with its commerce of coal and other combustibles as well as wine and oil, unloaded by the Umbrians and Sabines. Near here there is also a Customs Office with its Governer. (…)
Amongst the places intended for public spectacles are  the theatres. The largest is that known as Aribert, taking its name from the man who built it erected not far from the Piazza di Spagna. Then there are the Argentina and Tordinona and the Valle, smaller but more lively. The area of the Augustinian Mausoleum, with its ruined dome and missing blocks of stone, serves as an amphitheatre with loggias and steps constructed in a later period, where there is bull fighting, horse races, fairs and summer firework displays. Near the Barberini Palace is the area destined for the ball game of which the Roman are particularly fond. (…)
The history of Rome is usually well known and would be too long to present without just giving a brief account. We will content ourselves by giving a simple chronological list of the most important facts and geographical connections, not without adding that many have tried to eliminate what has been written and that it would be a good idea to read the work of Niebuhr, which merits to be studied.

752 b.C. Founding of the City

509. Formation of the Republic

388. Capture and destruction of Rome by the Gauls

29. Creation of the Empire

64  A.D. Nerone sets Rome on fire

307. Rome is attacked by Galerio

330. Abbandoned by Constantine who makes Byzantium the capital of his empire

364. Rome becomes the capital of the Western empire

387. It is sacked by Alarico, king of the Visigoths

455. Taken by Genserico, king of the Vandals

472. Ricimero, king of the Goths, conquers Rome

476. Oliacre, king of the Heruli, conquers Rome and
makes Ravenna his seat in order to rule Italy

527. Attack by Vitige, king of the Goths

536. Entrance of Belisario, the general of Justin

546 & 549. Rome is taken by Totila, king of the Ostragoths

533. Conquered by Narsete, the general of Justin

568Introduction of the dukedom of Rome, including Ostia, Orte and the  Marta

578. The Lombards devastate the territory

593. The city is attacked by Agilulfo, who devastates
surrounding countryside

755. Astolfo, king of Lombardy, withdraws from his attack as Pepino, the King of France, advances. The beginning of the temporary power of the popes

800. Charlemagne crowned emperor

846. Sacking of the Vatican by the Saracens

1081. Useless attack by Emperor Henry IV

1084. Conquering of Rome by the same emperor who
attacked the
Sant’Angelo Castle and Pope Gregorio VII. It was liberated by Roberto, duke of Puglia

1036. Passage of the army led by Ugo of France and destined for the First Crusade

1305. Pope Clemente V transfers his papal seat to Avignon

1375. Pope Gregorio XI, returns the seat to Rome

1494. Entrance of Charles VIII, king of France

1527. Sacking of Rome by the troops of the (contestabile) of Borbone the general of Charles V

1590 & 1591. The Plague

1703. Earthquake, overflowing of the Tiber

1798. Rome occupied by the French

1799. Rome occupied by the Neopolitans

1809 & 1810. It is incorporated into the French empire and is declared the second city; it becomes the main town of the region of the same name; Pope Pious VII is taken to France, the first son of Napoleon receives the title of King of Rome

1814. The return of Pious VII

1831. Many inserections immediately repressed

 

Arco di Settimio Severo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tempio di Vesta nel Foro Romano

 

 

 

 

 

 

 

 

Pantheon, la cupola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pantheon

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ponte con Castel SantìAngelo nel 1890 circa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Santa Maria Maggiore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I mulini di grano (fine '800)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piazza San Pietro fine '800

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Porta Cavalleggeri nel 1900 circa

 

 

 

