Milan by Thais

Milan In French "Milan", in German "Mailand" and in Latin "Mediolanum". Capital city of the Lombardy-Veneto kingdom, main and governing town of the Province with 4 districts, 50 leagues W.N.W. from Venice, 140 leagues W.S.W. from Vienna, 110 leagues .. from Rome and 160 leagues S.E. from Paris. Latitude 48o 28'  2"; longitude . 6o 51' 16" . The city reaches 135 metres above sea level at its highest point. There is a difference of 8,466 metres between the highest point at Porta Nuova and the lowest point at Porta Romana. Situated in a fertile and flourishing plain, surrounded by pleasant, rich and delightful hills and gently sloping from north to south, the city lies on the left bank of the River Olona which at this point joins the Navilio Grande, flowing from the River Ticino, the Martesana canal which flows from the River Adda and surrounds most of the city and lastly the canal of Pavia. Milan boasts the residential home of the Viceroy, a governer, a general Military Command for the province of Lombardy and the seat of an Archbishopric with 8 bishops, an Appeals Court, a Civil Law Court and one for Trade, a central Commission and an Imperial and Royal Institute for the Arts and Sciences, subdivided into the three sections of Venice, Padova and Verona, an Academy of Fine Arts etc. Constructed in the form of an irregular polygon, it has an area of 3 km., 891 metres and a perimeter of 10km., 637 metres. Rampart walls surround it with the exception of the N.E., from the Castle port to that of Tanaglia where there is a simple one. This fortification is, however, too weak to serve as a defence. The surrounding wall contains old suburbs and has 12 gates, six main ones and six less important. One of the most important is the Argentea, or East gate, known as Renza which dates back to 1784, constructed in two separate buildings, following the plans of Piermarini, but it was not completed. On the site of these two demolished buildings are now being erected  two large constructions, a type of barrier following the plans of the Brescian Vantini. The beautiful all-stone Romana gate, was built in 1598 to celebrate the arrival of Margherita of Austria, intended wife of Filippo III , King of Spain and Duke of Milan, The Ticinese gate, known as Marengo, of recent construction and with the architecture of Marquis Cagnola, decorated by a magnificent porch and Doric trabeations with extremely wide columns, is decorated by a majestic single arch. The other main gates are the Vercellina, designed by Canonica in 1805, the Comasina, built in sandstone with elegant Corinthian columns. The six minor gates are the Tonsa or Tosa, Vigentina, Lodovica, Castle Port, the Arch in Piazza Armi,and the Tanaglia. There are two other entrances to the city using boats along the Naviglio canal which flows from the River Adda and Lake Como, entering the city through Porta Nuova. These boats travel round it pulled by mules, exiting the city through Porta Ticinese and then uniting with the other Naviglio coming from the River Ticino and Lake Maggiore to then return partly into the River Ticino below Pavia and then into the River Po. Apart from the benefit of irrigation to the neighbouring plain and the possibility of navigation to the Adriatic Sea, merchandise may easily reach their banks. These canals facilitate the transportation of products from nearby towns, mountains and valleys that surround the lakes of Como and Maggiore, including wine, coal, firewood and wood for building and materials of all types, mainly marble and granite which are used for the many beautiful columns that adorn the city. The city of Milan does not have a regular plan, its streets are narrow and winding, only some being wide enough, but all, even those in the centre, are well-paved with two rows of granite about three feet apart. Covered canals run under the streets to receive the rain, dripping from roofs and this water flows directly into the larger covered canals into which flow the rivers Seveso, Nirone, Acqualunga and other derivations of the main canals used to cleanse the city. The houses are usually well constructed with from three to five floors, some of which are really beautiful and merit the title of palace, especially the vast and grandios building of the family Serbelloni, with its stately facade and magnificent internal entrance hall and elegant courtyard, adorned by porches. In the centre of the facade is a beautiful piece of architecture with single columns forming a majestic loggia decorated by stucco bas-relief representing some of the historicl events of Milan from the time of Feredico Barbarossa. Amongst all the other public buildings, important monuments, different branches of the administration, civil, law and military establishments scattered around the city are the I.R. courts,re-built last century on top of the ruins of the old ducal palace with its modern Ionic columns designed by Piermarini with its vast courtyard, magnificent staircase and enriched by many comfortable appartments full of beautiful paintings.  