Google
Milan by Thais

 

Milan counts 8 First Class hotels and 18 second. The average temperature in Milan is 10o 1/4 (R). It reaches a maximum average of 25 degrees and a minimum average of 5 degrees below zero, but a maximum of 27 degrees and a minimum of 12 degrees below zero have been reached. The climate is such that the number of fine days is much less that half the year, the other half has days which are serene, cloudy and foggy, with some being totally foggy and cloudy and some snowy. Hailstones are infrequent but it rains in spring and there are storms in summer with heavy showers. The average annual rainfall is approximately 35 Parisian inches. An east wind dominates. The air is salubrious, neither relieving nor fresh.   The city boasts many distinguished men including S.Carlo Borromeo, the Latin poet Cecilio, the historian Valerio Massimo, the jurisconsult Beccaria, Doctor Laciati, Gregorio Leti, Ottavio Ferrario, Cardinal Moroni, the mathematician Cavalieri, verri, Parini, Giulini,  the painters Bossi and Appiani, etc., as well as the famous Agnesi who obtained the professorship at the University of Bolognoa and the famous Manzoni who became renowned for his poetry. Milan gave the church 5 popes: Alexander II, Urbano III, Celestino V, Pious IV and Gregorio XIV. The actual population of Milan ,including its suburbs, is about 150,000 but Verri, in his historical account, tels of 300,000 in the XV century. Milan appears healthy and fresh, regular in form and height. The moral character of the Milanese tends towards the charitable, tranquility of the soul, the comforts of life, entertainment, without prejudice in industry, art and manufacture, and the cultivation of profound studies. Abundance is bountiful in its citizens and the richness of its public establishments which usually help the needy. Its women are lithe and elegant, beautiful and fairskinned. Various Conciliatins have been held in this city, the first in 344 or 346 and the last in 1584. Opinions as to the origin of the name Milan are vague and uncertain. They date back to Etruscan times, supposedly Olnio or Olano Caleno, Etruscan Lucomone, coming from Insubria, other leaders introduced the nation as Medo and from this the two names were joined to form Milano or Mediolano. Some believe in Medio amnium because Milan in placed between the two rivers Ticino and Adda whilst others believe in Celtic origins which translate this denomination as indicating a city placed in the middle of land or the plain which now is known as Mediterranean. It seems untrue that whilst Milan was being built or rather re-built at the time of Bellovesi, a sow with its back covered by hair was found. However, this version seems to be believed, confirmed by the verses of Claudiano and Sidonio Apollinare because when Milan is compared to Rome at that time there is a certain conformity placing the sow as a comparison to the she-wolf who suckled Romulus and Remus. It is also true that when the Galls reached Italy with the Insubri they associated the name of the city with their own village , Milain, near Autun.The origin of the name is uncertain, it could possibly and more probably derive from Celtic roots placing the city in the middle of land and rivers. Leaving aside the opinions of some historians and philologists about the first inhabitants of Milan and whether one should reach an agreement, according to Strabone, to the first descendents of Noah, or the Orobii, according to others, who escaped the inundation between Abila and Calpe, coming to rest on Mount Barrio, or else the Insubri, whose main residence was supposed to have been Castel Seprio and passing over the doubts about these two races, beaten and suppressed by the Etruscans, it is probably this last people that inhabited Milan and it seems almost certain that Milan, found in Insubria, was founded, or at least enlarged, in 590 B.C. by Belloveso, captain of the Gallo-Insubri in upper Italy, nephew of Ambigato, prince of the Celts. Beaten and killed in battle, Viridomaro, the last king of the Cisapline-Galls, the winner Claudio Marcello, Roman Consul, entered Milan and reduced the city to a Roman province because, together with all Cisalpine- Gallia, it dominated Orma by the consul Publio Cornelio Scipione Nasica in 1919 before the vernacular era, after Hannibal's retreat. During Pompeo's consulate, its name was changed to honour the second Rome. The Emperor Massimiano Erculeo enriched Milan with luxurious buildings and in 295 a wall was built about two miles long over the covered waters of the Seveso and Nirone canals. In 313 Costantino divided Italy into two, establishing Milan as capital of the north and the residence of a distinct vicarage and of the Emperor himself in the IVth century and the beginning of the Vth. It continued to increase in wealth and magnificence, the city reaching its peak in spleandor in 380. Taken and sacked by Attila in 402, or according to others in 452, it ceased to be an Imperial residence. In 476, it fell under the power of the Eruli, commanded by Odoacre, who proclaimed himself King of Italy. It passed under the dominion of the Goths, led into Italy by Teodorico, who took command in 493. Urala, nephew and general of Vtige, king of the Goths, raised Milan to the ground and sacked it in 539 and in 553 destroyed the dominion of the Goths in Italy by Belisario and Narsete, Justinian's generals, becoming subjects of the Orient emperors. In 568 it passed uner the Lombards, led and established in Italy by Albonio, their king, setting up the knigdom of Lombardy, Pavia becoming their seat. In 575 an aristocratic government lasting ten years was introduced but Agilulfo, husband of Teodolinda, retook the Royal podesta from Desiderio, the son-in-law of Carlo Mago, the last king of Italy made prisoner in 775. This began a new reign in Italy and Pipino, his second son was named king. Milan grew with the destruction of Pavia ordered by Berengario led there by the Hunns. In 945 the first Diet for the election of the king of Italy was held. Valperto de Medici, archbishop of milan invited Ottone the Great to Italy and he was crowned king of Germny in Italy. Ariberto Arsago d 'Intiminao ,archbishop of Milan, also invited the emperor Corrado II, known as il Salico, to come to Lombardy and crowned him king of Italy and offering him help but he was driven away from Milan in 1042 by captain Lanzone, head of the plebeans maltreated  by the nobles who were also driven away. In 1093 Milan withdrew from politics and from dependence under the empire, in the reign of Henry IV and Henry V  and conceded any rights to the claim to the popes.  In 1100 Milan became a republic with its own consul, taking and destroying Lodi the year after. In 1127 it destroyed Como, and Crema in 1137, re-building Tortona, their ally in 1155. Two years later Milan was fortified and a wide ditch was added. Federico I, Emperor of Germany, known as Red Beard, called to Italy by enemies of the Milanese,  took Milan after a long blockade in 1158 but sacked it the following year and in 1162 it was reconquered, almost entirely destroyed, forcing the inhabitants into exile unitl their return in 1167,  when the fortifications were repaired and Milan rose again more beautiful and flourishing than before. On Federico's return against the Milanese, his army was defeated near Legnano in 1176 by 900 men who with their valour won the battle. By the peace of Costanza,  Milan was freed  with the determined protection and alliance of Emperor Federico I,  who wanted to ensure his rights in Italy. In 1186 Milan elected its first magistrate or podesta in Uberto Visconti from Piacenza.  This magistrature  was subjected to various vicissitudes, depending on the dominating factions,  perhaps seeming despotic. 

