Google
Milan by Thais

 

The square facade of this vestibule is decorated by pillars with three doors which open onto an octagonal interior, simple and adapted to the character of the building which has been restored many times and statues and pictures added to modernise it. The church of S.Alessandro in Zebedia, the great temple erected according to tradition on the ruins of a prison known as Zebedia, was built in 1602 in the form of  Greek cross with a magnificent dome, a wide choir stall and comfortable presbyterate. Known from the XIIth century as a parish, this church was given to the Barnabiti Fathers in the 16th century, who closed it at the end of the 18th, but it was again opened in 1825 and a part of the ancient college was added. It is decorated by fine paintings, the main altar decorated by worthy hard stone. the church of S. Maria presso S.Satiro was erected on the site of a pagan temple by Duke Lodovico Sforza, known as il Moro, following the designs of Bramante, with three naves and adorned by golden bronzes, sculptures, frescos, stautes etc. The church of S.Sebastiano, erected by the city as a votive offering during the plague of 1576, was designed by Pellegrini, who made it one of the most beautiful in Milan with its three doors opening onto an interior as simple and elegant as the exterior. The church of S.Eustorgio is one of the oldest in Milan and is thought to be one of the first Christian buildings reputedly founded by S.Eustorgio himself in the 4th century, taking the name after being dedicated to the Saints Magi. At first it was out of the city but due to the numerous raids and devastations by barbarians, it was often rebuilt . In the 13th century it was remodelled and enlarged and finally made smaller until it assumed its present state with three doors corresponding to the three naves adorned by beautiful chapels, statues, monuments and paintings. The church of S.Maurizio, known as the Maggiore Monastery, dedicated firstly to the Blessed Virgin and in the 12th century to S.Maurizio, built, according to belief, on the site of the temple of Jupiter. A single nave covered by frescoes characterises the interior.At present it serves as a home for nuns after the suppression of their convents. The church of S. Vittore al Corpo, an ancient basilica, took its name from Porzio, the son of Filippo Oldani, its founder in 114, becoming known as Porziana, but when the body of the martyred saint Vittore was transported its name was changed and it was restored in 990 by archbishop Badia and finally in 1507 it was given to the Olivetani Fathers who erected the present church in 1542 following the designs of Galeazzo Alessi Perugino. The interior forms a Latin cross with three naves separated by pillars with arches, beautiful chapels with worthwhile paintings. The Gothic church of Santa Maria delle Grazie was erected on the site of an old military quarter by Duke Francesco I Sforza who donated it in 1463 to the Domenican Fathers who built the magnificent church and convent. In 1492 Ludovico il Moro enlarged  the church into a Latin cross following Bramante's designs but it resulted imperfect apart from the fine brickwork, coats of arms, medals and emblems. The simple Gothic facade reflects the simplicity of the interior with its three naves, magnificent dome,wide choir stall and lateral semi-circular chapels, the splendid vestry and adjoining cloister, all designed by Bramante. Beautiful frescos and precious paintings line the walls of the church and chapels as well as remains of the famous Last Supper by Leonardo da Vinci in the refectory of the vast monastery consisting of many large courtyards, now used by the military. The church of S.Simpliciano, a Gothic basilica, is one of the four oldest churches outside of the city and is believed to have been founded by S.Ambrose and given the name of the Blessed Virgin Seppellito but in 400 it became S.Sempliciano. The interior has three naves in the form of a Latin cross with a dome and is adorned by beautiful paintings. The church of S.Maria Incoronata consists of two churches joined together with a simple facade but inside are two vestries, recently restored and embellished.  The first was erected in honour of the Crowned Virgin in 1451 by Duke Francesco Sforza Visconti and the second nine years later by Bianca Maria, his wife and deicated to S. Niccolo da Tolentino. It is decorated by tombs and monuments. The imposing church of S.Angelo with its facade of two orders, at one time served as the entrance to the convent of the Minori Osservanti Fathers. The interior has a single nave which opens onto the vestry. Despite many sackings, it still conserves many precious frescoes and worthy paintings. The facade of the beautiful church of S.Fedele by Pellegrini is incomplete. The Jesuits took possession in 1569, but it was suppressed in 1773, then becoming the Ducal parish of S.Maria dela Scala and finally one of the numerous parishes conserving the title of Ducal Chapel. The beautiful facade contains two orders of architecture whilst the elegant and surprising Corinthian interior with its precious columns and magnificent dome, inspiring a sense of grandeur and beauty. Amongst all the charity buildings, hospitals, orphanages and other pious houses that Milan has to offer are the Maggiore col Foppone Hospital, the Military Hospital, the Senavra or Mental Hospital, the Hospital of Fate-Bene-Fratelli, and that for women, the Civil Orphanage for boys and that for girls, those for foundlings and confinement, the Pio Trivulzio, the Holy Institute of the Nuns, the College of Noble Widows, two holy Industry houses, the Pawnbrokers, the Savings Bank, the Central Commission for Charity, the insurance company for injuries and the Lazzaretto.Several of these merit a special mention. The Maggiore hospital, in the part of Milan bearing the same name, is a majestic and imposing building set between the two basilicas of S.Stefano and S.Nazzaro Grande and was erected thanks to the generosity of Francesco Sforza IV, Duke of Milan and his wife, Biance Maria Visconti and the voluntary contribution of the Milanese population. One of the palaces was given for this holy building as well as some nearby houses and gardens, various hospitals scattered around the city being united to give it the name of Maggiore or Greater. it was founded on the 12th April 1456. Antonio Filarete, known as L'Averulino, was the architect of this bulding with its perfect quadrant with lower and upper portices. One of its nine courtyards, the biggest, is right in the centre. The distribution of the cross, which is 160 arms long and 16 arms wideon each side present the figure of a Greek cross. On one side of the hospital flows a tributary of the Naviglio, which is used for various purposes. In 1797 the building was completed by the erection of the missing part which circled the four courtyards designed by the architect Francesco Richini. Engineer Castelli plans were simple and modern but did not match the imposing style of this building. A church stands in front of the magnificent entrance. Everything was arranged in order: rooms for spices, kitchens,  pantries,  mills, store-rooms and warehouses,  halls, archives, offices, the rooms of the priests, doctors, surgeons, nurses, servants schools etc. Portraits of benefactors, on display every year on March 25th, line the walls. The building is 450 Milanese arms long and 170 wide. 1200 patients are housed here but that number may reach 2044.