Of particular importance is the Grand Hall with its Corinthian columns known as the cariatidi, the Bishopric, a gift from the Visconti dukes, restored at the end of the XV century, divided into two separate courtyards, the most important of which was built by Pellegrini, as was the facade of the building but only the single majestic door was constructed. It was completed by the well-known Piermarini,  the Italian Republic Government building,whose interior consists of a large quadrant with arched columns and two beautiful, carved staircases which lead to various comfortable appartments belonging to the government and various offices, with a beautiful facade adorned by a magnificent loggia , the Italian Rebublic Accounts building, known as the Swiss College, built by Fabio Mangone, where San Carlo first developed the idea of an education for the Swiss seminarists, but this was suppressed by the emperor Giuseppe II  and destined as the then governer's residence. Its beautiful architecture bears confrontation with any other ancient monument both in the purity of style and the dominance of its magnificent grandeur. It may be entered by two courtyards surrounded by columned porches which unite in one of the three great vestibules, the others serving one as an entrance and the third as an entry to the large hall; the large appartments, both on the ground and upper floors, now serve as the offices of the I.R. General Accounts Administration , the Italain Republic Public Buildings, Water and Roads General Administration building, was built by San Carlo as the Chierici Seminary and known as the Canonica but was destined for other uses and a new facade was added by the past government, the Italian Republic Printing-house, an honorary and advantageous building which houses more than a hundred workers as well as those in the administrative offices, with foundaries for characters, lithography, chalcography, paper etc., the Italian Republic Mint, a magnificent monetary building, erected in 1778 and considered to be the best in existance both in the quality of the machines that make the money and for the excellent system introduced in the choice`of craftsmen, admired for all the mechanisms necessary for the working of metal, the tester's office, a room for engravers of cones, a wide and comfortable room for the extraction of metals using amalgamation with machines run by water-power and a docimastical laboratory. Its numismastic laboratory was moved to Brera in 1817, the Italian Republic Geographic-Military Institute, a magnificent and important building, protected and used to house a rich collection of maps, geographical maps and relative instruments and a library, the Monte or bank of the Lombardy-Veneto Kingdom, a building with Ionic columns, designed by Piermarini and opened on the 5th September 1753 with the name of "Monte of Saint Teresa" and re-opened in 1804 by the Administration of Public Funds, dubbed "Monte Napoleone" in July of 1805. From 1814 to the end of 1821 it provisionally took the name of "Monte dello Stato" but in January 1821 it finally became "Monte of the Lombardy-Veneto region".Various offices are housed here including the Prefecture of the Monte and the Italian Republic Public Debit Liquidating Commission ,the Italian Republic Cencus General Administration may be found in part of this ancient building of the Jesuit College, adapted for its present day use, vast galleries being built on the upper floor with single columns and large halls for the planning and collection of maps, for the geographic engineers, whilst others are used as archives, the large Customs House and the buildings of the Italian Republic Exchequer and Finance occupy the majestic building erected by Tommaso Marini in the Marino quarter of the city, whose facade presents three styles of architecture and the interior, of columned portices, blends well with the exterior in the richness and profusion of its decorations. The many and varied halls on the ground floor house beautiful paintings and are used as the Treasury, the upper floor continuing to be  the Princes' appartments, the Clerici Palace holds the Civil Law Courts, Appeals, Commerce and Urban Magistrates Court or Concciliation Tribunal. The various appartments offer suitable comfort for the offices and all the courts, the Casino for High Society in the quarter of S.Giuseppe, occupies a large building and served as an assembly room until December 1815 and was originally designed by Bramante, but was embellished with elegant and rich decoration by the Knight Cagnola. The largest hall of all is that which houses the Dance Accademy, adorned by good, modern paintings. The magnificent building, erected by Leonardo Spinola in 1591, passed into the hands of the Cusani family, and was recently bought by the Giardino Society. Its well-planned courtyard and richly decorated walls enclose large beautiful interiors. All the best artists have had some part in the decoration of its halls and, recently, a vaguely shaped garden  was added with paths, caverns, waterfalls etc.. Along the road known as Isara or Marina, which from the Western gate leads to Porta Nuova, is one of the richest and most magnificent of buildings of modern architecture, erected in 1790 for Count Lodovico of Belgioioso. Both the interior and exterior, decorated with statues, bas-relief and frescos, announce the greatness of the person who had it built as well as the  good taste of its Viennese architect, Leopoldo Polack.  Of particular interest is the beautiful garden designed by the same architect, which has since become the property of the Italian Republic Prince Viceroy and has been joined to the kitchen garden of the Canonica. The Notarial archives may be found in Piazza dei Mercanti, the State archives in the Sala quarter, the diplomatic archives in the Canonica, the Court archives at the S.Damiano bridge and the war archives in the ancient church of S. Carpoforo......