Home page

Lungo sarebbe il solo accennare ad una ad una le moltissime chiese di Roma, a nessuna delle quali manca fregio singolare. Le principali però, delle quali sarebbe ingiuria omettere il nome, sono le seguenti: Santo-Agostino, ove si scorgono vari dipinti ed una prodigiosa immagine della Vergine, sottratta da Costantinopoli nell’occupazione musulmana: in una cappella di questa chiesa giace il corpo di s. Monica, madre di S. Agostino, traslatato da Ostia, dove fu rinvenuto sotto Martino V: il tempio va coperto dalla più antica cupola che siasi in Roma costruita ed è servito dagli Eremitani. Santo-Andrea-della-Valle, fornita d’uno de’ migliori frontespizi in travertino e di una cupola bellissima e condotta a tre navate con pregevoli quadri nelle principali cappelle e vari freschi del Domenichino: viene essa offiziata dai Chierici regolari Teatini: quivi presso erano la Curia ed il teatro di Pompeo Magno, davanti la cui statua venne pugnalato Cesare il 15 marzo dell’anno 44 innanzi l’era volgare. I Santi-Apostoli, bel tempio a tre navate che racchiude il deposito dell’ultimo contestabile Colonna, opera del Pozzi, e due insigni lavori di Canova, cioè il mausoleo di Clemente XIV, sopra la porta della sagrestia, e nell’atrio quello del celeberrimo Giovanni Volpato incisore: vi stanziano i Minore Convenutali, e venne decorata dal duca Giovanni Torlonia di moderna facciata che diverse statue sormontano. L’Aracoeli, dapprima detta S. Maria de Capitolio, divisa in tre navate da 22 colonne granitiche, con bei quadri e molti depositi della familgia Savelli: è in custodia dei Minori Osservanti: il tempio di Giove Capitolino, il più sontuoso dell’antica Roma, era su questa cima stessa cui si ascende per una spaziosa scala di 124 gradini. Santa-Bibiana, dove Bernini travagliò ad abbellire il frontespizio ed a scolpire la statua della Beata posta sull’altar maggiore, ed in cui sono buoni freschi ed 8 pregiate colonne. La ss. Concezione, tempio eretto dal card. Francesco Barberini cappuccino, a pro de’ suoi correligiosi che vi sono stabiliti; semplice d’ornato, i suoi quadri sono parti di abilissimi pennelli. S. Carlo-al-Corso, chiesa della nazione Lombarda, in cui la cupola, la facciata e la cappella della Concezione sono magnifiche.
S-Carlo-ai-Catinari, edificata in principio del secolo XVII dal cardinal Leni, vanta una prodigiosa cupola, bel frontespizio e parecchi dipinti: spetta ai Chierici regolari di s. Paolo, detti Barnabiti, e vi scorgono i monumenti dei cardinali Gedil e Fontana, onore di quella congregazione. Santa-Cecilia, posseduta dalle monache Benedettine, edificata sul luogo dov’era la sua casa in principio del III secolo e ristaurata nel IX da Pasquale I: il marmoreo baldacchino dell’altare principale, il ricco deposito del corpo della Beata ornato di pietre preziose e di analoga scoltura, gli antichi mosaici ed il Laconico, o camera sudatoria, venerato per avervi ella subito il martirio, ne formano il maggior vanto. San-Clemente, antichissimo tempio, in cui riposano i corpi del successore di s. Pietro e d’Ignazio martire antiocheno, e dove prossimo all’altare di mezzo si vede il bel deposito in marmo del cardinale Roverella. Santa-Corce-in-Gerusalemme, una delle 7 basiliche, detta la Sessoriana, costruita negli Orti Variani di Eliogabalo e da Benedetto XIV rimodernata: quivi un’urna posta appiè dell’altare principale contiene i corpi de’ ss.mm. Cesario ed Anastasio: scendendo alcuni scalini si entra nella cappella di s.ta Elena, che riponendovi gran parte della Croce, le impose l’odierno nome: vi dimorano i monaci dell’ordine Cisterciense. Il Gesù, ch’è la casa professa, Sant’Ignazio o Collegio Romano e Sant’Andrea a Monte Cavallo pel noviziato, sono le tre magnifiche chiese della compagnia Gesuitica: la prima fu dal cardinal Alessandro Farnese eretta con architettura del Vignola, e splendida oltremodo è la cappella destra della crociata, sacra a s. Francesco Saverio; ma superiore ad ogni confronto l’altra di rimpetto dedicata al Santo fondatore di cui serba in gemmata urna di bronzo le preziose spoglie e costruita dal celebre artista Pozzi, membro della compagnia, i pià fini marmi e le pietre più rare l’adornano, fra le quali vedesi un globo, figura del mondo, in un sol pezzo di lapislazzoli, del quale non si conosce il maggiore; si osserva pure in questo tempio il celebre Deposito del card. Bellarmino: la seconda fu edificata dal card. Ludovico Ludovisi coi disegni del Domenichino rifusi dal gesuita Grossi e con facciata dell’Algardi; le due cpapelle della crociata sono superbe ed uniformi e nella