There are many scientific and artistic establishments in this city, academies, libraries, high schools, boarding schools, schools etc. including the Arts and Science building in Brera, the Institute of Science, Humanities and Arts, the Academy of Fine Arts, the Picture Gallery, the Library, the Numismatic Room, the Observatory, the Engraving School and other Fine Arts, the Ambrosiana Library, the bronze sculpture room, the Music Conservatory, the Seminary, the Longoni College, the Calchi-Taeggi College, the Military College, the Deaf and Dumb Institute, the Guastalla College, the S.Filippo College, the Visitazione College known as S.Sofia, the S.Alessandro High School and Grammar School, the S.Marta public High school and the normal upper elementary school, the female elementary school and that for vets. A detailed description of these buildings is unnecessary. The most remarkable from both an architectual point of view and that of its destination is the Brera Science and Arts Establishment, one of the biggest and most stately of the buildings in Milan with its beautiful facade and magnificent interior, the permanent seat of the public schools, enriched during the reign of the Empress Maria Teresea and her successors by the branches of the sciences. Grammar, rhetorics, logic, mathematics, physics, law, hisotry, botany, chemistry, anatomy, political economics, diplomacy, architecture, sculpture, drawing, painting and engraving are taught here. Also permanent in this building are the Institue of Science, the academy of Fine Arts, the Picture Gallery, the Library with its rich and rare editions and manuscripts, the Engraving School and that of drawing, painting, architcture, sculpture, decoration, perspective, anatomy, plasterwork and other aspects of the fine arts. There is also an Imperial High School along with all the others as well as Botanical Gardens. The biggest and most valuable establishments are the rooms which houses the Picture Gallery and its collection of famous paintings from the various suppressed churches and monasteries as well as all the valuable paintings bought by the Italian government by Raffaello, Guidi Reni, Albano, Domenichino, Palma, Giorgione, Gentile Bellini, Mantegna, Francia, Cima, Tiziano, Paolo Veronese, Carpaccio etc. These are also bas-reliefs, busts and statues, drawings of inventions and highly prized incision work, plasterwork from the best originals, busts, vases, candlesticks etc. The Library owes its origins to the bounty of the Empress Maria Teresa. In 1763 the Congregation of the State bought the famous Pertusati Library and united it to that of Brara and S.Fedele, placing it in 1970 in the building of Science and Art with its wide and majestic halls. The Empress also acquired a large part of Alberto Haller's library, her successors competing in the enrichment by adding new treasures  from the Firmian library and others. Suppression of religious orders also added new and many treasures of every type of book as well as donations and many bound books. This library, unlike many others in Italy, does not contain manuscripts and codices but is full of scientific works and expensive classics relattive to journeys and natural history. The valuable establishment of the Numismatic Rooms was opened in 1803 in the Mint with the collection of coins and other worthwhile pieces. It was housed in the Royal Medal chamber, after a decree on May 6th 1808, and enriched during this period with many other museums. Included here are ancient and modern collections along with their rich libraries. This chamber was transferred by royal decree on January 22nd 1917 to the Science and Arts Building and opened to the public. The Astronomy Observatory was erected by the Jesuits in 1766 following the designs of the famous Boscovich. This establishment has since been enriched by numerous foreign instruments. Nearby is the Engraving School, set up by the Austrian government under Leopold II, formed by a long well-lit and well-set out hall decorated by books by classical authors. Of all the libraries that Milan boasts is the Ambrosiana Library, built and funded by Cardinal Frederico Borromeo, the cousin of S.Charles, opened to the public in 1609. In this grand building with its Doric columned facade is housed a magnificent store of the production of the arts and sciences in each country, various objects of natural history, pieces of antiquity and sculpture, paintings, models, plasterwork, statues, busts, mechanisms etc. It contains 140,000 volumes and 15,000 precious manuscripts including Judaic antiques by Giuseppe Ebreo, translated into Latin by Ruffino, an Egyptian papyrus, a Virgilio by Petrarca with his hndwritten notes and mniatures, the precious volume by Leonardo da Vinci, known as the Atlantic Codex and many others. The last room contains many valuable paintings and sketches, including the rare and original picture by the school of Athens painted in the Vatican by Raffaello, some paintings by famous artists and other designs by well-known painters and craftsmen. The imposing rectory of the Lateranensi Fathers, joined to the church of the Passion, belonged to the Italian government and in  1808 was converted into a conservatory where youngsters of both sexes, under the right supervision and the teaching of famous teachers and professors, learnt the art of singing, music and also of musical composition. There are 24 free places, 16 for boys and 8 for girls as well as board and lodging. Many of the students have already distinguished themselves in their single capactiy and intelligent execution of vocal and instrumental music.