  ....The squares really merit such a name and are somewhat small with the exception of the large Piazza d'Armi which is 1,100 arms wide and 1,000 arms long surrouned by a wall which separates the city from the surrounding countryside and serves as a passageway. On the south-east side of this square near the ancient wall, Galeazzo II, Duke of Milan, had a castle built in 1358, giving it the name of Giovia, but it was demolished and incorporated into the castle fortifications, which, after his death, were completely demolished by the citizens in 1378. His son and successor, Giovanni Galeazzo, rebuilt it in the same place, stronger, with high walls and deep ditches which lasted until the death of Filippo Maria, the last of the Viscontis, in 1447. In rivolt, the city decided to  become a republic and the castle was again demolished and rebuilt. After Francesco Sforza, the husband of Bianca Maria Visconti, captured the city in 1450, the castle was rebuilt, even larger and more solid, for the third time and with the people's consent after many years of siege. Finally, in 1801, all external fortifications were added forming a wide square known as the "Piazza del Castello" or "Foro" and the ancient wall was substituted by well-ordered avenues for promenades, shaded by exotic and natural plants. At one end of the Piazza d'Armi work on the marble Triumphal Arch known as the "Semplon Arch", is being finished, ordered in 1804 but only begun in 1807 which was designed by the knight and marquis, Luigi Cagnola. Political events halted the work but it was resumed thanks to the bounty of the majestic Francesco I who ordered it to be well completed and inaugutating it with the name of the "Arch of Peace". To the north of the castle is the amphitheatre or Arena, built by the Italian government, designed by Canonica, one of the most illustrous buildings erected to increase the splendour of the city of Milan. which lacked a monument of this type. This wide and  rich antique wall, elliptical in form, is 400 arms long and 200 wide, encircled by a high stone wall with comfortable gradine above which is a sufficiently wide platform to allow a shaded passageway. It may hold almost 40,000 spectators and serves as a circus, hippodrome and naumachia, being able to be filled with water. On the 17th June, 1807, the first performance was held. The Piazza Mercanti, placed in the centre of the city and  flanked by some ancient buildings and others of beautiful architecture was originally known as the Piazza dei Tribunali due to the Courts that were once here but were then transported to the Clerici Palace,but was then changed to Piazza Mercanti due to the type of Stock Exchange which was housed in a porticed hall. Various public ministries and offices reside in this square, including the Notary Public Archives and the Central Commission for Charity, the Savings Bank,the central assembly room, the oath-taking office, the Chamber of Commerce, the Upper Elementary School, the main offices of the High School and the inspectorate of the upper elementary school, the dlegation of the first office area and the central corps of the Military Guard. There are 24 Cathoic parishes in Milan with other subsidary churches and oratories, reduced to only 71 after the suppression, whilst in the middle of the 18th century there were more than 230. One of the most famous and well-known buildings in Italy is Milan's Cathedaral, second only to that of St. Peters in Rome, a constant object of world-wide admiration for its enormous size and the uniqueness of its imposing and bizarre Gothic design, surprising in its magnificence and richness,the lightness of the pyramid-shaped blocks, its many statues, sculptures and bas-reliefs which decorate each part of the building as you enter.

