Cristofano Allori, Giuditta con la testa di Oloferne