Milan possesses seven theatres. The biggest, known as della Scala, was erected over the remains of the ancient church of S.Maria della Scala and is one of the biggest and most magnificent in all Europe, with architecture by Piermarini, open to the public in 1778 and recently rennovated and re-painted with two wide rooms and many comfortable places. The Canobiana theatre, so-called because of the vicinity of the ancient school of dialectics and philosophical morals founded by Poalo Canobio, was built following the design of the entrance to the Scala by the same architect Piermarini, but smaller.The beautiful facade is regular, the interior comfortable and well-decorated. The theatre communicated with the courtyard by means of two arches. It was opened in the summer of 1779. Above the suppressed church of S.Salvatore was erected the small but elegant Re theatre, which took its name from its owner who had its constructed following the plans of the architect Knight Canonica. Being in the centre of the city, the Carcano theatre, named after its owner, is well frequented. It is elegant and harmonious but is not popular due to its distance from the city centre. The Lentasio theatre is simple and built entirely in wood. It took its name from the suppressed church and monastery founded by an archdeacon of that name over which it was built. Where once existed the church and monastery of the saints Cosimo and Damiano, now there is an elegant and famous theatre erected by a society which took the name of the Academy of the Amateur Actors and contains 800 seats. There were at one time two marionette theatres but now there remains only ,that known as Fiandro, named after its owner, commonly known as Girolamo. The theatre is small and elegant, solidly built in brickwork with a beautiful facade decorated by bas-relief. One of the diurnal theatres is to be found in the Park and the other, known as Stadera, stands along Corso di Porta Orientale facing the gardens. Both were built in wood.   Of worthwhile interest in Milan are the 16 white marble Corinthian columns, composed of four pieces, each of 10 metres tall, which stand along Corso di Porta Ticinese and form the biggest and oldest monument in the city. It is believed to be a precious part of the Herculean hot-springs built by Massimiliano Erculeo. Corso di Porta Orientale, flanked by various buildings, is the most pleasant and frequently visited of Milan's streets, where many coaches may be seen every day. The park runs along one side of this street :  trees, hedges, woods, grass lawns, well-placed paths, a circus for horse riding and other entertainments such as the diurnal theatre, the merry-go-round and a bar, making visits pleasant with open spaces for frequent popular entertainment. The completion of the facade was recently ordered, as was the diurnal theatre to be used  as a horse riding circus. The Arch of Peace stands at the beginning of the road known as Sempione, one of the most expensive and difficult enterprises of the past Italian government. It is admired for its width, convenience and elegant form and many interesting viewpoints. One should remember the Navigli or navigable canals. The first, known as Naviglio Grande, leaves the Ticino which originally flows out of Lake Maggiore. The other, known as the Martesana, flows from the river Adda, which comes from Lake Como. These two canals join before they reach Porta Ticinese, near the walls at the point where a third canal, the Naviglio of Pavia, is created from the waters of the first two. Milan contains everything it needs in the way of comfort or pleasure. Both mechanical and liberal arts are cultivated and if it is not easy to praise innnovation, there is to be noted a reasonable imitation and a certain perfection of good taste. There are many factories making silks of all types with gold and silver, ribbons and tapes, velvets, wall papers, damasks, veils, crepes, tuille, gauzes, fashion clothes, shawls, cotton and towelling material, socks and jumpers woven on looms, cashmeres, jumpers worked in gold and silver,gilded or painted bronzes,odds and ends, enamelled ornaments,watches and clocks, candlesticks, lamps and all types of lights, mathematical, physical and surgical instruments, waepons, objects in iron and steel, sulphuric acid and granulated lead, soap, coaches, felt and waterproof hats, pottery, majolics, glass, crystal, paper, mirrors etc. Large tanneries work the leather in the same way as in Russia as well as precious Maroccan leather, four sugar refineries, one for nitrate, wax purifiers, powder factories, tobacco run for the government, and the famous chocolate. There are also book shops, printers and foundaries, objects for a comfortable life and the perfection of lithographs. A beautiful and elegant occupation is the cultivation of flowers and fruit, animals and other objects from physica and natural history reproduced naturally and perfectly.There are many engravers, gilders and painters, with their good taste, invention and the perfection of their art, merit to be remembered along with the ebanists whose furniture may easily be confronted with that coming from other countries. Some of these factories have been honoured and awarded gold and silver medals. Commendatore Abbraccia owns some of these factories and produces certain well-known products such as rice, silk and cheese.The factories in general and Commendatore Di Milano in particular lost a lot of their importance when Piedmont and France were closed to their exports. Apart from the churches, the buildings and the public establishments in Milan, there are also many private galleries, libraries and museums containing many art objects worthy of observation.