This temple, completely constructed in white marble extracted from Monte Candogha, is supposed to have been bulit on the site of the famous temple of Minerva, the first stones being laid on the 15th March 1386. Giovani Galeazzi Visconti was not satisfied with this first construction and had a new and bigger one in 1387 built in 1387 following the orders of Napoleon, and declaring himself King of Italy. Marco da Campione was one of the 183 architects. The interior is a Latin cross from east to west, divided into 5 naves, the middle of which is twice as large as the others. 52 large, almost octagonal marble pillars, 41 arms high which divide the nave and support the Gothic vaults and 4 others which are bigger and support the dome in the centre of the church. Its length is 147m.55cm. At its widest point it is 86m. 86cm., its height from the dome is 66m. 63cm. added to which is the great Moorish spire and the statues which reach 108m. 86cm. On the left as you enter is the beautiful baptistry shaped with a single tabernacle, formed by a large porphyd urn undoubtedly taken from some Ancient Roman baths, serving as the resting place for the Sacred Remains of Saint Denis, bishop of Milan and other martyred saints and where Saint Charles wanted the baptismal water for children conserved, according to the Ambrosian rites folowed; the surrounding columns are ancient marble and the capitals are beautifully worked bronze. The altars and chapels are in diverse coloured marble, adorned by all kinds of bas-relief, precious paintings and fine, much sought-over ivory.Of particular beauty are the marble statues of Martino V and Saint Bartholomew with his scratched skin, the work of Marco Agrati, the magnificent burial monument of Gionanni guacomo Medici, St.Charles' uncle, that in black amrble of Cardinal Marino Carraccioli, governer of Milan, the resting place of Ottone Visconti, known as the Great and of Giovanni, uncle and nephew, both bishops and important men in Milan, the mausoleum with the three busts of Giovanni, Guido and Giovanni Francesco Arcimbaldi as well as many other monuments, sepulchres, tomb stones ets. Worthy of interest is the underground octagonal chapel where St.Charles is buried with its vaults covered by bas-relief, trophies and ornaments with sheets of silver showing the remarkable events in the life of rhe saint as well as eight caryatids in the corners covered by sheets of silver representing his virtues. In 1817 this chapel was renewed following the designs of the architect Pestagalli, who rendered it more elegant and magnificent. A sarcophagus containing the mortal remains of the archbishop-saint in his pontificial robes and enriched by jewels is placed on the altar. It is made of rare mountain crystal, bound in silver, donated by Philip IV, king of Spain, whose coat of arms may be seen in solid gold. A large horizontal window, built on the floor of the church, illuminates the crypt and the worshippers who take part in the holy services held there. All the paintings on the walls of this temple are by early Italian masters. The windows representing various historical incidents, add brilliance to the majesty of the crypt but leave it somewhat dark. Multi- coloured marble lines the floor with a clever design already noted in the main nave and also in the lateral ones. Of particular interest are the extraordinary quantity of internal and external statues which adorn this sacred building, about 3000 of the planned 4000 statues of all sizes are already in place. The enormous quantity of columns,statues, carvings, medals, bas-reliefs and precious works of all kinds compete with the magnificence of the powerful interior with its sculptures, and the most beautiful architecture to cmplete the facade of this temple with its five doors. The white marble statues above the building seem to be hovering and immediately catch one's eye. The 80 main spires and 24 minor ones are embellished by statues and Gothic arabesques,and should be 135 when work is finished. Near the facade is a remarkable sun-dial, constructed under the diligent and accurate direction of the astronomers of the Brera Observatory, crossing the length of the church. Amongst all the other numerous churches in Milan is that of St. Mary's near St.Celso, remarkable for its architecture and the richness of its works of art. It was commissioned in 1491 by Giovanni Galeazzo Sforza, Ludovico il Moro's nephew following the plans of Bramante. The ancient church of St.Lorenzo was destroyed by fire in 1071 but was rebuilt,smaller, by Martino Bassi in Doric style, rich in sculptures, precious paintings and ancient burial monuments including that of Galla Placidia, the daughter of Todosio il Grane, and her husband Ataulfo and an ancient mosaic which supposedly depicts Cisto arguing with doctors. The Church of St. Ambrose, one of the oldest and most renowned basilicas in the city, known as the Ambrosiana, was built in 387 by St.Ambrose to hold religious services and it is here that he was buried. It was originally divided into two churches by a wall with three doors but this was knocked down in 1507, resulting in one church, decorated by an atrium or rectangular courtyard with portices adorned by antique paintings. The interior consists of Three Gothic naves with magnificent chapels and precious decoration. The church of St.Mary of the Passion, built in 1530 in the form of a Latin cross with its towering dome, richly decorated both inside and outside. It is divided into three naves with the same number of doors and contains eight chapels on each side. It is one of the most highly decorated of all the churches. The foundations of the church of S.Stefano Maggiore, originally known as S.Zaccaria, were supposedly laid by the bishop S.Martiniano and it was at one time a collegiate and is now a parish church.It was destroyed by fire in the XIth century and then rebuilt but not in its original imposing majesty and was given the name of S.Stefano al Broglio ed alla Ruota. The actual church was built at that time by Archbishop Visconti,successor to St.Charles and perfected in 1596. The interior is divided into three naves with six arches on each side and corresponding chapels and a majestic choir, all of which is covered by paintinmgs and statues. The church of St.Paul, all that remains of the vast monastery of Agostiniane, known as Angeliche has a beautiful facade and rich decoration. It has a single Corinthian nave with pleasant architecture and beautiful paintings. The basilica of S.Nazzaro Grande was erected in 382 to honour the Apostle saints and given the name of Nazzariana when Saint Nazzaro was transported by Saint Ambrose. The vestibule of this church holds the magnificent burial monument with the chapel dedicated to the Blessed Virgin Assunta, constructed in 1518 by Marshal Giovanni Giacomo Trivulzio, known as the Great, who wanted to prepare his burial place whilst he was alive.

