Nome scientifico: Astrophytum myriostigma Lem.
Nome vernacolare: Cappello del Vescovo
Famiglia: Cactaceae
Habitat: Messico centrale e settentrionale. Vive su altopiani a oltre 2.000 di quota. Descrizione:
Il nome del genere significa letteralmente "pianta stella". Il fusto sferico è suddiviso mediamente in cinque coste acute appena segnate dalle areole lanose prive di spine. L'epidermide grigio argentea è ricoperta da minuscoli punti bianchi che la rendono quasi luccicante al sole.
In habitat é normalmente una pianta solitaria mentre in coltivazione, grazie alle cure costanti e al regolare apporto di sostanza nutritive, può accestire dando origine a splendidi "cuscini di stelle succulente" come nell'esemplare fotografato.
I fiori, gialli, di dimensione variabile da 2 a 4 cm, appaiono all'apice della pianta in continuazione da aprile a settembre. Si conoscono alcune varietà: Astrophytum myriostigma f. nudum con l'epidermide verde scuro, completamente privo di puntini bianchi; Astrophytum myriostigma v. columnare il cui fusto, con l'età, può allungarsi fino ad 1 metro di altezza.
Coltivazione: pianta diffusissima da anni, si può trovare con facilità presso molti gardens. Predilige terreni privi di humus a componente prevalentemente minerale. Le radici fibrose e sottili soffrono se l'umidità ristagna e, quindi, le annaffiature vanno ripetute solo quando il terriccio è ritornato asciutto. Pianta di alta quota, può sopportare in inverno temperature vicino allo zero, a condizione che il terreno sia perfettamente asciutto e l'umidità ambientale bassa.
Riproduzione:
Prevalentemente da seme. Prelevare talee da un esemplare accestito è quasi un delitto e, per di più, le talee radicano con grande difficoltà.
Scientific name: Astrophytum myriostigma Lem.
Vernacular name: Bishop’s Hat
Family: Cactaceae
Habitat: Central and North Mexico. It grows on the high plains above 2000 metres. Description:
The name of this species literally means “ star plant” . The round stem is divided by five veins faintly indicated by hairy areas without thorns. The silver grey surface of the plant is covered by minute, white spots which make it glitter in the sun.It is normally a solitary plant when when cultivated, thanks to constant care and a regular addition of nutritive substances, it may flourish, forming a splendid “ cushion of succulent stars” as seen in the photo. The yellow flowers, from 2 to 4 cms. in size, appear continually at the tip of the plant from April to September. The known varieties of this plant are : Astrophytum myriostigma f.nudum with its dark green epidermis, which is completely without white spots and Astrophytum myriostigma v.columnare whose stem may reach up to one metre in height.
Cultivation:
This plant has been widely grown for years and is often found in gardens. It prefers a predominately mineral-type soil but without humus. The thin, fibrous roots suffer if there is humidity, therefore the plant should be watered only when the surrounding terrain is dry. It should be planted at quite a high altitude and can suffer winter temperatures near to zero on condition that the soil is perfectly dry and the level of humidity is low. Reproduction:
Mainly by sowing. Cutting scions from a flourishing plant is almost a crime because the scions do not root easily.

   HP