 

 

Via Conca del Naviglio

 

 

 

 

 

Tram sperimentali Milano-Monza ad accomulatori

 

 

 

 

 

Vetture in Piazza Duomo

 

 

 

 

 

Ponte di legno in Corso Genova

 

 

 

 

 

Capolinea tramviario alla Stazione Centrale

 

 

 

 

 

Tram in Via Dante

 

 

 

 

 

Abbonamento Tranviario nel 1929

 

 

 

 

 

Piazza Missori nel 1920

 

 

 

 

 

El Brumista (Vetturino)

 

 

 

 

 

Via Senato verso Piazza Cavour

 

 

 

 

 

Via Vallone

 

 

 

 

Piazza Duomo

 

   Home Page  

La facciata di questo vestibolo è di figura quadrata, ma non ridotta a termine, ornata di pilastri, con te porte, che danno accesso all'interno, di figura ottagona, semplice e conveniente al carattere dell'edifizio, stato più volte ristaurato e rimodernato con statue e pitture; quella di s. Alessandro in Zebedia, grandioso tempio innalzato secondo la tradizione sulle rovine di una prigione detta Zebedia, costrutto, come attualmente si trova, nel 1602, con la forma di una croce greca, con magnifica cupola spazioso coro e comodo presbiterio: menzionata questa chiesa sono dal secolo XII, col titolo di parrocchiale, fu data nel XVI ai padri Barnabiti, i quali soppressi alla fine del secolo XVIII, vennero di nuovo ristabiliti, nel 1825, nel possesso di essa coll'assegno di una parte dell'antico collegio. E' adorna di buone pitture; ed il suo altar maggiore vedesi ornato di pietre dure stimabilissime; quella di s. Maria  presso s. Satiro, inalzata su gli avanzi di un profano tempio, dal duca Lodovico Sforza, detto il Moro, sul disegno del Bramante, formata di tre navi, adorna di bronzi dorati, sculture, dipinti a fresco, statue, ec.; quella di s. Sebastiano, eretta per voto dalla città, nella occasione della peste dell'anno 1576, con disegno del Pellegrini, che riuscì una delle più belle di Milano, con tre porte che danno ingresso all'interno, il quale corrisponde alla bellezza esterna per la semplicità ed eleganza; quella di s. Eustorgio, annoverata tra le più antiche di Milano, e riguardata come uno dei primi cristiani edifizi, di cui viene da alcuni reputato fondatore lo stesso s. Eustorgio, nel IV secolo, assumendone il nome dopo essere stata dedicata ai Santi Re Magi. Ne' primi tempi era ben lontana dalla città, ma soggetta quindi alle incursioni ed al devastamento dei barbari, fu in varie epoche riedificata; nel XIII secolo rimodernata ed ingrandita, e finalmente ridotta con maggiore regolarità e decoro, come si trova al presente, con tre porte, corrispondenti alle tre navate dell'interno, adorno di belle cappelle, statue, monumenti e pitture; quella di s. Maurizio, detto il monastero maggiore, dedicata prima alla B.V., e nel secolo XII a s. Maurizio, posta secondo alcuni nel luogo ov'era il tempio di Giove. L'interno è di una sola nave adorna di buoni freschi. Il monastero serve al presente di ricovero a varie religiose di diversi soppressi monasteri; quella di s. Vittore al Corpo, basilica di antica fondazione, che dal nome di Porzio figlio di Filippo Oldani, suo fondatore, nell'anno 114, prese la denominazione di Porziana, ma essendovi stato trasportato, nel 303, il corpo del martire s. Vittore, fu da quel tempo chiamata col nome presente. Divenuta l'antica chiesa cadente dal tempo, venne riparata, nel 990, dal arciv.  badia, e finalmente, nel 1507, fu data ai pp. Olivetani, i quali eressero l'attuale bellissima chiesa nel 1542, sul disegno di Galeazzo Alessi perugino: l'interno è fatto a croce latina, in tre navi separate da piloni con archi, con belle cappelle e con pitture di merito; quella di s.ta Maria delle Grazie, di gotica architettura fabbricata nel luogo ove esistevano i quartieri delle milizie del duca Francesco I Sforza, che donò, nel 1463, il fondo ai pp. Domenicani per fabbricarvi la chiesa ed il convento, unendovi somme grandiose. Lodovico il Moro, nel 1492, prese ad ingrandire questa chiesa in forma di croce latina, sui disegni del Bramante, ma per le di lui vicende restò l'opera imperfetta, però ripiena di fini lavori di cotto, stemmi, medaglie ed emblemi. La facciata è semplice, di gotica architettura, come lo è l'interno fatto a tre navi, con grandiosa cupola, ampio coro e cappelle semicircolari nei lati, disegno del Bramante, come la magnifica sagrestia ed il contiguo chiostro. Degne sono di ammirazione le belle opere a fresco e le pitture pregiate che adornano la chiesa e le cappelle, esistendo ancora l'avanzo della dipintura del famoso Cenacolo di Leonardo da Vinci nel refettorio del vasto monastero, che contiene diversi grandiosi