avid for dominion, the Milanese turned to Emperor Ottone IV , crowning him king of Italy in exchange for his help in the conquest of the Lombardy cities.  Innocence III, a partesan of Federico II, nephew of Red Beard, excommunicated them for the part they played in the favouring of Ottone and in 1235, sustained by Gregorio IX, they supported Enrico against Federico II, his father.  Defeated, they were protected in their retreat by Pagano della Torre from Valsassina but impatient to recover military glory, they returned to fight Federico and in 1239 they managed to defeat him, the court known as Incoronata distinguishing themselves. Pagano della Toree, in 1240, was nominated by the Milanese population as protector against the nobles and on his death his nephew Martino was proclaimed Anziano della Credenza, an office equivalent to the tribunicial rank of the Roman population. In1253 there arose dissent between the population and the nobles, Manfredi Lancia, Marquiss of Incisa, was created duke of Milan for three years, after which the Marquis Oberto Pallavicino for five years, taking the title of General Captain. In 1257 Martino della Torre drove out the nobles with archbishop Leone da Perego their head but the following year peace was arranged, according to S.Ambrose, between the nobles and the population both having equal rights.  In 1261 Ottone Visconti  was nominated archbishop of Milan and from then on his house flourished. On the death of Martino della Torre, he was succeeded by his brother Philip as podesta and  duke for life but in the wake of disorder Count Charles d'Anjou and Provence, Luigi IX , king of France's brother, was nominated Duke of Milan for five years. Napo or Napoleone della Torre, son of the famous Pagano, succeeded the title and power after the death of Philip and was nominated by Emperor Rodolfo I as his imperial vicar and revived the right refused by the Emperor of Germany over this country.  In 1277, suppressed and made prisoner by archbishop Ottone, this prelate entered Milan triumphantly and nominated Duke Guglielmo Lungaspada, marquis of Monferrato with the luxury of the authority over the dominating party in the city but in 1282 he drove away the marquis and governed by himself, nominating in 1287 Matteo Visconti, his nephew,  as head of the people and a year later as podesta of Milan with ample power, having also been nominated  Imperial Vicar by Emperor Adolfo in 1294. On the death of Ottone, the Lombardy city, frightened by the increasing dominance of Matteo, established a league in Pavia against him but he discovered it and destroyed ther plot. In 1302 he was forced to flee by the Torrians, returned to their faction and in 1310 re-entered Milan with the emperor Henry of Luxembourg who reconciled them and they returned in possession of their original power.  The Torrians were unexpectedlt assaulted and  were driven away for ever by the German troops but with the help of Galeazzo Visconti, the son of Matteo, he was procliamed Duke of Milan and was succeeded by his son Azzone who built a new wall around the city and some towers. It was the first of the Viscontis, in 1339, who proclaimed himself sovereign and had his name and effigy placed on the coins. His successor and uncle. Luchino Visconti, introduced order and public security into Milan with absolute monarchy in 1341. Poisoned by his wife, Isabella del Fiesco, he was succeeded by his brother Giovanni, archbishop who bought Bologna and Genoa, protecting the arts and sciences and covering Petrarca with honour and gifts, calling him to Milan, having refused the offer from the dukes of Rome.  On his death, his grandsons Matteo II, Bernabo and Giovani II divided the pricipality keeping Milan and Genoa united.  