       

 

 

 

Tratto da:
 "Nuovo Dizionario Geografico Universale"
Opera Originale Italiana di una Società di Dotti 
Venezia - 1828

 

Foto dalla Raccolta delle Stampe Achille Bertarelli
Castello Sforzesco

 

 

 

 

 

1862 San Eustorgio prima del restauro

 

 

 

 

 

 

 

Santa Maria delle Grazie in Corso di Porta Vercellina

 

 

 

 

 

 

 

La Stazione Centrale prima della sistemazione della piazza - 1864

 

 

 

 

 

 

 

1865 - La Stazione Centrale

 

 

 

 

 

 

 

1880 vista del Castello Sforzesco

 

 

 

 

 

 

 

Tram elettrico in Piazza Scala

 

 

 

 

 

 

 

Piazza Scala nel 1900

 

 

 

 

 

 

 

Chiesa di San Marco

 

 

 

 

 

 

Naviglio Grande  in Via Senato

 

 

 

 

 

 

 

La Martesana a Gorla

 

 

 

 

 

 

 

Tombone di San Marco

 

 

 

 

 

 

La Conca di Via Senato

 

Home Page     

MILANO, in francese Milan, in tedesco Meiland, ed in latino Mediolanum, città capitale del regno Lombardo-Veneto, capoluogo del governo del suo nome di provincia e di 4 distretti, a 50 leghe O. N.O. da Venezia, 140 leghe O.S.O. da     Vienna, 110 leghe N. E. da Roma e 160 leghe S. E da Parigi. Latitudine N. 45° 28’ 2”; longitudine E.6° 51’ 16”. La sua elevazione maggiore sopra il livello del mare si computa a 135 metri. Dalla porta Nuova, la più elevata, alla porta Romana, la più bassa, vi sono 8,466 metri di differenza. E’ posta in una pianura fertile e ridente, circondata a qualche distanza da amene, ubertose e deliziose collinette, e dolcemente inclinata dal Nord al Sud, sulla riva sinistra dell’Olona a cui si unisce in questo luogo il Naviglio-Grande, che viene dal Ticino, il canal Martesana, che deriva dall’Adda, e che circonda la maggior parte della città propriamente detta, infine il canale di Pavia. Milano è residenza del vice-re, di un governatore, di un comando militare generale per le provincie Lombarde, e sede di un arcivescovato, da cui dipendono 8 vescovati, di una corte dei appello, di un tribunale civile, di uno di commercio, di una commissione centrale e di un instituto imperiale e reale di scienze ed arti, suddiviso nelle tre sezioni di Venezia, Padova e Verona, di un’accademia di belle arti, ecc. Questa città ha la forma di un poligono irregolare, la cui superficie è di 3 kil., 891 m., ed il perimetro di 10 kil., 637 m. E’ cinta di mura con bastioni, tranne al N.O., dal Portello del Castello sino alla porta Tanaglia, ove non evvi che un semplice muro di circonvallazione; queste fortificazioni sono però deboli troppo per servire di difesa. Un tale circuito, che rinchiude gli antichi sobborghi, ha 12 porte, cioè sei principali e sei minori. Fra le prima si distinguono l’Argentea, detta ora Orientale, e Renza per corruzione, che dicesi anticamente nel 1784, e costrutta in due spartiti edifizi sui disegni del Piermarini, non ebbe allora compimento. Demolitisi questi due fabbricati, si stanno ora erigendo sul sito stesso due grandiosi corpi, ad uso di barriera, secondo il disegno del bresciano Vantini; la Romana, costrutta nel 1598 per condecorare il ricevimento di Margherita di Austria, destinata sposa a Filippo III, monarca della Spagna e duca di Milano, tutta in pietra, e con bei lavori; la Ticinese, detta anche di Marengo, di recente costruzione e di architettura del marchese Cagnola, decorata da un maestoso portico o calcidico  architravato d’ordine dorico, con colonne di straordinario diametro, e decorata da un maestoso arco isolato, di magnifica costruzione. Le altre porte maggiori sono: la Vercellina, disegno del Canonica, del 1805; la Comasina, fabbricata in pietra arenaria, e compita nel 1826, a spese dei negozianti; e la Nuova eretta, nel 1812, sui disegni del professore Zanoja, tutta pure di pietra arenaria, e di elegante ordine corintio. Sono le sei minori quelle della Tonsa o Tosa, vigentina, Lodovica, Portello del Castello, l’Arco della piazza d’armi, Tanaglia. Alle dette porte si possono aggiungere due altri accessi per le barche del canale Naviglio, le cui acque, derivate dall’Adda e dal lago di Como, entrano in città presso la porta Nuova, vi fanno il giro interno, servono al movimento di più mulini, ed escono presso la porta Ticinese, unendosi quivi con quelle dell’altro Naviglio, provenienti dal Ticino e dal lago Maggiore, per poi ritornare in parte al Ticino, sotto Pavia, indi nel Po. Questi canali, oltre il benefizio della irrigazione nell’adjacente pianura, e quello della navigazione felicemente continuata fino al mare Adriatico, da dove giungono le merci sino alla riva, formano particolarm. Il comodo e la ricchezza della città per la facilissima comunicazione colla stessa dei paesi vicini ai canali medesimi, e dei monti e delle valli che circondano il lago di Como, ed il Maggiore, e pel trasporto dei loro prodotti, consistenti in vino, carbone, legna da fuoco e da opera, materiali di ogni genere di fabbrica, e principalmente massi di marmo e granito, di cui tante belle colonne e numerosissime adornano questa città. Essa è fabbricata in generale senza regolarità; la maggior parte delle strade sono strette e tortuose, qualcuna soltanto avendo una passabile larghezza; tutte però , anche le più interne, sono bene lastricate, e fornite di due larghe file di granito, lontane circa 3 piedi l’una dall’altra. In ogni strada canali coperti e sotterranei ricevono le pioggie, nei quali, per mezzo di tutti coperti, colano anche quelle dei tetti, tolto di mezzo l’inconveniente degli stillicidii, e queste acque senza stagnare s’immettono in altri canali maggiori, similmente sotterranei, nei quali scorrono di continuo il Seveso, il Nirone, l’Acqualunga ed altre derivazioni dei maggiori canali, destinate allo spurgo della città ed al comodo degli abitanti. Le case, generalmente bene costrutte, hanno da 3 a 5 piani; molte sono bellissime, e meritano il nome di palazzi, essendo fra questi osservabile quello vastissimo e di grandiosa architettura della famiglia Serbelloni, la cui facciata è imponente, magnifico l'atrio interno, ed elegante il cortile, adorno di portici, distinguendosi nel mezzo della facciata un bellissimo pezzo architettonico con colonne isolate, che forma una maestosa loggia, decorata di un grande basso rilievo di stucco, rappresentante alcuni avvenimenti storici di Milano del tempo di Federico Barbarossa. Fra gli altri pubblici edifizj, monumenti principali, rami diversi di amministrazione, e stabilimenti civili, militari, e giudiziari sparsi per la città, si distingue: il palazzo della I.R. corte, rifabbricato, nel passato secolo, sugli avanzi dell’antico palazzo ducale, con facciata di ordine jonico moderno, disegno di Piermarini, con vasto cortile, magnifico scalone, e adorno nei suoi ricchi e comodi appartamenti di belle