destra vedesi l’eccellente bassorilievo che rappresenta s. Luigi Gonzaga, di cui quivi si venera il corpo; grandioso è il mausoleo di Gregorio XV, posto presso la porta laterale: la terza finalmente fu innalzata dal principe don Camillo Pamfili, nipote d’Innocenzo X, con disegno del Bernini, e va tutta nell’interno rivestita di buoni marmi, in figura ovale: spicca oltremodo la cappella dedicata a s. Stanislao Kostka, del quale il famoso Maratta dipinse il quadro, ed una preziosa urna di lapislazzoli serba le mortali spoglie. San-Gregorio, cheisa eretta sulle rovine della casa Anicia, cui quel Magno pontefice apparteneva, e servita dai monaci Camaldolesi. San-Lorenzo-in-Damaso, celebre per l’antichità del suo capitolo e pel mausoleo di Annibal Caro. San –Luigi, tempio della nazione francese, decoratoa di belle p0itture da valentissimi artisti. Santa-Maria-dell’Anima, eretta dalla nazione tedesca, ricca di marmi e dipinti, coi depositi di Adriano VI, del cardinale Andrea d’Austria, del duca di Cleves e di Luca Olstenio. Snata-Maria-degli-Angeli, ch’è la slaa delle terme diocleziane ridotta a maestoso tempio da Michelango e ristorata da Vanvitelli; ammirabili ne sono le 8 colonne di granito alte 62 palmi con 23 di perimetro: nel vestibolo rotondo, che seve d’ingresso, sono i depositi dei cardinali Paolo Parisio e Francesco Alciati e degli artisti Carlo Maratta e Salvator Rosa; vi stanziano i monaci Certostini che hanno in cura la meridiana nel pavimento marmomero marcata da monsignor Bianchini nel principio del secolo XVIII. Santa-Maria-in-Cosmedin, detta la Bocca-della-Verità da un mascherone scolpito nel portico, fu già un tempio pagano di Cerere e Proserpina,s ino dal 772 ridotto a chiesa per opera di s. Adriano I; vi si ammirano le belle colonne di marmo, il pavimento di pietre dure e l’ara massima di granito rosso con uguali colonne che sostengono il baldacchino; l’immagine che con gran devozione si venera fu trasportata di Grecia. In chiesa di s. Maria-del-Sole fu pure cangiato il vicino tempio regionario di Vesta, rivestito di buoni marmi, ed alla beata Vergine venne pure dedicato l’antichissimo tempio da Servio Tullio già eretto alla Fortuna Virile.s.Maria-sopra-Minerva, che può chiamarsi un museo di eccellenti pitture: le migliori cappelle sono degli Aldobrandini, de’ Caraffa e degli Altieri: vi si osservano i mausolei dei pontefici Leone X, Clemente VII, Paolo IV e Benedetto XIII, come pure di Pirro Ligorio, del pittore B. Giannangelo da Fiesole, dell’archeologo Raffaele Fabretti, di Paolo Manuzio, figlio di Aldo e le iscrizioni a lode de’ cardinali Casanti e Mamachi di quel tempio e delle lettere assai benemeriti: dalle monache di Campo-Marzio passò questa chiesa, sotto Gregorio XI, all’ordine de’ Predicatori. Santa-Maria-in-Domnica o della Navicella, costruita sulla casa della matrona Ciriaca, racchiude 18 colonne di granito e 2 di porfido, con osservabili dipinti. Santa-Maria-della-Pace, dai fondamenti innalzata per cura di Sisto IV dopo l’ottenuta concordia della cristianità: il frontespizio ha un portico semicircolare di molto buon gusto e lo è del apri la cupola ottagona; ha molti bei quadri, un basso rilievo in bronzo e alcuni impareggiabili freschi di Raffaello: dopo di essere stata servita da’ canonici regolari Laternesi e quindi da’ Domenicani irlandesi, lo è ora da una congregazione di Preti secolari, che vi praticano con molta esemplarità divoti esercizi. Santa-Maria-della-Vittoria, donata da Paolo V ai Carmelitani scalzi, racchiude nell’altar maggiore gemmata immagine della B.V., alla cui intercessione si riferirono varie vittorie ottenute dai cattolici contro gli Ottomani: capolavoro del Bernini è il gruppo di s. Teresa in atto di essere da un angelo trafitta, e fra le molte pitture vi hanno due quadri del Guercino e di Guido. San-Martino, chiesa costruita dla papa s. Simmaco, e quindi adorna a profusione di marmi e separata in tre navi da 24 antiche colonne, con eleganti paesaggi di Gaspare Pussino: in sotterraneo altare vi sono i corpi dei santi papi Silvestro e Martino, e di là si passa ad un sottoposto vetusto tempio, che si vuole eretto da s. Silvestro: viene uffiziata dai Carmelitani calzati. Santa-Maria-in-Vallicella, detta La Chiesa nuova, fabbricata da s. Filippo Neri sotto gli auspizi di Gregorio XIII e del card. Cesi: magnifica la facciata, adornano i freschi la volta, la cupola e la tribuna; i marmi, i dipinti, gli stucchi dorati ne decorano ogni parte; metnre preziose pietre accrescono fregio alla cappella del santo apostolo di Roma ed istitutore della Congregazione dell’Oratorio