Emperor Venceslao raised the city and the territory of Milan to a dukedom in 1395 which continued to be subject to the Visconti family until 1447 when Philip died without heirs. Milan was declared a republic in the same year, nominating General Francesco Sforza as their captain. Various factions were formed the following year contesting the government. The oligarchy joined Venice, their enemy , against Francesco who blocked Milan and in 1450 entered and proclaimed himself Duke. His son and successor, Galeazzo Maria, in 1476, was assassinated in the church of S. Stefano and it was his wife Bona, princess of Savoy who governed in place of her son, Gian Galeazzo Maria,  who was still a minor. Ludovico Maria Sforza, the young duke's uncle, usurped the mother's reign and cited Charles VIII, king of France, in his conquest of the realm of Naples, inviting him to Italy. When Giovanni Galeazzo Maria died, according to some poisoned by his uncle Lodovico in 1495,  he became Duke of Milan, invested with a diploma from the Emperor Maximilian I . The Duke of Orleans, pretender to the same dukedom for the same reasons as the wife of Ludovico, actively encouraged him to form an alliance with other princes in order to drive the French out of Italy. This finally occured in 1496 but they returned in 1499, forcing Ludovico to flee.  The following year he returned to Milan, again defeated the French but was betrayed and  taken prisoner near Novara and transported to France, whilst the French re-took Milan. In 1505 Emperor Maximilian I  invested the King of France with the title of Duke of Milan. Maximilian Sforza, defeated in 1515, renounced the dukedom and retired to France with a pension. The following year the French were once again defeated by the Milanese at the battle of Bicocca and retreated  but, once past the Alps in 1523, they returned to attack Milan but were beaten at Abbiategrasso the next year when the plague killed more than 50,000 people. Francesco I , king of France,  returned to Italy with an army, reconquered Milan but lost the battle of Pavia, and was imprisoned by the Spanish and Francesco Maria Sforza regained the city. Suspected by the Spanish, he was blocked in the castle of Milan and the following year he surrendered. Emperor Charles V  contributed greatly to the investiture of Francesco Maria as Duke of Milan after Francesco I  surrendered his rights to the title in the treaty of Cambray in 1529. On the death of Francesco Maria Sforza, being childless, the reign of his family ended.  Charles V gave the realm to his own son Philip who took the name of Philip II  passing it to his son , Philip III in 1598 and to Philip IV in 1621.  In 1700, when Charles II, the son of Philip IV died,  the French occupied the state of Milan in the name of the duke of Angio. His death set off the famous Spanish war of succession. In 1706, Prince Eugenio of Savoy fought against the French Imperial Army near Turin and conquered the state of Milan uniting it to Mantova and giving it the name of Austrian-Lombardy., declaring Milan the capital.  On the death of Giuseppe I, Emperor of Germany and Duke of Milan, his brother Charles VI succeeded the title and power, being in possession of the dukedom confirmed by the Treaty of Baden. In 1733 the Gallic-Sardinian army occupied Milan but Emperor Charles VI regained it under the peace treaty of Vienna in 1736.  His only daughter, Maria Teresa, succeeded him, and gained possession in 1746.  Her philosophical son, Giuseppe II,  took over in 1780, suppressing the Senate in Milan and reformimg the Law system.  On the death of his brother, Leopoldo II, Francesco, his son, the actual reigning emperor, succeeded him im 1792. The French were brought to Italy by general Napoleone Bonaparte and occupied Milan on May 14th 1796, declaring the Cisaplina republic the following year, Milan being the capital.  In 1799, after the battle of Verona,  the French were forced to retreat along with the Cisalpina troops and the Austrians together with the Russians entered Milan.  In 1800 Napoleone returned from Egypt and was named First Consul and, at the head of his victorious army, entered Milan on June 2nd, proclaiming it capital of the resurrected Cisalpina republic, the Congress of Lyon in 1802 giving it the name if the republic of Italy. Later being named the Realm of Italy, Milan became its capital and chief town of the province of Olona. Napoleon had himself crowned king on May 26th.  Abdicating in 1814, he conquered the crown of France,  passing Italy to Prince Eugenio. French troops abandoned Italy and the Austrians occupied the city and the State of Milan.  The new realm of Lombardy-Veneto was created in 1815, Milan becoming the seat of one of the two governments into which the realm was divided. On 31st December Francesco I made his solemn entrance and in 1818 he nominated his brother, archduke Rainieri,  Viceroy, Milan becoming the definite capital of the realm. The four districts of Milan enclose 98  communes and 149,650 inhabitants.