pitture, distinguendosi soprattutto il gran salone di ordine corintio, detto delle cariatidi; il palazzo Arcivescovile, dono dei duchi Visconti, ristaurato sulla fine del secolo XV, diviso in due separati cortili, il più magnifico dei quali  venne costrutto dal Pellegrini, di cui è pure la facciata del palazzo, della quale per altro non fu eseguita che la sola porta maestosa, ed il suo compimento lo ebbe dal ricordato Piermarini; il palazzo del I.R. Governo, il cui interno consiste in un ampio quadrato arcato con colonne, e due belle e ben ornate scale, che mettono a varj comodissimi appartamenti, i quali servono di residenza al governatore, e a diversi uffizj appartenenti al governo, con gran facciata adorna di una loggia grandiosa; il palazzo della I.R. Contabilità, altra volta Collegio Elvetico, edizio di Fabio Mangone, e di cui san Carlo fu il primo a concepire l’idea per la educazione die seminaristi Svizzeri, soppresso il qual collegio dall’imperatore Giuseppe II, fu destinato ad uso di residenza del governo di allora: la sua architettura è bellissima, e non teme questa fabbrica il confronto di qualunque monumento dell’antichità, sia per la purezza dello stile, sia per la imponente grandiosità che vi domina; vi si entra per due cortili circondati da portici con colonnati, che vengono riuniti da uno de’ suoi tre gr. Vestiboli, servendo gli altri, uno d’ingresso, ed il terzo di comunicazione ed accesso ad una gran sala: le ampie abitazioni tanto del piano terreno, quanto del superiore, servono ora per gli uffizj della I.R. Direzione generale della Contabilità ivi collocata; il palazzo della I.R. Direzione generale delle pubbliche costruzioni, acque, strade e fabbriche, nel luogo eretto da s. Carlo pel seminario dei Chierici, e che chiamavasi la Canonica, e poscia destinato a varj altri usi, abbellito dal passato governo di nuova elegante facciata; la I.R. Stamperia, onorifico ed assai vantaggioso stabilimento, con numero consid. Di rotchj, ove sonovi impiegati più di cento operai, oltre alle persone addette agli uffici di amministrazione, con fonderia di scelti caratteri, litografia, calcografia, cartiera, ec.; la I.R. Zecca, grandioso stabilimento montario, eretto nel 1778, considerato come uno dei migliori esistenti, tanto per la quantità delle macchine, che servono alla fabbricazione delle monete, quanto per l’ottimo sistema introdotto, e per la scelta degli artefici ed operatori di ogni genere, ammirandosi in esso tutti i congegni necessarj alla funzione e partizione die metalli, l’officio degli assaggi, una sala per gli incisori dei conj, un’ampia, e comoda officina per estrarre i metalli dalle terre col metodo dell’amalgazione, fornita essa pure di macchine mosse dall’acqua ed un laboratorio docimastico: il suo gabinetto numismatico fu trasportato a Brera, nel 1817; l’I.R. Istituto Geografo-Militare, grandioso ed utilissimo stabilimento eretto e dalla sovrana munificenza protetto, in cui vedesi una ricca collezione di mappe, carte geografiche, stromenti relativi, e scelta biblioteca; il Monte del regno Lombardo veneto, edificio d’ordine Jonico, disegno di Piermarini, eretto sui caseggiati dell’antica famiglia Marliani, ed aperto il 5 settembre 1753, col nome di Monte s.ta Teresa, indi riaperto, nel 1804, sotto quello dell’Amministrazione dei fondi del debito pubblico, nel luglio 1805 denominato Monte Napoleone, dal 1814 a tutto il 1821 provvisoriamente chiamato Monte dello Stato, e che nel gennaro 1821 assunse la denominazione presente di Monte del reg. Lombardo Veneto; stanno in questo locale riuniti vari ufficj, quelli cioè della prefettura del Monte e della I.R. Commissione liquidatrice del debito pubblico; la I.R. Direzione generale del Censo risiede in una porzione dell’antico edificio del collegio dei Gesuiti, adattata perciò ai suoi vari ufficj, per cui vennero disposte nel piano superiore vastissime gallerie, con colonne isolate, e con grandi sale per la formazione e riunione delle mappe, per gl’ingegneri geografi, ed altre ad uso di archivio; il Dazio Grande, e gli uffizj delle I. R. Finanze e Tesoreria occupano il maestoso imponente palazzo altre volte di Tommaso Marini, nella contrada perciò detta del Marino, con facciata composta di tre ordini di architettura, ed il cui interno, formato da portici con colonne, fa risaltare una perfetta armonia coll’esteriore, per la ricchezza e profusione degli ornati. Diverse e grandiose sale nel pian terreno ornate di buone pitture, servono per la cassa del tesoro e delle finanze, il superiore essendo destinato, come lo fu, per alloggio de’ principi; il palazzo, altre volte Clerici, è la residenza dei tribunali civili di prima Istanza, di Appello, di Commercio, e della Pretura urbana o tribunale di conciliazione. I varj appartamenti che lo compongono fornirono tutte le comodità necessarie agli ufficj di tutti questi tribunali; il casino della nobile società, nella contrada di s. Giuseppe, occupa un vasto fabbricato, che le serve di adunanza sino dal dicembre 1815, e il cui disegno è in origine del Bramante, ma che il cav. Cagnola abbellì nell’interno con elegante e ricca decorazione. Numerose sono le sale, ma la più grandiosa è quella che serve alle grandi accademie ed alla danza, tutte però adorne di buone moderne pitture; il magnifico palazzo, inalzato da Leonardo Spinola, l’anno 1591, e che poscia passò alla famiglia Cusani, fu di recente acquistato dalla società detta del Giardino. Il suo cortile è decoroso, e le parti che compongono questo edifizio  sono ricche, bene intere e grandiose; i migliori artisti ebbero parte agli ornati delle sale, di recente accomodate, vedendosi unito al fabbricato un giardino ridotto anch’esso a vaga forma, con passeggi, grotta, cascate d’acqua, ec. Passando dalla strada, detta Isara e Marina, che da Porta Orientale mette a quella di Porta Nuova, presentasi uno dei più ricchi e magnifici palazzi architettonici moderni, in tutte le sue parti decorosamente adorno, innalzato nel 1790 dal conte Lodovico di Belgioioso. L’interno e l’esterno annunziano la grandiosità di chi lo fece costruire, non meno che il buon gusto del suo architetto Leopoldo Polack, viennese. Esso è adorno di statue, bassi rilievi e pitture a fresco. Merita pure particolare osservazione il bellissimo giardino annesso sul disegno dello stesso architetto, il quale dacchè fu dato in proprietà a S.A. R. Il principe Vicerè, fu consid. Ingrandito colla unione dell’orto che apparteneva alla così detta Canonica. Dei 5 archivj, quello notarile, sta sulla piazza dei Mercanti, quello dello Stato, nella contrada della Sala, l’archivio diplomatico si trova nella Canonica, quello di giustizia al ponte di s. Damiano, e l’altro della guerra, nell’antica chiesa di s. Carpoforo.......