cortili, ed ora ad uso del militare; quella di s. Simpliciano, basilica di gotica costruzione, ed una delle quattro che anticamente esistevano fuori della città, e che si vuole fondata da s. Ambrogio, sotto il titolo della B.V. Seppellito essendovi nell'anno 400 s. Simpliciano, prese il nome di questo santo: l’interno della chiesa è costrutto in tre navi in forma di croce latina, con cupola, e va adorno di buone pitture; quella di s. Maria Incoronata è formata da due chiese unite fra loro con eguale e semplice facciata, essendo di eguale forma il loro interno con due presbiteri, da poco tempo ristaurato ed abbellito. La prima fu eretta ad onore della Vergine Incoronata nel 1451, dal duca Francesco Sforza Visconti e la seconda 9 anni dopo da Bianca Maria di lui moglie, che dedicolla a s. Niccolò da Tolentino: essa va adorna di depositi e monumenti; quella di s. Angelo, che serviva altre volte coll'annesso grandioso convento ai pp. Minori Osservanti, è di costruzione imponente, con facciata di due ordini, e l'interno di una sola nave, che si allarga nel presbiterio. Benchè soggetta a diverse vicende, pure si conservarono molti freschi preziosi e varie pitture degne di ammirazione; quella di s. Fedele è di bellissima architettura del Pellegrini, non avendo però la facciata compita. I Gesuiti n'entrarono al possesso nel 1569, ma soppressi nel 1773, vi subentrarono i rr. Canonici  della cappella ducale di s. Maria della Scala, cessati i quali, continuò ad essere nel numero delle parrocchie, conservando il titolo di cappella ducale. Di questo insigne edifizio due sono gli ordini architettonici della sua bella facciata, ed elegantissimo e sorprendente l'interno, composto del solo ordine corintio, con colonne pregiate e con magnifica cupola, spirandovi tutto grandiosità e bellezza. - Fra gli stabilimenti di beneficenza, spedali, orfanotrofj, ed altri luoghi pii vanta Milano lo spedale Maggiore col Foppone, lo spedal militare, la Senavra, od ospedale dei pazzi, lo spedale de' pp. Fate-Bene-Fratelli, e quello delle donne, l'orfanotrofio civile maschile e quello delle donne, il luogo pio degli esposti e delle puerpere, il luogo pio Trivulzi, il pio istituto delle monache, il collegio delle nobili vedove, due pie case d'industria, il monte di pietà, la cassa di risparmio, la commissione centrale di beneficenza, la compagnia di assicurazione contro i danni, ed il Lazzaretto. Meritando però alcuni di questi stabilimenti una qualche descrizione, avrà il primo luogo lo spedale Maggiore, nella contrada del suo nome, maestosa ed imponente fabbrica posta fra le due basiliche di s. Stefano e di s. Nazzaro grande. Devesi questo edifizio alla generosità di Francesco Sforza IV, duca di Milano e della di lui moglie Bianca Maria Visconti, ed alla contribuzione volontaria del popolo milanese. I suddetti principi diedero per tal opera pia un loro palazzo, ed alcune case e giardini vicini, ed essendosi a questa aggregati i vari ospedali sparsi per la città e diocesi, e riunite eziando le rendite dei medesimi, fu perciò detto Maggiore. La sua fondazione segna l'epoca 12 aprile 1456. Antonio Filarete, detto l'Averulino, fu l'architetto di questa fabbrica di gotica architettura, la quale forma un perfetto quadrato con portici inferiori e superiori. Possiede nove cortili, uno dei quali, il più vasto trovasi perfettamente nel mezzo. La distribuzione delle crociere, che per ogni lato sono lunghe braccia 160, e larghe 16, presenta la figura di una croce greca. A fianco scorre un emissario del Naviglio, che serve agli usi opportuni dell'ospedale Nel 1797 venne dato compimento alla fabbrica colla erezione di u fianco mancante onde circondare i 4 cortil stati ideati dall'architetto Francesco Richini. L'ingegnere Castelli ne concepì un disegno di gusto semplice e moderno, ma che non s'accorda col carattere di quell'imponente edifizio. DI fronte al magnifico ingresso della porta maggiore sta la chiesa di buona forma. Non avvi parte relativa ai bisogni dello stabilimento che non sia stata disposta con ordine La specieria, le cucine, le dispense, i mulini, i depositi o magazzini, le sale, gli archivi, gli ufficj, le camere pei sacerdoti, medici, chirurghi, nutrici, inservienti, per le scuole, ec., tutto presenta una rara intelligenza. Si conservano i ritratti dei pii benefattori, i quali vengono ogni biennio esposti alla pubblica vista nel giorno 25 marzo. Questa fabbrica conta di lungh. braccia milanesi 450 e 170 di larghezza. Il numero dei malati d'ordinario è di 1,200, ma in alcuni casi anche a 2,044.

