Per una visione ottimale premi F11       -       Per rimpicciolire l'immagine: Ctrl -    e per ingrandirla: Ctrl + 


By Frida De Salve
                                                                        Photo by Bruno Balestrini                                               
SCH_01  

The Natural History Museum

The Natural History Museum in Milan is housed in an eighteenth century building in the of Porta Venezia in the centre of the city. Constructed by Giovanni Ceruti from 1888 to 1898, when it was inaugurated, it was then completed in 1907. It was almost completely destroyed by bombing in 1943. Only part of the library and some of the collections that were housed in protected rooms were saved from the disaster.
The museum was re-opened to the public in 1952 and from then on it has been the object of continual restoration and re-furbishing in order to guarantee a style of display that fits today’s requirements. The actual scientific sections of the Museum include Minerals, Palaeontology, paletnology, botany, the zoology of invertebrates, entomology and the zoology of vertebrates, dioramas, stuffed animals, plastic skeletons and graphic documents that make the Museum not only the largest and most important collection in Italy but also one of the most well-known and recognized in Europe. Apart from display, the Museum is largely dedicated to didactics and research with the use of internal laboratories and collections that are essentially dedicated to scientific study and research.
Housed in the museum is a rich library specializing in all the fields of natural sciences.
Displays may be found in twenty-three rooms covering an area of 5000 square metres and the collections contain about two and a half million examples.
Apart from the case that illustrates the history of the museum, the first room houses a library specialized in scientific news, some cases dedicated to new materials as well as small temporary exhibitions and finally a part dedicated to the Settala Museum, a collection of naturalistic remains from the old museum.
The second and third rooms are dedicated to the science of minerals and of note is the  classification of the minerals using a crystal-chemical base The most important minerals in each class have been described and different significant examples have been put on display. There is also an exhibition of Pedology, the science that studies the soil with a part dedicated to a general introduction, to the characteristics and importance of soil and another to the types that are fundamentally typical of Lombardy.
The fourth to the eighth rooms are dedicated to palaeontology, the science that studied fossils, remains of animals and vegetation that lived in remote eras, most of which are now extinct. By visiting these rooms it is possible to admire insects trapped in amber, small fish inside a slab of rock, an exceptional case of the preservation of the soft parts of a squid from the French Jurassic period, a gigantic full-sized model of a Pteranodont, a large flying reptile that lived over 70 million years ago and whose wing-span measured about 6 meters.
The collection includes other extraordinary pieces such as a Dromeosaurus, a swift and extremely ferocious carnivore, casts of the skeletons of a Camptosaurus and a Stegosaurus as well as the reconstruction of a life-sized Triceratops and the head of a Tyrannosaurus.
Room Eight is, however, entirely dedicated to fossils from Italian deposits from different eras: Palaeozoic, Mesozoic and Cenozoic.
Room Nine houses another sector of natural sciences: the origin and evolution of man. The centre and left side of the room is reserved for temporary exhibitions.
This sector is divided into two parts: the first analyzes the anthropoid monkey in detail and the primates that are nearest to man, whilst the second is dedicated to the story of the evolution of man with an accurate presentation of the main characteristics of man, the erect position, the use of the brain and the hands. From the tenth to the twenty-third room the museum offers a rich display covering the sector of Zoology divided into invertebrates, entomology and the zoology of vertebrates.
Room Ten is reserved for the systematics, anatomy, morphology and biology of lower invertebrates, mollusks and arthropods (animals with segmented legs).
Of note are two examples of exceptional size: a giant tridacna (bivalve class) and for the arthropods, a giant crab from Japan (crustacean class).
Room Eleven is dedicated to entomology. The insects (considered arthropods that have reached a high level of evolution and have occupied all types of environment) are on display in four different sections: biology, ecology, systematics and the history of entomology.
The display of actual vertebrates starts in Room Twelve and alternates between those dedicated to systematics and biology and those in which ecology is presented through a series of evocative dioramas, perfect reconstructions of the protected areas of the world such as parks and natural reserves.
The subjects treated in the following rooms are:
13 - amphibians and reptiles
14 - the Equatorial forests and the humid, tropical areas
15 - birds
16 - temperate forests, taiga and mountains
17 - mammals, more evolved vertebrates with a classification that deals firstly with animals that reproduce using eggs but feed their young with milk (ornithorynchus and echidna) then the order of edentata (armadillos, ant-eaters etc.) and lastly primates( rodents, proboscidea etc.)
18- Arctic and Antarctic environments, marine animals. Of all the examples on display, the skeleton of a common whale, 19,30
metres long  found in Sardinia last century and hung from the ceiling is the most spectacular.
19 - African savannah. This diorama is the biggest in the museum, inspired by the savannah in northern Tanzania characterized by the presence of a large example of an adult male elephant and a white rhinoceros, almost completely extinct now due to indiscriminate hunting.
20 - Savannah, grasslands and deserts. Represented here are the more important grasslands and deserts in the world. The last three rooms are dedicated to the parks and natural reserves in Italy with the vertebrates that are typical of the fauna. Room Twenty-One houses a diorama set in the more important Italian national parks of Abruzzo, Stelvio and Gran Paradiso. Room Twenty-Two, on the other hand, contains twenty six small and medium-sized dioramas showing birds, amphibians and reptiles.