 

 

 

 

Il Laghetto dellìOspedale Maggiore nel 1857

 

 

 

 

Il Palazzo dei Giureconsulti e passaggio della
Pescheria Vecchia - 1860 circa

 

 

 

 

 

Ospedale Maggiore - 1870 circa

 

 

 

 

Il grande arco della Galleria Vittorio Emanuele II
in costruzione - 1876

 

 

 

 

Facciata della Basilicxa di Sant'Eustorgio
prima dei restauri - 1860 circa

 

 

 

 

Naviglio di Via Senato - 1870 circa

 

 

 

 

La Loggia degi Osii e il palazzo delle Scuole Palatine
in piazza dei Mercanti - 1860 circa

 

 

 

 

 

Arco della Pace - 1880 circa

 

 

 

 

Piazza del Duomo nel 1870 circa.
Sulla destra l'isolato del Rebecchino demolito nel 1875
e sulla sinistra i lavori per la costruzione dei
Portici Settentrionali

 

 

 

 

Corso Vittorio Emanuele - 1890 circa

 

 

 

La Martesana a Gorla

 

     Home Page  

Contanvisi 8 alberghi di prima classe, e 18 di seconda. – La temperatura media in Milano è di 10° 1/4 (R.), l’adeguato dei massimi calori arriva a più di 25 gradi, e quello dei freddi di gradi meno 5 ¾ sotto il zero. Il massimo dei calori è stato osservato di gradi più che 27, ed il massimo dei freddi di gradi meno 12. La costituzione dell’atmosfera è tale, che il numero dei giorni sereni è alquanto minore della metà del numero intero dei giorni dell’anno; l’altra metà, con qualche aumento, è formata da giorni misti di sereno, di nuvolo e di nebbia, di alcuni interamente nuvolosi e nebbiosi, di altri piovosi, ed alcuni nevosi. Le grandini non sono frequenti sebbene frequenti sieno nella primavera e nell’estate i temporali, che alle volte scaricano rovesci di pioggie. La quantità media della pioggia, che cade in un’anno, è prossimamente di pollici parigini 35. Il vento dominante è il Levante. L’aria vi è salubre, nè rilasciata, nè frizzante. – Questa città è patria di molti uomini distinti, e fra gli altri di S. Carlo Borromeo, del poeta latino Cecilio, dello storico Valerio Massimo, del giureconsulto Beccaria, del dotto Laciati, di Gregorio Leti, di Ottavio Ferrario, del  cardinale Moroni, del matematico Cavalieri, del Cardano, di Verri, Parini, Giulini, dei pittori Bossi ed Appiani, ec. Ec. Conta pure la cel. Agnesi, che ottenne una cattedra di matematica nella università di Bologna, e la famosa Manzoni, che s’illustrò nella poesia. Diede alla chiesa 5 papi, cioè Alessandro II, Urbano III, Celestino V, Pio IV, e Gregorio XIV. La popolazione di Milano, compresi i sobborghi, è di circa 150,000 abitanti, dicendo il Verri, nella sua storia, che verisimilmente, verso la metà  del secolo XV, ascendeva  a circa 300,000; la sua costituzione fisica apparisce sana e fresca, e di statura e forme per lo più regolari. Il carattere morale dei Milanesi gli mostra inclinati alla beneficenza, alla tranquillità d’animo, ai comodi della vita, ai divertimenti, senza pregiudizio della industria, delle arti e manifatture, e dei buoni studj, che distintamente vi si coltivano. La dovizia e bontà dei cittadini, e la ricchezza degli stabilimenti pubblici provvedono generalmente alla classe indigente. Le donne sono rimarchevoli per una figura svelta ed elegante, per belle fattezze, e bianchezza di carnagione. – Si celebrarono in questa città diversi Concilj, il primo dei quali nell’anno 344 o 346, e l’ultimo nel 1584. – Vaghe ed incerte sono le opinioni sulla etimologia del nome di Milano. Risalgono alcuni alle origini etrusche, e supponendo Olenio od Olano Caleno, lucomone etrusco, venuto nella Insubria, altro capo introducono di quella nazione detto Medo, e da quei due nomi riuniti deducono quello di Milano o Mediolano, come accenna l’Alciati. Altri la credono così detta, quasi in medio amnium, perchè posta tra i due fiumi Ticino ed Adda; ricorrono altri ad origini celtiche, dalle quali verrebbe quella denominazione ad indicare una città posta in mezzo alle terre ed alle pianure e come ora direbbesi mediterranea. Sembra priva di fondamento la supposizione del