Le scienze e le arti, coltivate con zelo in questa città, contano molti stabilimenti, accademie, biblioteche, licei, ginnasi, collegi, scuole, ec. annoverandovisi l'I.R. palazzo delle scienze ed arti in Brera, l'istituto di scienze, lettere ed arti l''Accademia delle belle arti, l'I.R Pinacoteca, l'I.R. Biblioteca, il Gabinetto Numismatico, l'I.R. Osservatorio, la scuola d'incisione ed altre scuole di belle arti; la biblioteca Ambrosiana, il gabinetto dei bronzi dorati, l'I.R. conservatorio di musica, il seminario, l'I.R. collegio Longone, il collegio Calchi-Taeggi, l'I.R. collegio militare, l'istituto dei sordi-muti, il collegio della Guastalla, l'I.R. collegio di S Filippo, il collegio della Visitazione, detto di S. Sofia, il liceo e ginnasio di s. Alessando, il ginnasio comunale in S. Marta, l'I.R. scuola elementare maggiore normale, la I.R. scuola elementare femminile, e la scuola Veterinaria. Non sarà inutile una qualche descrizione di alcuni di questi scientifici stabilimenti. Il più rimarcabile, tanto sotto il rapporto dell'architettura, ce sotto quello della sua destinazione, è senza dubbio l’I.R. conservatorio di musica, il seminario, l’I.R. collegio Longone, il collegio Calchi-Taeggi, l’I.R. collegio militare, l’istituto dei sordi-muti, il collegio della Guastalla, l’I.R. collegio di S. Filippo, il  collegio della Visitazione, detto di S. Sofia, il liceo e ginnasio di s. Alessandro, il ginnasio comunale in S. Marta, l’I.R. scuola elementare maggiore normale, la I.R. scuola elementare femminile, e la scuola Veterinaria. Non sarà inutile una qualche descrizione di alcuni di questi scientifici stabilimenti. Il più rimarcabile, tanto sotto il rapporto dell’architettura, che sotto quello della sua destinazione, è senza dubbio l’I.R. palazzo delle scienze ed arti in Brera, uno de’ più grandiosi ed imponenti di Milano, con bella facciata e con interno magnifico, sede sempre delle pubbliche scuole, e sotto il governo della imperatrice Maria Teresa e degli augusti di lei successori arricchito di diversi rami di scienze, essendo presentemente il complesso ed il centro dei più celebri ed elevati istituti di pubblica istruzione. Vi s’insegna grammatica, retorica, logica, matematiche, fisica, diritto, istoria, botanica, chimica, anatomia, economia politica, diplomazia, architettura, scoltura, disegno, pittura ed incisione. Sono stabiliti in questo palazzo l’I.R. Istituto di scienze, la I.R. Accademia di Belle Arti, la I.R. Pinacoteca, la I.R: Biblioteca, ricca di rare edizioni e manoscritti, l’I.R. Gabinetto Numismatico, l’I.R. Osservatorio astronomico, la I.R. scuola d’incisione, e quelle di disegno, pittura, architettura, scultura, ornato, prospettiva, anatomia, gessi, ed altri oggetti di belle arti. Avvi pure un ginnasio imperiale con tutte le sue scuole, ed unito vi si trova un orto botanico. Uno dei più grandiosi e pregevoli stabilimenti, si è la unione delle numerose sale che compongono la I.R. Pinacoteca, nel qual prezioso deposito si riunirono tutti i quadri più insigni delle diverse chiese e monasteri soppressi, e vi si aggiunsero anche molti quadri di altissimo prezzo comperati dalla munificenza del governo italiano, sotto cui ebbe vita questo raro deposito, adorno delle opere insigni di Raffaello, Guido Reni, Albano, Domenichino, Palma, Giorgione, Gentile Bellini, Mantegna, Francia, Cima, Tiziano, Paolo Veronese, Carpaccio, ec. Oltre a’ quadri si trovano qui pure riuniti bassirilievi, modelli di busti e statue, disegni d’invenzione, e lavori premiati d’incisione, gessi tolti dai migliori originali, busti, vasi, candelabri, ec. La I.R. Biblioteca riconosce il suo principio dalla munificenza