 

Il Museo Civico di Storia Naturale di Milano

ha sede in un edificio ottocentesco nei Giardini di Porta Venezia, nel centro della città.
L’edificio fu costruito da Giovanni Ceruti tra il 1888 e il 1893, anno in cui fu inaugurato, e completato nel 1907. Nel 1943, a causa dei bombardamenti, fu quasi completamente distrutto. Dal disastro si salvarono soltanto parte della biblioteca e alcune collezioni che erano custodite in sale protette.
Il Museo viene riaperto al pubblico nel 1952 e, da allora, è stato oggetto di continue opere di restauro e riallestimento, tali da garantire sempre uno stile espositivo adeguato alle nuove esigenze.
Attualmente le sezioni scientifiche trattate dal Museo sono: Mineralogia, Paleontologia, Paletnologia, Botanica, Zoologia degli invertebrati, Entomologia, e Zoologia dei vertebrati.
Diorami, animali imbalsamati, scheletri plastici e documenti grafici fanno di questo Museo non solo la raccolta più vasta e importante d’Italia, ma anche una delle più note e riconosciute in Europa.
Il Museo, oltre alle esposizioni, è fortemente impegnato nella didattica museale e nella ricerca, avvalendosi di laboratori interni e di collezioni essenzialmente dedicate allo studio e alla ricerca scientifica.
All’interno del Museo troviamo anche una ricca Biblioteca, specializzata in tutti i campi delle scienze naturali.
Nel complesso le esposizioni occupano ventitré sale, per un’estensione di 5000 metri quadri, e le raccolte contano circa due milioni e mezzo di esemplari.
Nella prima sala, oltre alle vetrine che illustrano la storia del Museo, troviamo: una libreria specializzata in libri scientifici e divulgativi, alcune vetrine destinate all’esposizione dei nuovi materiali e a piccole mostre temporanee e, infine, una parte dedicata al Museo Settala, che raccoglie oggetti naturalistici superstiti del vecchio Museo.
Le sale due e tre sono dedicate alla Mineralogia e, entrando nello specifico, possiamo notare come nella sala tre sia stata realizzata una classificazione dei minerali su base cristallochimica. Per ogni classe sono stati descritti i minerali più importanti ed esposti diversi campioni significativi. In questa sala segnaliamo anche una mostra di Pedologia, la scienza che studia i suoli, con una parte dedicata all’introduzione generale, alle caratteristiche e all’importanza dei suoli e un’altra ai tipi fondamentali propri del territorio lombardo.
Le sale dalla quattro alla otto sono dedicate al settore della Paleontologia, la scienza che studia i fossili, resti di organismi animali e vegetali vissuti in epoche remote e in gran parte ormai estinti. Visitando queste sale si possono ammirare insetti imprigionati nell’ambra, piccoli pesci all’interno di una lastra, un eccezionale caso di conservazione delle parti molli, dato da una seppia del Giurassico francese, un gigantesco modello, a grandezza naturale, di Pteranodonte, un grande rettile volante vissuto circa 70 milioni di anni fa, la cui apertura alare misurava circa 6 metri.
La collezione possiede altri pezzi straordinari tra cui ricordiamo un dromeosauro, carnivoro veloce e molto feroce, calchi dello scheletro di un camptosauro, di uno stegosauro e di un tirannosauro, e ancora le ricostruzioni a grandezza naturale di un triceratopo e di un cranio di tirannosauro.
La sala otto è invece interamente dedicata ai fossili provenienti da giacimenti italiani e appartenenti a diverse ere: paleozoica, mesozoica, cenozoica.