ritrovamento di una troja col tergo lanuto solo per metà, all’epoca in cui Beloveso determinossi alla fabbricazione o piuttosto alla riedificazione di Milano; si abbracciò tuttavia quella tradizione, confermata dai versi di Claudiano e di Sidonio Apollinare, perchè, riguardandosi Milano a qualche epoca come una seconda Roma, vi si trovò una certa conformità con Roma medesima, ponendosi la troja quasi al confronto colla lupa allattatrice di Ormolo e Remo. Se però è vero che i Galli giunti in Italia, cogli Insubri si collegassero più facilmente, perchè trovarono il nome di una città corrispondente a quello di un loro borgo o villaggio, sotto il nome di Milain, presso Autun, convien supporre il nome di Milano più antico della venuta dei Galli. Non certa è dunque la origine di quel nome, che potrebbe forse derivare, più probabilmente, da qualche radice celtica, riferibile soltanto alla situazione della città in mezzo alle terre ed ai fiumi. Ommettendo le opinioni che alcuni storici e filologi ci lasciarono sui primi abitatori del suolo milanese, e non disputando se tal preminenza si debba accordare, secondo Strabone, ai primi discendenti di Noè, o agli Orobii, secondo altri, i quali scampati, come si pretende, dalla irruzione dell’oceano fra Abila e Calpe, stabilirono la loro sede sulla vetta del monte Barro, oppure agli Insubri, la cui principale residenza dicesi essere stata Castel Seprio, e passando sul dubbio se quei due popoli, vinti e soggiogati dagli Etruschi, abbiano questi ultimi ad essere considerati come i principali abitatori del Milanese, sembra essere quasi una certezza che Milano, situata nella Insubria, sia stata fondata od almeno ingrandita nell’anno 590 prima di G.C., da Belloveso, capitano dei Gallo-insubri nella Italia superiore, e nipote di Ambigato principe dei Celti. Sconfitto ed ucciso in battaglia Viridomaro, ultimo re dei Galli-cisalpini, il vincitore Marco Claudio Marcello, console romano, entra in Milano, e riduce il paese in provincia romana, essendo stata la città, insieme a tutta la Gallia-Cisalpina difinitivamente assoggettata al dominio di Orma dal console Publio Cornelio Scipione Nasica, l’anno 1919, prima dell’era volgare, dopo la ritirata di Annibale. Sotto il consolato di Pompeo, fu onorata del nome di seconda Roma. L’imperatore Massimiano Erculeo abbellisce Milano con sontuosi edifizj, e nel 295 la cinge di mura, il cui giro dicesi fosse allora di due miglia e ½ all’incirca, nel luogo ove presentemente scorrono le acque del Seveso e del Nirone in coperti canali. Costantino, nel 313, dividendo la Italia in due parti, stabilisce Milano la capitale della settentrionale, e la residenza di un vicario distinto e vi fissarono la loro ordinaria sede gl'’mperatori istessi nel secolo IV e nel principio del V. Continuando ad aumentare in ricchezza e magnificenza, giunge questa città al suo più alto grado di splendore nel 380. Presa e saccheggiata da Attila, nel 402, o, secondo altri, nel 452, cessa di essere residenza degl’imperatori. Nel 476, cade in potere degli Eruli, comandati da Odoacre, che si proclama re d’Italia. Passa sotto il dominio dei Goti, condotti in Italia da Teodorico, che se ne rende padrone, nel 493, vincendo Odoacre. Urala, nipote e generale di Vitige, re dei Goti, abbatte e spoglia Milano, come ribelle, nel 539; e nel 553 distrutto il dominio dei Goti, in Italia, e da Belisario e da Narsete, generali di Giustiniano, diventa suddita degli imperatori di Oriente. Nel 568, passa sotto i Lombardi, condotti e stabiliti in Italia da Albonio loro re, avendo principio il regno dei Longobardi, del quale Pavia diventa la sede. Nel 575, s’introduce un governo aristocratico, che dura dieci anni, ma Agilulfo, marito di Teodolinda, riprende la podestà reale sino a Desiderio genero di Carlo Magno, ultimo re d’Italia, da esso vinto e fatto prigioniero nel 775; avendo con ciò principio un nuovo regno d’Italia, del quale si nomina re Pipino suo