  ......Le piazze in generale meritano appena un tal nome, e sono piuttosto piccole; si eccettui però la vasta piazza d'Armi, che si estende in larghezza braccia 1,100 ed in lunghezza bracia 1,000, chiusa da un muro di cinta, che separa la città dalle campagne, e che serve di passeggio amenissimo; sul lato S.E. di questa piazza ed al confine delle antiche mura, Galeazzo II, signore di Milano, fece erigere l'anno 1358 u castello che prese la denominazione di Giove, dall'antica porta Giovia, soppressa ed incorporata nella fortificazione del castello medesimo, il quale, dopo la sua morte, fu demolito dai cittadini l'anno 1378.  Il suo successore e figlio Giovanni Galeazzo, lo fece ricostruire nello stesso luogo, assai più forte, con alte muraglie, e di profonde fosse munito, e questo durò sino alla morte di Filippo Maria, ultimo dei Visconti, cioè sino all'anno 1447. Ammutinatasi la città col pensiero di reggersi in rep., fu di nuovo dal popolo rovinato e demolito. Nel 1450, impadronitosi della città Francesco Sforza, marito di Bianca Maria Visconti, fu da esso col consenso dei cittadini, per la terza volta rifabbricato con maggiore ampiezza e solidità, avendo sostenuto in varj tempi lunghi assedj. Finalmente nel 1801, come si disse, vennero atterrate tutte le esteriori fortificazioni e nel loro luogo formossi una vastissima piazza detta del Castello o del Foro, e vi si sostituirono al luogo delle antiche mura, dei beni ordinati viali pei pubblici passeggi, ombreggiati da piante esotiche ed indigene. Alla estremità della piazza d'Armi si sta per dar termine ai sublimi lavori dell'Arco di trionfo, ordinato nel 1804, ma incominciato nel 1807, col nome allora di Arco de Sempione, tutto marmo i fabbrica ed elevato dalle fondamenta sul grandioso e bene immaginato disegno del ca. marchese Luigi Cagnola; le vicende politiche fecero rimaner sospesi  i lavori, ma ricominciati questi per munificenza, dell'augusta maestà di Francesco I, ordinò che condotta fosse a compimento un opera sì bella, accettandone la dedica coll'inauguramento di Arco della Pace. Al N. dell'atterrato castello si costrusse sotto il governo italiano, il così detto anfiteatro od Arena, disegno del Canonica, uno dei più insigni edifizj fatto per accrescere il decoro e lo splendore della città di Milano, che mancava ancora di un monumento di questo genere. Questo ampio e sontuoso recinto nel genere ant., e di forma elittica, è lungo baccia 400 e largo 200, e vedesi cinto da un muro altissimo d pietra, e circondato sino ad una certa elevazione, da comode gradinate  al di sopra delle quali evvi una piattaforma di sufficiente larghezza, che offre un passeggio ombreggiato; può contenere quasi 40,000 spettatori e serve di circo, d'ippodromo e di naumachia, avendosi il comodo di riempirlo coll'acqua che scorre all'intorno. Nel giorno 17 giugno 1807, vi si diedi il primo spettacolo. Senza parlare delle altre piazze, ci limiteremo a citar quella dei Mercanti, posta nel centro della città, fiancheggiata da alcuni fabbricati di antica origine, ed altri di bella architettura, ch'ebbe prima il nome di piazza dei Tribunali, a cagione dei tribunali che ivi esistevano ed ora trasportati nel palazzo Clerici, e poscia quello di piazza dei Mercanti, perchè quivi questi si adunano quasi ad una spezie di Borsa, essendo stata per tale oggetto formata una sala nel fabbricato con portici. In questa piazza hanno la loro residenza varj pubblici dicasteri ed ufficj, cioè l'Archivio pubblico notarile e la commissione centrale di beneficenza, la cassa di risparmio, la congregazioine centrale, l'ufficio delle ipotetiche, la camera di commercio, la scuola elementre maggiore normale, la direzione generale dei ginnasi, e l'ispettorato delle scuole elementari normali, la delegazione del primo circondario di polizia, ed il gran corpo di guardia militare. - Per l'esercizio del culto cattolico vi sono in Milano 24 parrocchie, con varie altre chiese sussidiarie ed oratorj, ridotte a sole 71 dopo le soppressioni avvenute, mentre alla metà del XVIII secolo oltrepassavano il numero di 230. Fra i più celebri e rinomati edifizi dell'Italia, vanta Milano la sua cattedrale, dopo quella di s.Pietro in Roma, il costante oggetto di universal maraviglia per la mole gigantesca e singolarità del disegno di gotica costruzione ardita e bizzarra, sorprendente per magnificenza e ricchezza, osservabile per la leggerezza delle masse piramidali, per la moltiplicità delle statue, sculture e bassi rilievi, che in ogni parte l'adornano sì entro che fuori. Questo tempio, tutto costrutto in marmo bianco, estratto dal monte Candoglia, dicesi occupi il luogo di un famoso tempio d Minerva; esso ebbe principio l'anno 1386 il 15 marzo, ma non piacendo a Giovanni Galeazzo visconti questa sua prima costruzione, ordinò che gli si desse una nuova e più grandiosa forma, l'anno 1387. Fu desso compito per ordine di Napoleone, che vi si fece coronare re d'Italia Gli architetti ch'ebbero la direzione di questa fabbrica, incominciando a tal epoca da Marco da Campione, dicesi sieno 183. La forma interna è quella di una croce latina, diretta dall'E. all'O. , e divisa in  5 navate, delle quali quella di mezzo è al doppio più larga delle altre; 52 grossi piloni di marmo quasi ottagoni, dell'altezza di braccia 41, dividono queste navate e sostengono le volte gotiche, e 4 altri più grossi sostengono la cupola del centro della chiesa. La sua lunghezza è di 147 m. 55 c.; la maggiore larghezza di 86 m. 86 c., e l'altezza della gran cupola di 66 m. 63 c., talché aggiungendovisi la gran guglia di stile moresco e la statua i rame dorato della B.V., la elevazione totale di questo edifizio superbo ascende a 108 m. 86. Alla sinistra entrando, vedesi il bel battistero a foggia di tabernacolo isolato, formato da una grande urna di porfido, proveniente, senza dubbio, da qualche antico bagno romano, che servì di deposito alle sagre spoglie i s. Dionigi vescovo di Milano, con  altri santi martiri, e che da s. Carlo fu destinato a conservar l'acqua battesimale per immergervi la testa dei bambini, secondo il rito Ambrosiano quivi professato; le colonne che lo circondano sono di marmo antico ed i capitelli di bronzo mirabilmente lavorati. Gli altari, le cappelle sono in