ivi stabilita, di cui vi si venerano le sagre spoglie, ed il quadro in mosaico è tratto dall’originale di Guido conservato nelle camere già abitate dal Santo: annesso sta l’Oratorio che non manca di peculiari ornamenti, ed è singolare la sua volta piana, lunga 83 e larga 53 palmi. Sant’Onofrio, chiesa sul gianicolo, servita dagli Eremiti della congregazione di s. Girolamo, gloriasi di aver servato le ceneri di Torquato Tasso, alle quali son per fare gl’italiani onorevole ammenda della trascuratezza degli avi con erigervi splendido monumento: vi è altresì sepolto il lirico Alessandro Guidi. Venerando per la catena che strinse il princpe degli Apostoli è il tempio di San-Pietro-in-Vincoli, sostenuto da maestose antiche colonne di marmo: nel deposito di Giulio II è la famosa statua del Mosè di Michelangelo, e in una cappella vedesi la s.ta Margherita del Guercino; v’hanno pur tomba i frtelli Pollajolo, celebri incisori in bronzo del XV secolo, e Clovio, famoso fra’ miniatori d’un’epoca alquanto posteriore: ufficiano la chiesa i Canonici regolari Lateranesi. Santa-Prassede, bella chiesa a tre navi, con 26 colonne di granito e 4 di porfido che sostengono il baldacchino: i gradini della scala che conduce alla tribuna, sono i più grandi pezzi che si conoscano di finissimo rosso antico: un grosso brano di colonna trasportatovi da Gerusalemme credesi santificato dalla flagellazione del Redentore, e nel pezzo scavato in mezzo si vuole che la santa Donna conservasse il sangue de’ cristiani eroi periti per la fede. San-Lorenzo-in-Lucina e Santi-Vincenzo-ed-Anastasio, servite ambedue dai Chierici Minori: superba la prima pel famoso Crocefisso di Guido, conserva la tomba di Niccolò Pussino, cui vedrassi presto costruito convenevole mausoleo, e nell’altra si  serbano i precordi di tutti i pontefici da Sisto V in poi, tranne quelli di Pio VI ceduti alla città di Valenza. Abbiamo già parlato della chiesa di Santa-Maria-ad-Martyres, ch’è l’antico Panteon, modello compiuto di architettura antica, e dove si veggono i busti del Dante, del Petrarca, del Pussino, del Metastasio, ecc. Santo-Stefano-Rotondo, che rimpiazza un tempio elevato ad onore dell’imperatore Claudio, e che adornano 56 colonne antiche. Santa-Maria-del-Popolo, dove si trovano bei depositi del secolo XI. San-Pietro-in-Montorio, che contiene il famoso quadro della Trasfigurazione di Raffallo. Tra’ molti conventi di Roma, non segnaleremo che quello dei Certosini, presso la chiesa di S.-Maria-degli-Angeli, notabile pel suo gran porticato quadrato formato da cento colonne di travertino. – Roma possede al N.O., sulla destra del Tevere, un forte, chiamato Castello-Sant-Angelo, Moles Hadriana. Ad emulare la magnificenza, della quale avea dato saggio Ottaviano Augusto coll’erezione del grandioso mausoleo sulla sinistra sponda del Tevere alle imperiali tombe destinato, dalla opposta parte l’imperatore Publio Elio Adriano, verso il principio del II secolo, elevò un superbo monumento che fu chiamato Mausoleo di Adriano. (...)
Passando ai palazzi non può negarsi per sontuosità ed ampiezza il primo luogo ai ponteficii del Vaticano e del Quirinale, da che il lateranese, sebbene ricostruito da Sisto V dopo l’incendio, non è più dai sovrani abitato. Meglio collezione di nobilissimi edifizi che grandioso palagio dee chiamarsi il Vaticano. La regia scala principale conduce alla gran sala, ove trovansi le due grandi cappelle papali, la Sistina, così da Sisto IV denominata, che contiene il capolavoro della pittura a fresco, cioè il Giudizio di Michelangelo, e diversi altri soggetti che riempiono la vastissima volta; e la Paolina, così detta da Paolo III, anch’essa ornata di pitture, e con un bel tabernacolo di cristallo fregiato d’oro. Dal primo piano delle celebri logge di Raffaello si va all’appartamento Borgia, ove sono raccolte pitture ed antichi monumenti in copia, e si passa quindi al gran museo Vaticano, che dividesi in Pio, Clementino e Chiaramonti. Incominciasi a percorrere il Corridore delle lapidi, raccolta la più copiosa che immaginare si possa di vetuste iscrizioni in bell’ordine disposte dal dottissimo monsignor Marini; prossima è la Biblioteca Vaticana, copiosissima di manoscritti codici, papiri, medaglie, stampe, ed ornata dalle gesta di Sisto V dipintevi a fresco. Pio VII le donò i due superbi candelabri di Parigi della fabbrica di Sevres. Si passa quindi al Museo Chiaramonti, il primo corridore del quale segue quello delle iscrizioni, e verso la metà di entra in quello che dicesi Nuovo-Braccio, aperto nel 1822,  e quindi al Museo Egizio ed Attico, che formano