secondogenito. Milano si accresce colla distruzione di Pavia, ordinata da Berengario, condottiere degli Unni. Nel 945, vi si tiene la prima dieta per la elezione di un re d’Italia. Valperto de’ Medici, arcivescovo di Milano, invita Ottone il Grande a venire in Italia, e lo incorona re nella basilica di s. Ambrogio, e incominciano da quell’epoca i diritti dei re di Germania sulla Italia. Ariberto Arsago d’Intiminao, arcivescovo di Milano, invita pur egli l’imperatore Corrado II, detto il Salico, a discendere in Lombardia, e lo incorona re d’Italia, prestandogli grandi soccorsi, ma viene scacciato da Milano nel 1042, dal capitano Lanzone, capo della plebe maltrattata dai nobili, che vengono pure scacciati. Nel 1093, Milano si sottrae nel politico da ogni dipendenza dall’impero, regnando Enrico IV ed Enrico V, e cede nell’ecclesiastico alle pretensioni pontificie. Nel 1100 i Milanesi si governano a repubblica coi loro consoli, prendono e distruggono Lodi l’anno dopo; nel 1127 distruggono Como, sconfiggono i Cremonesi nel 1137, e riedificano Tortona, città loro alleata nel 1155. Due anni dopo Milano viene cinta di bastioni e di un’ampia fossa. Federico I, imperatore di Germania, detto Barbarossa, chiamato in Italia dai nemici dei Milanesi, prende Milano, dopo lungo blocco, nel 1158, ma scacciatone l’anno dopo, nel 1162 riconquista Milano, la distrugge quasi interamente, e costringe gli abitanti ad andar esuli e raminghi, e non vi ritornano che nel 1167, epoca in cui, riparate le distrutte fortificazioni, Milano risorge più bella e vigorosa di prima. Ritornato Federico in campo contro i milanesi, viene sconfitto tutto il suo esercito presso Legnano, nel 1176. La coorte milanese di soli 900 uomini, detta della morte, fa in tale incontro prodigi di valore, e fa decidere la vittoria. Colla pace di Costanza si assicura ai Milanesi la  libertà municipale sotto una determinata protezione dell’imper. Federico I diventa loro alleato per sostenere i suoi diritti in Italia. Nel 1186 si crea in Milano un magistrato col nome di podestà, e viene eletto Uberto Visconti piacentino. Questa magistratura è soggetta a varie vicende, secondo le dominanti fazioni, sembrando fosse dispotica. Avidi di dominio, ricorrono i Milanesi all’imperatore Ottone IV, e lo incoronano re d’Italia, onde essere soccorsi nella conquista delle città lombarde. Innocenzo III, partigiano di Federico II, nipote di Barbarossa, gli scomunica per la parte presa da essi a favore di Ottone, e nel 1235, sostenuti da Gregorio IX, prendono il partito di Enrico contro Federico II suo padre. Battuti da questo, Pagano della Torre, signor della Valsassina, protegge e scorta la loro ritirata, ma, impazienti  di recuperare la gloria militare, ritornano in campo contro Federico, e nel 1239 lo battono compiutamente, distinguendosi in questa battaglia la coorte detta degl’Incoronati. Pagano della Torre, nel 1240, è nominato dal popolo milanese suo protettore contro la nobiltà, e, morto questo, viene suo nipote Martino, proclamato Anziano della Credenza, carica equivalente alla dignità tribunizia del popolo romano. Nel 1253, insorte essendo delle dissensioni fra il popolo ed i nobili, Manfredi Lancia, marchese d’Incisa, è creato signore di Milano per tre anni, essendo dopo nominato per anni cinque il marchese Oberto Pallavicino, che prende il titolo di capitano generale. Nel 1257, Martino dalla Torre scaccia dalla città i nobili coll’arcivescovo Leone da Perego loro capo, ma, nell’anno venturo, si conchiude la pace, detta di s. Ambrogio, tra i nobili ed il popolo, nella quale bilanciati vengono i diritti dei primi con quelli del secondo. Nel 1261, Ottone Visconti è nominato arcivescovo di Milano, e da lui incomincia la fortuna della sua casa. Morto Martino della torre, gli succede Filippo suo fratello, col nome di podestà, e signore perpetuo, ma attesi i dominanti disordini, viene, per cinque anni, nominato signor di Milano il