Piazza Navona

Fontana dei Fiumi

 

Pope Innocence X Pamphilj authorised work on the removal of the obelisk from the Circo Massenzio and its placement in Piazza Navona, according to Bernini's project. Around this monolinth were placed four white marble statues, five metres tall which represented rivers. The first was by Claude Poussin and was dedicated to the Ganges, symbolising Asia; the Nile, representing Africa, was carved by Giacomo Antonio Fancelli, its veiled head standing for the up till then unknown source of the river, the Danube for Europe, carved by Antonio Raggi and finally the Rio de la Plata, representing America by Francesco Baratta.

Per dare una degna sistemazione nella piazza Navona all'obelisco proveniente dal Circo di Massenzio e al progetto del Bernini, il pontefice Innocenzo X Pamphilj autorizzò i lavori e si inaugurò la stupenda opera il 12 giugno 1651. Attorno al monolite furono posizionate quattro statue di marmo bianco alte cinque metri che rappresentano i fiumi. La prima realizzata da Claude Poussin è dedicata al Gange e simboleggia l'Asia; il Nilo per l'Africa è di Giacomo Antonio Fancelli ed ha il capo velato perché all'epoca non si conoscevano le sorgenti; Antonio Raggi ha scolpito il Danubio per l'Europa ed infine il Rio de la Plata, simbolo dell'America, è di Francesco Baratta.