NOME SCIENTIFICO:
Symphytum officinale
FAMIGLIA:
Borraginacee
DESCRIZIONE:
Questa graziosa erbacea perenne, che cresce spontanea nei luoghi umidi, possiede nelle sue foglie più proteine di ogni altro vegetale. Le foglie della consolida contengono inoltre potassio, calcio, fosforo e le vitamine A, C e B12, ragion per cui sono una vera miniera di sostanze nutritive.
RADICE:
La consolida presenta una radice a fittone che raggiunge dimensioni notevolissime, anche di tre metri. Da questa radice che all'esterno presenta una colorazione scura, tra il marrone e il nero, mentre internamente è bianca o giallina, e risulta piuttosto untuosa al tatto, si ottiene un infuso che agisce da emolliente per l'epidermide ed è ottimo da aggiungere all'acqua del bagno.
FUSTO:
I fusti della consolida che spesso raggiungono e talora superano, seppur di poco, il metro di altezza sono coperti come ogni altra parte della pianta da una lanugine ruvida, sono cavi, presentano una sezione quasi quadrata e sono ramificati verso la cima.
FOGLIE:
Le foglie di questa borraginacea sono di forma lanceolata, cioè ovale verso la base e che si stringe poi decisamente in punta. Esse hanno colore verde intenso, sono ripiegate, ruvide al tatto e presentano vistose venature.
FIORI:
Nella tarda primavera compaiono i piccoli fiori campanulati per forma e raccolti in infiorescenze pendule. Il loro colore varia dal rosa, al lilla e dal bianco all'azzurro.
HABITAT:
Il substrato prediletto da questa erbacea deve essere ricco di sostanze nutritive, presentare un PH neutro e avere umidità costante. Ecco perché la consolida è diffusa lungo i fossi e nelle zone paludose.
COLTIVAZIONE:
ESPOSIZIONE:

Le piante di consolida desiderano essere poste a dimora in posizione soleggiata; data la profondità raggiunta dalle radici è molto difficile estirpare le piante ambientate.
RIPRODUZIONE:
La riproduzione della consolida avviene per distacco dei polloni che si formano alla base dei cespi. Questa operazione può venir effettuata in ogni stagione eccetto l'inverno.
CRESCITA:
Tra un cespo e il successivo va lasciato almeno un metro di terreno; la messa a dimora delle giovani piantine può venire effettuata in ogni stagione esclusa naturalmente quella invernale.
RACCOLTA:
Le foglie si possono raccogliere a partire dalla piena estate; le radici si estraggono dal terreno in primavera o verso la fine dell'autunno scavando attorno ad esse con una vanga ben appuntita.
CONSERVAZIONE:
Le foglie delle consolida vanno essiccate; le radici vanno pulite, sezionate e quindi anch'esse essiccate.
PROPRIETA':
IN CUCINA:

E' possibile aggiungere le foglie più tenere alle insalate oppure lessarle e cucinarle come fossero spinaci. I gambi vengono sbollentati e serviti come fossero asparagi.
BELLEZZA:
L'infuso delle foglie e delle radici di consolida se viene versato nell'acqua del bagno esercita sulla pelle un'azione calmante ed emolliente.
SALUTE:
Le proprietà di questa erbacea sono molte: essa esercita un'azione calmante, emolliente, cicatrizzante e antiemorragica. Per lenire il fastidio che provocano eczemi e irritazioni della pelle risulta efficace la tintura di consolida. Un cataplasma di foglie di consolida e di altea scottate e poste ancora calde su un'articolazione dolorante o su ulcere varicose croniche risulta spesso efficace. Il cataplasma di farina di radici di consolida ben essiccate, mescolata con acqua caldissima e con alcune gocce d'olio, è invece benefico in caso di distorsioni, dolori articolari e tumefazioni. L'infuso ottenuto ponendo 75 grammi di foglie in mezzo litro d'acqua, lasciato riposare per circa due ore prima dell'assunzione è utile contro la tosse e il catarro. Mentre l'infuso (per il quale si versa dell'acqua bollente sull'erba già posta in una tazza) salvaguarda le proprietà della pianta, le stesse vanno invece perdute in caso di bollitura: dunque niente decotti di consolida. 

Comfrey 

SCIENTIFIC NAME: Symphytum officinale
FAMILY: Borraginacee

DESCRIPTION: this lovely perennial herbaceous that grows wild in wet places, has more protein than any other plant in its leaves. Comfrey leaves also contain potassium, calcium, phosphorus and vitamin A, C and B12 and this is why they are a true treasure of nutrients.

ROOT: comfrey has a taproot that reaches remarkable sizes, also three meters. From this root which has a dark color on its outside, between brown and black, while the inside is white or yellowish, and it is somewhat oily to the touch, getting a brew that acts as an emollient for the skin and it excellent when added to bath water.

STEM: comfrey stems which often reach and sometimes exceed, even if slightly, a meter of height are covered as any other part of the plant by a rough nap, they are hollow, with an almost square section and are branched towards the top.

LEAVES: the leaves of this borraginaceae are lanceolate, which means they are oval towards the base and then considerably become narrow at the tip. They are bright green, folded, rough to the touch and have conspicuous veins.

FLOWERS: in late spring, little bell-shaped flowers appear and are collected in pendulous inflorescences. Their color varies from pink to lilac and from white to white. 

HABITAT: the preferred substrate of this herb must be rich in nutrients, have a neutral pH and have constant humidity. This is why comfrey has spread along ditches and marshlands. 

CULTIVATION

EXPOSURE: comfrey plants like to be planted in sunny positions; given the depth reached by their  roots, it is very difficult to uproot acclimatized plants.

REPRODUCTION: the reproduction of comfrey takes place through the separation of the suckers that grow at  the base of tufts. This operation may be carried out in every season except for winter.

GROWTH: at least one meter of soil must be left between one tuft and the other; the planting of seedlings can be performed in every season except for winter.

PICKING: leaves can be collected from mid-summer; roots must be extracted from the soil in spring or late autumn by digging around them with well sharpened spade.

CONSERVATION: comfrey leaves must be dried; roots are cleaned, cut and dried too.

PROPERTIES

IN THE KITCHEN: it is possible to add the most tender leaves to salads or boil them and cook them as if they were spinach. Stems are boiled and served as if they were asparagus. 

BEAUTY: an infusion of comfrey leaves and roots gives a calming and soothing action on skin if poured in bath water.

HEALTH: this herb has many properties: it performs a calming, soothing, healing and antihemorrhagic action. Comfrey tincture soothes discomfort caused by rashes and skin irritations. Placing a poultice of cooked and still hot comfrey leaves and mallow on a painful joint or on chronic varicose ulcers is often effective. The poultice of well dried comfrey root flour, mixed with really hot water and a few drops of oil, is beneficial in case of sprains, joint pain and swelling. The infusion obtained by placing 75 grams of leaves in half a liter of water, leaving it stand for about two hours before being taken is useful against coughs and catarrh. While the infusion (for which boiling water is poured over the herb already placed in a cup) preserves the properties of the plant, the same are lost in case of boiling: then no comfrey decoction.
HP 

erbe aromatiche