l’emiciclo di Belvedere. Viene poscia il Museo che si dice Pio-Clementino, per esserne stati i fondatori Clemente XIII e Clemente XIV, e Pio VI, quegli che lo fece salire all’odierno grido. Le sue parti consistono nel vestibolo Quadrato, nel vestibolo Rotondo, nella camera del Meleagro, nel portico che circonda il cortile di Belvedere, nella sala degli Animali, nella galleria delle Statue, nelle stanze dei Busti, nel Gabinetto, nella sala delle Muse, che ha il bel pavimento d’antico musaico, nella sala Rotonda, ov’è la conca di porfido del perimetro di palmi 62, ed il pavimento di vecchio mosaico trovato in Otricoli, nella sala a Croce-Greca, nella scala principale del Museo sorretta da 22 colonne granitiche, colla rotonda camera della Biga, donde si passa alla galleria delle Carte geografiche e di là alla camera degli Arrazzi fatti sui cartoni di Raffaello, ed alle quattro camere dallo stesso Raffaello dipinte interamente e che han nome dai soggetti in esse trattati, cioè la camera dell’Incendio di Borgo, quella della Disputa del ss. Sagramento, quella di Eliodoro e la sala di Costantino. Si ascende poi al secondo piano delle logge dette di Raffaello, perchè egli tutte ne diresse le pitture, e quindi al terzo abbellito anche dalle carte geografiche del domenicano Iganzio Danti, donde si ha l’accesso alla raccolta de’ quadri classici ritornati da Parigi, e disposti in sei grandi camere dal famoso Camuccini. Numerosi e tutti vastissimi sono gli appartamenti qua e colà situati, ed incantevole l’ampio giardino cui dà l’accesso un vestibolo corrispondente alla camera della Biga del Museo, e la prima partizione dicesi Giardino della Pigna, essendovi quella in bronzo che fu prima in vetta al Mausoleo di Adriano. La seconda è abbellita da un casino e dal trasportatovi piedestallo della colonna di Antonino Pio. -  (...)
Anche il palazzo, detto della Cancelleria per dimorarvi il cardinale vice-cancelliere di Santa-Chiesa, e formante un solo edifizio colla chiesa di S.-Lorenzo-in-Damaso, esige speciale menzione fra le pubbliche ruoli, ed è intieramente di travertino e marmo, condotto con bel disegno del Bramante sul finire del secolo decimoquinto, ma con danno degli antichi monumenti, e specialmente del Colosseo, da’ quali furono presi i materiali. (...)
Chiamasi esso anche anfiteatro Flavio o di Vespasiano e giace tra i monti Palatino, Celio ed Esquilino: è un immenso edifizio ovale, fabbricato di massi di travertino, ed ancora tutto intiero all’esterno dalla parte di settentrione, ma rovinato verso il mezzodì; potea contenere 107.000 spettatori: il circuito esterno n’è di 1,641 piedi parigini e l’altezza di 157 piedi; l’arena su cui combattevano i gladiatori, misura 285 piedi di lunghezza con 182 di larghezza; i due ordini superiori sono formati da mezze colonne e pilastri corintii; l’ordine inferiore dorico, e quello che gli sta sopra jonico; l’imperatore Vespasiano incominciò questo anfiteatro al suo ritorno dalla Giudea, Tito lo terminò e ne fece la dedicazione l’anno 80 dopo G.C.; nel 526, i barbari che Totila conduceva, ne ruinarono diverse parti per impadronirsi del bronzo che ne tenea connesse le pietre; poi i ricchi Romani, per ben dieci secoli, ne fecero levar materiali per fabbricarsi le case. (...)ù
Gli eleganti fabbricati che compongono il moderno Campidoglio, danno a quel colle, la cui rinomanza suona ancora famosa da un capo del mondo all’altro, un aspetto di particolare vaghezza. (...)
La sola delle innumerevoli statue equestri di bronzo che adornavano la antica Roma, sorge nel mezzo alla piazza e ci rappresenta il filosofo imperatore Marco Aurelio, scorgendosene ancora la doratura. Di fronte sta il palazzo Senatorio, a cui conducono due rami di grandiosa scala ornati nel centro da bella fontana, ove fra le statue di due fiumi è quella di Minerva scavata già nel feudo senatorio di Cora. Un’elevata torre sovrasta alla fabbrica e serve di campanile con oriuolo. Salendovi sopra, l’occhio spazia d a un lato su tutti i vecchi ruderi, dall’altro su tutto l’odierno abitato di Roma. Altri due palazzi sorgono a fianchi, e nel destro si racchiude il famoso Museo Capitolino, che da Clemente XII ebbe cominciamento, e da’ successori accresciuto, si vide per le cure dell’immortale Consalvi condotto, sotto il pontificato di Pio VII, all’attual perfezione. Presentasi nel cortile d’ingresso la celebre statua colossale dell’Oceano, che il volgo conosce sotto il nome di Marforio perchè tratta e martis foro, e di altre scolture ed iscrizione ridonda il rimanente anche dell’atrio che dà ingresso a tre camere terrene, la prima