della imperatrice Maria Teresa. Nel 1763, la Congregazione dello Stato fatto aveva l’acquisto della cel. Libreria Pertusati, che unita alle due altre di Brera e di S. Fedele, venne collocata in questo palazzo delle scienze ed arti, in ampie e maestose sale, nel 1970. La benefica sovrana fece l’acquisto di gran porzione della preziosa libreria del famoso Alberto Haller; anche gli augusti di lei successori gareggiarono nell’arricchirla di novelli tesori con iscelte opere della biblioteca di Firmian, ed altre ancora. La soppressione de’ corpi religiosi aggiunge pure nuova e numerosa suppellettile di ogni specie di libri, oltre ai doni ed ai legati numerosi; che se questa biblioteca non abbonda di manoscritti e codici, come altre d’Italia, primeggia però nelle opere delle scienze esatte, e per tutte quelle più dispendiose e classiche, relative ai viaggi ed alla storia naturale. Il prezioso stabilimento dell’I.R. Gabinetto Numismatico ebbe principio l’anno 1803 nella Zecca, colla raccolta dei conii, e coi pezzi sottratti alla fusione, e meritevoli di conservazione. Fu costituito in gabinetto reale delle medaglie, con decreto 6 maggio 1808, ed arricchito da quel periodo con molti altri musei. Comprende questa collezione la classe antica e la moderna, colle rispettive loro diramazioni, ed è corredata di ricca e scelta analoga biblioteca. Questo gabinetto fu trasferito per sovrano decreto 22 gennaio 1917, nel palazzo delle Scienze ed Arti, ed aperto al comodo del pubblico. L’I.R. Osservatorio astronomico fu innalzato dai Gesuiti, nel 1766, sul disegno del celebre Boscovich. Questo stabilimento videsi sino da quel tempo, e molto più in seguito, arricchito dei più preziosi esteri istromenti. In vicinanza trovasi la scuola d’incisione, instituita dalla munificenza austriaca sotto Leopoldo II, e formata di una lunga sala, bene illuminata ed ottimamente disposta, adorna di un numero considerevole di stampe di classici autori. Fra i liberali istituti, di cui può vantarsi Milano, evvi la Biblioteca Ambrosiana, fabbricata e dotata di fondi dal cardinale Federico Borromeo, cugino di s. Carlo, ed aperta ad uso pubblico nel 1609. In questo grandioso edificio con facciata di ordine dorico, in molte stanze vedesi disposto un magnifico deposito generale delle produzioni delle arti e scienze di ogni paese, varj oggetti di storia naturale, pezzi di antichità e di scultura, pitture, modelli, gessi, statue; busti, lavori meccanici, ec. Contiene 140,000 volumi e 15,000 manoscritti preziosi, contandovisi le antichità giudaiche di Giuseppe Ebreo, tradotte in latino da Ruffino, sopra un papiro egiziano; un Virgilio del Petrarca, con note scritte di sua mano, e con miniature; il prezioso volume di Leonardo da Vinci, detto il Codice Atlantico ed altri ancora. Nella ultima sala si ammirano varie produzioni assai pregevoli del pennello e della matita, distinguendosi il cartone rarissimo originale della Scuola di Atene dipinta nel Vaticano da Raffaello, alcuni quadri di primi autori, e vari disegni a penna di celebri artisti e maestri. La grandiosa canonica dei P.P. Lateranensi, unita alla chiesa della Passione, fu dal cessato governo italico, nel 1808, convertita in un conservatorio di musica, dove giovani dell’uno e dell’altro sesso, sotto opportunissime discipline, e l’insegnamento di celebri maestri e professori, s’instruiscono nelle arti del canto, del suono, ed anche della composizione musicale. Ivi sono 24 piazze gratuite, 16 pei maschi e 8 per le donne, oltre a posti di pensione. Molti allievi si sono già distinti sui pubblici teatri per singolare capacità, ed intelligente esecuzione della musica vocale, ed istrumentale.