conte Carlo d’Angiò e di Provenza, fratello di Luigi IX, re di Francia. Napo o Napoleone della Torre, figlio del famoso Pagano, succede nel titolo e potere del morto Filippo, e nominato da Rodolfo I, imperatore, suo vicario imperiale, fa rivivere il diritto già spento degl’imperatori di Germania su questo paese. Nel 1277, sorpreso e fatto prigioniero dall’arcivescovo Ottone, entra questo prelato trionfante in Milano, e ne nomina signore Guglielmo Lungaspada, marchese di Monferrato, colla lusinga di sedare coll’autorità sua partiti dominanti in città; ma nel 1282 ne scaccia il marchese, e vi  governa solo, facendo nominare nel 1287 capo del popolo Matteo Visconti, suo nipote, e l’anno dopo, podestà di Milano, con ampii poteri; essendo stato nominato anche vicario imperiale dall’imperatore Adolfo nel 1294. Morto Ottone, impaurite le città lombarde del crescente dominio di Matteo, stabiliscono in Pavia una lega contro di esso, ma egli scopre e distrugge la congiura ordita. Nell’anno 1302 è però costretto a fuggire per opera dei torriani, ricondotti dalla loro fazione, e, nell’anno 1310, rientra in Milano coll’imperatore Enrico di Lussemburgo, che lo riconcilia con essi, ritornando in possesso del primitivo suo potere. I Torriani sono inaspettatamente assaliti e per sempre scacciati dalle truppe tedesche, ma, per opera e maneggio dei Visconti, Galeazzo, figlio di Matteo, è proclamato signore di Milano, a cui succede Azzone suo figlio, che fa cingere la città di nuove mura e di torri; essendo stato il primo dei Visconti, che, nel 1339, siasi apertamente dichiarato sovrano, e che abbia fatto porre sulle monete il suo nome e la sua effigie. Il suo successore e zio, Luchino Visconti, introduce l’ordine in Milano e la pubblica sicurezza, colla monarchia assoluta nel 1341. Avvelenato da sua moglie, Isabella del Fiesco, gli succede Giovanni suo fratello, arcivescovo, che compera Bologna e Genova, proteggendo le arti e le scienze, e colmando di onori e doni il Petrarca, da esso chiamato a Milano, avendo ricusata la offertagli signoria di Roma. Alla sua morte i di lui nipoti Matteo II, Bernabò e Giovnani II, dividono il principato, ritenendo in comune Milano e Genova. L’imperatore Venceslao, erige la città ed il territorio di Milano in ducato, l’anno 1395, che non cessa di essere soggetto ai Visconti sino al 1447, epoca della morte di Filippo senza prole legittima, e della estinzione di questa famiglia. Nell’anno istesso Milano si  proclama repubblica, e nomina suo capitano generale Francesco Sforza. Nel seguente anno, varie fazioni nascono, e si contendono il governo. Gli oligarchi si collegano coi veneziani, loro nemici, contro Francesco, il quale blocca Milano, e, nel 1450, vi rientra, ed è acclamato signore e duca. Il figlio e successore Galeazzo Maria, nel 1476, è assassinato nella chiesa di s. Stefano, e quindi Bona, sua moglie, principessa di Savoja, governa lo stato pel figlio minorenne, Giovanni Galeazzo Maria. Lodovico M. Sforza, detto il Moro, zio paterno del giovine duca, usurpa la reggenza alla madre, regna in di lei nome sul ducato di Milano,e cita Carlo VIII, re di Francia, alla conquista del regno di Napoli, e lo invita a scendere in Italia. Morto Giovanni Galeazzo Maria, secondo alcuni avvelenato dallo zio Lodovico, questi, nel 1495, assume il ducato di Milano, investitone con diploma dall’imperatore Massimiliano I. Il duca di Orleans, pretendente allo stesso ducato per le ragioni della moglie di Lodovico, anima ed incoraggisce il marito a stringer lega con altri principi, onde scacciare i Francesi dalla Italia, il che avviene nel 1496, ma vi rientrano però nell’anno 1499, epoca in cui Lodovico è costretto a fuggirsene. Nell’anno venturo ritorna in Milano, scaccia i Francesi di nuovo, ma fatto prigioniero per tradimento sotto Novara, è condotto in Francia, e contemporaneamente riprendono i Francesi Milano. Nel 1505 l’imperatore Massimiliano I investe con diploma