delle quali dicesi del Canopo, che racchiude statue d’imitazione egizia; nella seconda è una pregiata collezione di 122 iscrizioni imperiali in pietra o terra cotta; la terza, oltre ad alcuni monumenti, ha una bella urna sepolcrale, coperta in tre lati di eccellenti bassi rilievi, e che credesi racchiudesse le ceneri di Alessandro Severo nel caso vitreo detto ora di Portland, serbato nel Museo britannico, e chiamasi perciò Camera dell’Urna. La scala è ornata dagli avanzi della antica pianta di Roma scavi nella via Sacra sul tempio di Remo. Ripiena è pure di statue la lunga galleria, ed alla destra di essa si entra nella camera, cui da il nome bellissimo vaso di marmo pentelico scavato presso la tomba di Cecilia Metella. Altro di bronzo ve ne ha di greca provenienza, e alcuni sarcofagi e busti, co’ singolari monumenti archeologici della tavola italica che rappresenta i fatti della trojana guerra, e delle colombe in musaico, rinvenute nella Villa Adriana. Due camere a manca si dicono l’una degli Imperatori, l’altra dei Filosofi, perchè i busti di essi rinserrano, e vengono di poi le tre sale zeppe di statue ammirande, fra le quali è da notare il Fauno di rosso antico nella seconda, e nella terza, ornata de’ pezzi più rari, il famoso Gladiatore Moribondo, che i più accurati critici stimano essere piuttosto un guerriero della Gallia, la Venere fuori del bagno, emula della Medicea, l’Antinoo e la testa di Marco Bruto. – L’altro palagio che riempe il sinistro fianco, chiamasi de’ Conservatori, e fra le molte scolture e i monumenti sparsi nel cortile, sono le prime ad ammirarsi nell’ingresso le statue di Giulio Cesare, ritratto al naturale, e di Augusto. (...)
A sì grandiosi pubblici edifizi fanno degna corona ad ogni tratto i principeschi palagi della romana nobiltà, che lungo sarebbe il solo enumerare. Non ponno però trasandarsi quelli dei Farnese, costruito con travertini presi per la maggior parte dal colosseo, decorato coi tre ordini dorico, jonico e corintio, l’uno all’altro sovrapposti, ed adorno con dodici colonne di granito egizio che ne sostengono il vestibolo: alla sua architettura ebbero parte il Sangallo, il Buonarroti, il Della-Porta, e l’interno, che può chiamarsi un compiuto museo, prova il genio e la magnificenza di Paolo III, dal quale gli odierni monarchi di Napoli lo ereditarono, mantenendovi indi la regia Ambasciata e aprendo quivi largo campo all’ingegnosa applicazione degli artisti pensionati del loro regno. Quello de’ Barberini, non meno magnifico che vasto, edificato da Urbano VIII, dove sono a notarsi i bei freschi della gran sala e la copiosa raccolta dei preziosi dipinti onde sono decorati gli appartamenti: sorgeva nell’annesso giardino l’Edicola sacra a Giove, Giunone e Minerva, la qual rinnovata poi nel tempio di Giove Capitolino, fece dare all’area di questa più antica il nome di vecchio Campidoglio. Quello de’ Chigi, costruito pei nipoti di Alessandro VII, è rimarchevole non solo perchè ne viene ornato un lato della piazza Colonna, ma altresì per le scolture, dipinti e disegni originali che conserva. Quello degli Sciarra di assai bella architettura ed arricchito da una delle più superbe e compiute romane gallerie. Quello dei Doria, composto di tre grandiosi edifizi insieme uniti ed innalzati dai principi Pamfili, dai quali i presenti signori gli ereditarono: l’interno ornato all’apparenza risponde, e fanno fede della patrizia splendidezza i preziosi oggetti dell’ampia e scelta galleria. Quello de’ Rospigliosi, eretto sopra gli avanzai delle Terme Costantiniane al Quirinale dal cardinale Scipione Borghese, e quindi ai Bentivoglio, ai Mazzarini, e infine agli odierni possessori passato per via di acquisto: oltre la collezione di superbi quadri, ha nella volta del salone inferiore la celebre Aurora, incomparabile capolavoro dell’immortale Guido Reni. Quello de’ Colonna, che Martino V ed i successivi principi della sua casa innalzarono sulla estrema falda del Quirinale, si fa distinguere e per la vastità e per la galleria e pel giardino. Quello dei Borghese, detto il Cembalo per la sua esteriore figura, che Paolo V portò all’attuale magnificenza: le 96 colonne granitiche che sostengono gli archi del vasto cortile, danno al medesimo un’idea di sublimità singolare, e la profusione dei dipinti fa meglio apparire la sontuosità degli appartamenti. Quello dei Braschi, che vedemmo sorgere a’ nostri dì emulo delle più ammirevoli fabbriche romane per la stupenda architettura e pegl’interni ornamenti, ha il particolar pregio della marmorea scala, cui adornano belle colonne e pilastri di rosso granito finissimo: l’antica statua di Menelao sostenente il corpo di Patroclo, la quale dal primo che immaginò di affiggervi scritti satirici si disse Pasquino e a questi diè il nome di Pasquinate, posa su di un angolo esteriore. Quello de’ Massimo, osservabile per l’elegante portico immaginatovi felicemente dal Peruzzi, da sei colonne sostenuto e che dà adito agli interni cortili; nè manca di pittorici ornamenti, oltre la statua di Dioscobolo, ed ha nel posteriore frontespizio, rivolto al circo Agonale, i famosi chiaroscuri di Daniele da Volterra. (...)