Milano possiede sette teatri. Il Grande, detto della Scala, perchè eretto sull’area dell’antica chiesa di S. Maria della Scala, è uno dei più grandi e magnifici della Europa, con architettura del Piermarini, aperto ai pubblici spettacoli nel 1778; e recentemente rimodernato e dipinto, con due ampie sale, e molti comodi luoghi. L’I.R. Teatro della Canobiana, così chiamato dall’antica scuola di dialettica e morale filosofia, che qui vicino esisteva fondata da Paolo Canobio, fu eseguito sul disegno dell’altro della Scala, del medesimo architetto Piermarini, ma in più piccola forma. La facciata è bella e regolare, e l’interno comodo e ben decorato. Per mezzo di due archi, il teatro comunica colla I.R. corte. Fu aperto nell’estate 1779. Sulla già soppressa chiesa di S. Salvatore fu eretto il piccolo ma elegante teatro Re, che prese il nome dal possessore, che lo fece non ha guari costruire con disegno dell’architetto cav. Canonica. Per essere nel centro della città è assai frequentato il teatro Carcano, così detto dal suo proprietario, fu eretto nel 1805 con disegno del cav. Canonica, ove anticamente esisteva la chiesa e monastero di S. Lazzaro. E’ assai elegante ed armonico, ma poco frequentato per la sua lontananza dal centro della città. Semplicissima è la forma del teatro Lentasio, costrutto tutto in legno. Porta il nome di Lentasio per esser stato costrutto nel sito della soppressa chiesa e monastero, fondati da un arcidiacono di quel cognome. Ove esistevano la chiesa e drl monastero dei SS. Cosmo e Damiano sorge ora un elegantissimo teatro di declamazione, eretto da una società che assunse il nome di Accademia dei Filo-Drammatici, e che contiene 800 persone sedute. Per l’addietro due erano i teatri delle Marionette, ma ora non rimase che quello solo detto Fiando, dal nome del proprietario, comunemente chiamato Girolamo. E’ elegante questo picc. Teatro, costrutto solidamente di mura, con bella facciata adorna di bassirilievi. Uno dei teatri diurni è stabilito nei pubblici giardini, e l’altro, detto della Stadera, è situato lungo il corso di porta Orientale, dirimpetto ai giardini. Sono entrambi costrutti in legno. Fra le cose degne di esser vedute in Milano, si osservano le 16 colonne in marmo bianco di ordine corintio, composte di quattro pezzi, ciascuna di 10 diametri di altezza, che stanno lungo il corso di Porta Ticinese, e che formano il monumento più grandioso delle antichità di questa città. Credonsi una parte preziosa delle Terme Erculee fabbricate da Massimiliano Erculeo; il corso di Porta Orientale, fiancheggiato da varj palazzi, il più gradito e frequentato trattenimento della popolazione,  ove vedesi una quantità di carrozze ogni giorno; i pubblici giardini trovansi a fianco del corso suddetto. Alberi, siepi, boschetti, tappeti verdi, viali ben distribuiti, un circo che serve pei giuochi di equitazione, ed altri simili, come di teatro diurno, con una giostra ed un caffè, rendono delizioso questo soggiorno, e lasciano luogo a disporre e ad eseguire spettacoli popolari che nella state sono molto frequentati. Si ordinò di recente di dar compimento alla parte mancante della facciata e di costruire un teatro diurno, servibile anche per circo di  equitazione; l’arco della Pace forma il principio della magnifica strada del Sempione, opera delle più dispendiose e difficili che siensi intraprese sotto il cessato governo italiano. Essa è degna di gr. Ammirazione non meno per la sua ampiezza e comodità, che per la forma elegante con cui fu eseguita. I punti di vista che si offrono lungo il suo corso sono mirabili e degni non meno della curiosità dei passeggeri che dell’uomo istrutto. Sono meritevoli di essere ricordati i Navigli ossia canali navigabili. Il primo, detto Naviglio grande, deriva dal Ticino ch’esce dal lago Maggiore; l’altro, detto della Martesana, esce dall’Adda, ch’è l’emissario del lago di Como. La unione di questi due navigli avviene fuori di porta Ticinese, presso le mura, nel qual punto ha origine un terzo canale, detto Naviglio di Pavia, alimentato colle acque degli altri due. Milano contiene, in genere di fabbriche e manifatture, tuttociò che serve al bisogno, al comodo ed al piacere della vita. Le arti meccaniche sono quivi lodevolmente coltivate al paro delle liberali, e se nelle prime non trovasi sempre il vanto della novità o della invenzione, non manca però loro il pregio di una pronta ragionata imitazione, spesso osservandovisi anche un certo perfezionamento del buon gusto. Ragguardevoli sono le fabbr. Di stoffe di seta in ogni genere e con oro ed argento, nastri e fettucce, velluti, tappezzerie, damaschi, veli creps, tulli, garze, articoli di moda, scialli, tessuti di cotone e tele, calzette a maglia lavorate a telajo, casimiri, maglie, lavori in oro e argento, bronzi dorati e verniciati, minuteria, adornamenti di smalti, orologi e pendoli, candelabri, lucerne e riverberi in varie fogge, istrumenti di matematica, fisica e chirurgia, armi, oggetti di ferro ed acciajo, acido solforico e piombo granulato, sapone, carrozze, cappelli di felpa e feltro impermeabili, terraglie, majoliche, vetri, cristalli, carta, specchi, ec. Contandovisi pure delle grandi concie ove si lavora il cuoio all’uso di Russia, e si fanno de’ marocchini pregiati, quattro raffinerie di zucchero, una di nitri, purghe per la cera, fabbriche di polveri, di tabacco per conto del governo, e di rinomata cioccolata. Vi si annoverano librerie, molte stamperie e fonderie, oggetto pure di un vivo comm., e si perfeziona sempre più la introdotta litografia. Una bella ed elegante manifattura è quella di fiori e frutta imitate perfettamente al naturale, di animali preparati, ed altri oggetti di fisica e storia naturale. Si distinguono molti intagliatori, indoratori, e verniciatori, per buon gusto d'invenzione e perfezione di arte, meritando di essere ricordati anche gli ebanisti, che pareggiano colle opere loro i mobili più accreditati che entrano dall’estero. Alcune di queste fabbriche sono privilegiate e premiate con medagli d’oro e di argento. Il comm. Abbraccia alcuni di questi articoli manifatturati e certe produzioni del territorio, come riso, seta, formaggi rinomati. In generale le fabbriche ed il comm. Di Milano molto perdettero della loro importanza, dacchè furono chiusi gli sbocchi che gli offerivano il Piemonte e la Francia. – Oltre le chiese, i palazzi, ed i pubblici stabilimenti vi si trovano in Milano anche presso i privati cittadini non poche gallerie, biblioteche, e musei contenti molti oggetti d’arte meritevoli di osservazione.