del ducato di Milano il re di Francia. Sconfitto Massimiliano Sforza, nel 1515, rinuncia al ducato, e si ritira in Francia con una pensione. I Francesi sono nuovamente scacciati dal Milanese nel 1521, e perduta l’anno seguente la battaglia della Bicocca, si ritirano dalla Italia, ma passate di nuovo le Alpi, nel 1523, tornano ad assediare Milano; costretti di abbandonarlo, vengono battuti dai collegati ad Abbiategrasso, nell’anno venturo, in cui una peste fatale rapisce a questa città più di 50,000 persone. Francesco I, re di Fr., ritornato in Italia con un’armata, riconquista Milano, ma perduta la battaglia di Pavia, vien fatto prigioniero dagli Spagnuoli, e Francesco Maria Sforza, ricupera Milano nel 1525. Caduto questi in sospetto degli Spagnuoli, e bloccato nel castello di Milano, ne cede ai medesimi il possesso, nel seguente anno. L’imperatore Carlo V, mediante grossa contribuzione, rinvestisce Francesco Maria nei diritti del ducato Milanese, avendo ceduto ogni suo diritto su di esso Francesco I, a Carlo V, pel trattato di Cambray, dell’anno 1529. Colla morte di Francesco Maria Sforza, senza figli, finisce il dominio della sua famiglia. Carlo V investe suo figlio Filippo, conosciuto poscia col nome di Filippo II, del possesso del duc. Di Milano, al quale succede, nel 1598, Filippo III suo figlio, e nel 1621, a questo, Filippo IV. Morto Carlo II, figlio di Filippo IV, i Francesi occupano lo stato di Milano in nome del duca di Angiò, nel 1700, e la morte di Carlo cagiona la guerra famosa di successione alla monarchia spagnuola. Nel 1706, il principe Eugenio di Savoja batte colle armate imperiali i Francesi sotto Torino, e conquista lo stato di Milano, che unito a quello di Mantova, formò il possesso conosciuto sotto il nome di Lombardia-Austriaca, di cui dichiarossi Milano la capitale. Alla morte di Giuseppe I, imperatore di Germania, e duca di Milano, Carlo VI, suo fratello, gli succede nei titoli e nel potere, essendo il possesso di detto ducato confermato all’Austria dal trattato di Baden. Nel 1733, l’esercito Gallo-Sardo occupa Milano, ma Carlo VI imperatore ricupera questo stato colla pace di Vienna, nel 1736. Gli succede l’unica sua figlia Maria Teresa, che ne ripiglia il possesso nel 1746. Succedutogli, nel 1780, il figlio Giuseppe II,  questo principe filosofo sopprime il senato di Milano, e fa la riforma del sistema giudiziario. Alla morte di suo fratello, Leopoldo II, Francesco suo figlio, imperatore attualmente regnante, gli succede nel 1792. I Francesi condotti in Italia dal generale Napoleone Bonaparte, occupano Milano il giorno 14 maggio 1796, e proclamasi nell’anno venturo la repubblica Cisalpina, della quale è Milano dichiarata capitale. Nel 1799, dopo la battaglia di Verona, sono i Francesi costretti a ritirarsi, e con essi le truppe Cisalpine, ed entrano in Milano gli Austriaci unitamente ai Russi. Nel 1800 Napoleone, reduce dall’Egitto, e creato primo console, alla testa della vittoriosa sua armata rientra in Milano il giorno 2 giugno, che viene proclamata capitale della risorta rep. Cisalpina la quale nel congresso di Lione, del 1802, prende il nome di rep. Italana. Creato poscia nel 1805 il regno d’Italia, viene dichiarato Milano la sua capitale ed il capoluogo del dipart. Di Olona, ed in essa Napoleone si fa incoronar re, il giorno 26 maggio. Abdicate, nel 1814, da questo conquistatore le corone di Fr. Ed Italia, e ceduta dal principe Eugenio vicere la sua rappresentanza, le armate francesi abbandonano la Italia, e le austriache occupano la città e lo stato di Milano. Creato nel 1815 il nuovo regno Lom.-Ven., del quale Milano diviene la sede di uno dei due governi in cui trovasi diviso, nel giorno 31 dicembre Francesco I fa il suo solenne ingresso, e nel 1818 ne nomina a vice re il di lui augusto fratello, l’arciduca Rainieri, divenendo Milano la definitiva capitale  ndel regno. I 4 distretti di Milano rinchiudono 98 comuni e 149,650 abitanti.