Le ville, i giardini, formano pure uno dei migliori ornamenti dell’odierna Roma e de’ prossimi dintorni. Principal vanto menano nell’interno della città: la villa-Medici, sul Pincio, che spetta oggi all’Accademia reale di Francia, ed ebbe il nome dal card. Alessandro de’ Medici, che fu poi Leone XI, il quale acquistata l’avea dal card. Ricci, statone il fondatore. Il suo circuito supera ½ lega, magnifico n’è il palagio, ed il superbo giardino termina di appagare quanti dalla prossima passeggiata pinciana vi rivolgono lo sguardo. La Villa-Ludovisi, che occupa una parte degli Orti Sallustiani, e ridonda ne’ suoi tre casini di pregevoli scolture e dipinti, fra’ quali è l’Aurora, famoso capolavoro del Guercino. (...)
Due basiliche si elevano al di fuori delle mura romane. Una è quella di s. Sebastiano, sulla via Appia, riedificata dal card. Scipione Borghese, di cui sostengono il portico colonne granitiche e 4 di verde-antico sorreggono l’ara massima. L’altra è quella di s. Lorenzo, nella via Collatina o Tiburtina, sull’area del Campo Verano. Di antico musaico in pietre dure è il pavimento della tribuna, e moltiplici colonne di pavonazetto, con 6 di porfido, due delle quali di color-verde, ne formano il peculiare ornamento, unitamente a due antichi pulpiti marmorei (Ambones) lateralmente situati e alla sotterranea confessione dove si venerano i corpi dei ss. Stefano e Lorenzo. (...)
Rispondono a queste chiese esteriori altrettanti antichi cimiteri, che, molto estendendosi sotterra, si dissero Catacombe, altro non essendo in origine che cave di pozzolana prescelte dai primitivi cristiani per celarsi alle persecuzioni ed ivi praticare i sagri riti e dar sepoltura agli estinti. Il maggior cimitero è quello di Callisto, al quale si ha l’accesso dalla cappella di San Sebastiano, ed estentesi per 2 leghe 215, venduto venerando per esservisi riposto il corpo di quel santo Martire, di molti pontefici e di più migliaia di cattolici atleti. Da una cappella sotterranea di s. Lorenzo si scende nel cimiterio della romana matrona s. Ciriaca. Da s. Agnese ha il nome l’altro cimiterio sottoposto al suo tempio, e da san Cleopodio quello antichissimo di san Pancrazio. – Il porto principale di Roma sul Tevere è quello di Ripagrande, vicino a Porta Portese, ed un faro, innalzatovi da Pio VII, lo addita a quelli che dal Mediterraneo rimontano il fiume. Memorando è quel sito perchè ivi s’indicano avvenute le meraviglie di Coclite, di Scevola e di Clelia. (...)
Nell’altro porto di Ripetta, non lungi dalla porta Flaminia, fondato da Clemente XI, si fa principalmente il commercio del carbone e di altri combustibili, non che di vino e d’olio che vi sbarcano gli Umbri ed i Sabini, e quivi pure è stabilita una dogana col suo Governatore. (...)
Fra i luoghi destinati ai pubblici spettacoli tengono il primo luogo i teatri.  Per vastità si fa distinguere quello detto di Aribert, da chi lo costrusse, e serve principalmente alle danze popolari, trovandosi non lungi dalla piazza di Spagna. Quelli di Argentina e Tordinona vengono poi, e l’altro Valle, sebbene più piccolo e più gajo. L’area del mausoleo d’Augusto, del quale rovinò la cupola e perirono o furono rimossi gli ornamenti, serve ora di anfiteatro, con logge e gradinate posteriormente costruite, per le giostre del toro, giuochi di cavalli, esposizioni di fiere e trattenimenti pirotecnici, che nell’estiva stagione riescono assai sollazzevoli. Presso il palazzo Barberini è il luogo destinato al giuoco del pallone, al quale mostrano i Romani particolare affezione. (...)
La storia degli avvenimenti de’ quali fu Roma teatro è così generalmente nota, e sarebbe in pari tempo sì lunga, che non possiamo qui intraprenderne un riassunto. Ci contenteremo adunque di una semplice indicazione cronologica dei fatti più risaltanti e più colla geografia connessi, non senza soggiungere, che intorno alla romana storia molto fu abbattuto e molto tentato di edificare in confronto delle narrazioni più ricevute, dal Niebuhr, la cui opera merita di essere studiata.