marmo a colori diversi, e vedesi il tutto adorno di bassi rilievi i ogni genere, pitture pregiate e avori finissimi e ricercati. Vi si distingue la statua in marmo bianco di Martino V, quella pregiatissima di s. Bartolomeo, opera di Marco Agrati, che rappresentò questo santo scorticato e portante la sua pelle sul dorso; il magnifico monumento sepolcrale di Gio. Giacomo Medici, zio di s. Carlo; quello in marmo nero, del cardinale Marino Carraccioli, governatore di Milano; il deposito di Ottone Visconti detto il Magno e di Giovanni zio e nipote arcivescovi e signori di  Milano; il mausoleo con tre busti rappresentanti gli arcivescovi Giovanni, Guido e Gio. Francesco Arcimbaldi, oltre tanti altri monumenti, sepolcri, lapidi, ec. E' degna soprattutto di minuta osservazione la sotterranea cappella, ove riposa il corpo di s. Carlo, di forma ottangolare, con la volta coperta di bassi rilievi, trofei ed ornamenti assai rilevati di lastra d'argento, i quali ricordano gli avvenimenti più rimarcabili della vita del santo, ed otto cariatidi negli angoli, pure di grossa lastra d'argento, rappresentanti le sue virtù. Nel 1817, si cangiò e rinnovossi l'aspetto di questo luogo con nuovo disegno dell'architetto Pestagalli, che lo rese più elegante e magnifico. Sull'altare posa il sarcofago che contiene le spoglie mortali del santo arcivescovo in abito pontificale, arricchito di gioje. Il sarcofago è composto di rarissimi cristalli di monte, legati in argento, dono di Filippo IV, re delle Spagne, li cui stemmi vi si vedono opposti in oro massiccio. Una grande finestra orizzontale, praticata nel pavimento della chiesa, illumina i sotterraneo, a dà luogo ai fedeli di poter assistere ai divini ufficj ch'entro vi si celebrano. Tutte le pitture che adornano questo tempio, sono dei primi maestri d'Italia.  I vetri rappresentanti diversi tratti istorici, aggiungono maggior lustro alla sua maestà, ma lo rendono un poco oscuro. Il suo pavimento di marmo a colori diversi, fatto a compartimenti con disegno artifizioso, è già compito nella grande navata, ed in parte nelle laterali. Trovasi opportuno l'invitare i curiosi ad osservare la straodinaria quantità delle statue interne ed esterne che adornano questo sacro edifizio, essendo esse circa 3,000 quelle già poste in opera, e dovendo ascendere a più di 4,000 circa quelle che di ogni grandezza debbono dar compimento alla chiesa. Nell'esterno, la profusione delle colonne, delle statue, degl'intagli, delle medaglie, dei bassi rilievi, dei lavori pregiati di ogni sorta, gareggiano colla magnificenza dell'interno potensodi dire francamente che quanto la scoltura e l'architettura ha di più bello, tutto fu posto in opera all'adornamento della facciata di questo tempio, che ha cinque porte: le statue in marmo bianco, poste sopra tutto l'edifizio, e sembrano staccate come tante punto formano il più imponente colpo d'occhio. Le aguglie terminate ed abbellite di statue e gotici arabeschi, sono a quest'ora circa 80, oltre alle 24 minori, dovendo essere in tutti 135 ad opera compita. Verso la facciata è degna di osservazione una grandiosa Meridiana, che attraversa per intero il tempio, eseguita con diligenza e somma accuratezza sotto a direzione degli astronomi dell'IR. osservatorio di Brera. Fra le altre numerose chiese di Milano meritano particolar menzione quella di S. Maria presso S. Celso, una delle più ragguardevoli per la sua architettura, e delle più ricche pei capii d'opera dell'arte che l'adornano, la quale ebbe principio nel 1491, per ordine di Gio. Galeazzo Maria Sforza, nipote di Ludovico il Moro, sul disegno del Bramante; quella di S. Lorenzo che debb'essere antichissima. Distrutta dal fuoco nel 1071, l'antica chiesa venne rifabbricata i più piccola forma, e questa pure rovinata dal tempo, S. Carlo ordinò si rifabbricasse quella ora esistente, col disegno di Martino Bassi, e di ordine dorico, ricca di scolture, di dipinti pregiati, e di monumenti sepolcrali, fra i quali si distingue quello antico di Galla Placidia, figlia di Todosio il Grane, e del di lei marito Ataulfo: è pure osservabile l'antichissimo mosaico, che dicesi mostri Cisto disputante coi dottori; quella di S. Ambrogio, una delle più antiche e rispettabili basiliche della città, contraddistinta col nome di Ambrosiana, per essere stata edificata, nel 387, da S Ambrogio, che vi celebrò i divini ufficj, e volle in essa esser sepolso. Era in origine divisa in due chiese separate da un muro con tre porte, ma vennero riunite nel 1507, e si formò una chiesa sola, decorata da un atrio o cortile rattangolo, con portici adorni di antichi dipinti. L'interno è costruito in tre navate di gotica architettura, con magnifiche cappelle e pitture pregiate; quella di S.ta Maria della Passione, inalzata nel 1530, in forma di croce latina, con torreggiante cupola, tanto nell'interno quanto nell'esterno riccamente abbellita. E' divisa in tre navi, con altrettante porte, e contiene otto cappelle per parte, e forse più di ogni altra adorna di pitture; quella di S. Stefano Maggiore, altre volte collegiata, ed ora parrocchiale, la cui fondazione viene attribuita a S. Martiniano vescovo, e prima chiamata S. Zaccaria. Nel secolo XI devastata dalle fiamme, fu quindi rifatta, non però colla maestà della precedente, e venne denominata S. Stefano al Broglio ed alla Ruota. La chiesa attuale fu costrutta  al tempo dell'arciv. Visconti, successore di S. Carlo, e perfezionata nel 1596: l'interno è diviso in tre navi, con sei arcate per parte, con cappelle corrispondenti, ed un coro maestoso, il  tutto adorno di pitture e di statue; quella di S. Paolo, chiesa rimasta del vasto monastero di Agostiniane, dette Angeliche, sotto il titolo di S. Paolo, con bella facciata, ricca di ornamenti: la chiesa è di una sola navata d'ordine corintio, saviamente architettata e di bei dipinti adorna; quella di s. Nazzaro Grande, basilica edificata nel 382 circa ad onore dei ss. Apostoli, e quindi detta Nazzariana pel capo di s. Nazzaro in essa trasportato da s. Ambrogio. Forma vestibolo a questa chiesa il grandioso sepolcrale edifizio con cappella dedicata alla B.V. Assunta, costrutto nel 1518 dal maresciallo Gio. Giacomo Trivulzio, detto il Magno, che vivo volle prepararsi il soggiorno della morte.