Si arriva poi alla sala nove, che tratta un altro settore delle scienze naturali: l’origine e l’evoluzione dell’uomo. La parte centrale e quella sinistra della sala sono riservate a mostre temporanee.
Questo settore è stato diviso in due sezioni: la prima analizza in modo particolarmente dettagliato le scimmie antropomorfe, i primati più vicini all’uomo, mentre la seconda è dedicata alla storia evolutiva dell’uomo con un’accurata presentazione delle caratteristiche principali degli ominidi, la posizione eretta, l’evoluzione del cervello e l’uso della mano. Dalla sala dieci fino alla ventitré, il Museo offre una ricchissima esposizione sul settore della Zoologia, la quale è suddivisa in zoologia degli invertebrati, entomologia, zoologia dei vertebrati.
La sala dieci è riservata alla sistematica, all’anatomia, alla morfologia e biologia degli invertebrati inferiori, dei molluschi e degli artropodi (animali con le zampe articolate in segmenti). Degni di nota sono due esemplari di dimensioni eccezionali: per i molluschi, una tridacna gigante (classe dei bivalvi) e, per gli artropodi, un granchio gigante proveniente dal Giappone (classe dei crostacei).
La sala undici è dedicata all’entomologia. L’esposizione degli insetti, che possono essere considerati come artropodi che hanno raggiunto un altissimo livello evolutivo e che hanno occupato ogni tipo di ambiente, è divisa in quattro sezioni: biologia, ecologia, sistematica e storia dell’entomologia.
Dalla sala dodici iniziano le esposizioni che riguardano i vertebrati attuali, e si alternano tra quelle dedicate alla sistematica e alla biologia e quelle in cui l’ecologia viene presentata attraverso suggestivi diorami, in cui sono perfettamente ricostruite determinate zone protette del mondo come parchi e riserve naturali.
Daremo ora una veloce carrellata sugli argomenti trattati nelle sale suddette.
13 – anfibi e rettili.
14 – le foreste equatoriali e gli ambienti umidi tropicali.
15 – uccelli.
16 – foreste temperate, taiga e montagne.
17 – mammiferi, i vertebrati più evoluti, con una classificazione che vede dapprima gli animali che si riproducono attraverso le uova, ma allattano i piccoli (ornitorinco e echidna), si passa poi all’ordine dei maldentati (armadilli, formichieri, ecc.) e, infine, ai primati (roditori, proboscidati, ecc.)
18 – ambienti artici e antartici, mammiferi marini. Tra tutti gli esemplari esposti risalta, appeso al soffitto, uno scheletro lungo 19,30 metri, di balenottera comune, recuperato in Sardegna nel secolo scorso.
19 – savana africana. Qui si trova il diorama più grande di tutto il Museo, ispirato alla savana africana della Tanzania settentrionale, caratterizzato dalla presenza di un grande esemplare di maschio adulto d’elefante e di un rinoceronte bianco, ormai quasi estinto a causa della caccia indiscriminata.
20 – savane, praterie e deserti. Qui vengono trattate le praterie e i deserti più importanti del mondo.
Arriviamo, infine, alle ultime tre sale, dedicate ai parchi e alle riserve naturali del territorio italiano, in cui fanno da protagonisti i vertebrati della nostra fauna. La sala ventuno ospita i diorami ambientati nei più importanti parchi nazionali italiani: quello d’Abruzzo, quello dello Stelvio e quello del Gran Paradiso. Nella sala ventitré, invece, vi sono ben ventisei diorami di piccole e medie dimensioni che, al contrario di quelli presenti nelle altre due sale, trattano in particolar modo gli uccelli, gli anfibi e i rettili.

 

 
HP           SCH_01