752 prima di G.C. Fondazione della Città.

509. Formazione della repubblica.

388. Presa e distruzione di Roma per opera de’ Galli.

29. Creazione dell’Impero.

64 dopo G.C. Incendio di Nerone.

307. Roma è indarno assediata da galerio.

330. E’ abbandonata da Costantino che stabilisce a Bisanzio la sede dell’Impero.

364. Diventa la capitale dell’impero d’Occidente.

387. viene saccheggiata da Alarico re de’ Visigoti.

455. E’ presa da Genserico, re dei Vandali.

472. Ricimero, re dei Goti, la prende e la saccheggia.

476. Oloacre, re degli Eruli, se ne rende padrone; divenuta Ravenna la sede del poter imperiale in Italia.

527. Assedio di Vitige, re dei Goti.

536. Ingresso di Belisario, generale di Giustiniano.

546 e 549. Roma vien presa da Totila, re degli Ostrogoti.

533. La è da Narsete, generale di Giustiniano.

568. Istituzione del ducato di Roma, che stendevasi tra Ostia, Orte e la foce della Marta.

578. I Lombardi devastano il territorio.

593. La città è assediata da Agilulfo, che ne devasta i contorni.

755. Astolfo, re de’ Lombardi, leva, all’avanzarsi di Pepino, re di Francia, l’assedio. Principio del potere temporale dei Papi.

800. Carlomagno incoronato imperatore.

846. Sacco del Vaticano per parte dei Saraceni.

1081. Assedio inutile dell’imperatore Enrico IV.

1084. Presa di Roma per parte di detto imperatore, che assedia nel castello Sant’Angelo il papa Gregorio VII, liberato da Roberto, duca di Puglia.

1036. Passaggio d’un corpo d’esercito condotto da Ugo di Francia e destinato alla prima crociata.

1305. Clemente V trasferisce la sede pontificale ad Avignone.

1375. Gregorio XI, la riporta a Roma.

1494. Ingresso di Carlo VIII, re di Francia.

1527. Sacco di Roma per mano delle truppe del contestabile di Borbone, generale di Carlo Quinto.

1590 e 1591. Peste.

1703. Tremuoto; il grande traripamento del Tevere.

1798. Roma occupata dai Francesi.

1799. Lo è dai Napoletani.

1809 e 1810. Viene incorporata all’impero francese, di cui è dichiarata la seconda città; diventa capoluogo del dipartimento del suo nome; il papa Pio VII condotto in Francia il figlio primogenito di Napoleone riceve il titolo di re di Roma.

1814. Ritorno di Pio VII.

1831. Molti insurrezionali prontamente repressi.