NOME SCIENTIFICO:
Crithmum maritimum
FAMIGLIA:
Ombrellifere
DESCRIZIONE:
Questa erbacea perenne a radice rizomatosa, dai grossi fusti carnosi ramificati e prostrati che gli conferiscono l'aspetto di pianta succulenta, è molto diffusa sui litorali di quasi tutta l'Europa, dell'Asia e dell'America settentrionale. Il critmo, noto anche con altri nomi, è chiamato "erba di san pietro" e "finocchio marino", in comune con il finocchio ha l'appartenenza alla vasta famiglia delle ombrellifere. Per il suo alto valore decorativo, oltre che per le sue proprietà aromatiche, il critmo è una pianta perfetta per giardini situati nelle località marine.
FOGLIE:
Le foglie del critmo, alterne, glabre, coriacee e dalla tipica tonalità glauca, tra il grigio e il verde, sono molto simili in apparenza a quelle delle piante succulente e formano morbidi cuscini ricchi di vegetazione.
FIORI:
Le ombrelle composte da piccoli fiori di colore giallo-verdastro appaiono in estate, tra luglio e settembre
HABITAT:
Il critmo cresce impavido nelle fenditure delle scogliere, sulla sabbia, o in zone sassose interne, sempre però in prossimità del mare.
COLTIVAZIONE:
ESPOSIZIONE:

La posizione prediletta dal critmo marittimo è quella soleggiata.
RIPRODUZIONE:
La moltiplicazione può avvenire per divisione dei cespi, da effettuarsi in primavera; per semina in terriccio leggero, o per talee di punta. Quest'ultimo metodo ha le minori probabilità di successo in quanto le talee vengono facilmente attaccate da micosi.
CRESCITA:
La coltivazione del critmo non presenta particolari difficoltà.
RACCOLTA:
I germogli verde chiaro vanno raccolti prima della fioritura, perché in seguito divengono amari e non più gradevoli.
CONSERVAZIONE:
Le foglie più giovani, dopo essere state lavate e asciugate, vanno conservate in aceto di vino che va cambiato dopo due settimane con dell'altro aceto, in modo che le foglie cedano al primo liquido di salamoia l'eventuale amaro in eccesso.
PROPRIETA':
IN CUCINA:

I sottaceti di critmo conservano appieno l'aroma marino; il loro sapore rievoca dunque nella brutta stagione il sole e l'aria dell'estate.
SALUTE:
Anticamente il critmo era consigliato per favorire la digestione e per aiutare la guarigione dei calcoli ai reni.
CURIOSITA':
Le foglie carnose e coriacee del critmo, coperte da un velo che limita le perdite d'acqua, simili quindi a quelle delle piante che vivono nelle zone desertiche, mostrano la capacità di adattamento delle piante: infatti l'aria salmastra tenderebbe ad assorbire acqua dalle foglie delle piante se queste non avessero escogitato questo valido sistema di difesa.

SCIENTIFIC NAME:
Crithmum maritimum
FAMILY:
Ombeliferrous

DESCRIPTION:
Perennial herb with rhyzome root and thick, fleshy, many-branched stems giving a succulent appearance to this plant found in the hegderows of almost all Europe, Asia and North America. Also known as "st.peter's herb" and "marine fennel", it is typical of the ombeliferrous family. Perfect for gardens at the sea and appreciated not only for its aromatic value but also for its decorative value.

FOLIAGE:
Alternate, glabrous, coriaceous with their typical glaucous colour, between grey and green. forming a soft vegetative cushion.

FLOWERS:
Small, yellow green bunches appear in summer between July and September.

HABITAT:
Grows undaunted in crevaces, in the sand and rocky areas near the sea.

CULTIVATION:
EXPOSITION:
Sunny areas near the sea.

REPRODUCTION:

Divide clumps in spring or sow in light soil or by talea, but the latter is unadviseable because of mychosis.

GROWTH:
No particular difficulty encountered.

HARVEST:
Light green shoots should be picked before flowering when they become bitter and unpleasant.

STORAGE:

Tender leaves should be placed in wine vinegar,which is changed every two weeks so that they lose their excessive bitter taste.

USAGE:
CULINARY USAGE :

Pickling crythmum preserves its marine aroma and evokes an idea of full summer during the long days of winter.

HEALTH:
It was once recommended to help digestion and cure kidney stones.


CURIOSITIES:
Fleshy leaves covered by a thin skin, retain water and are similar to those found in the desert, showing great adaptability.


  HP  erbe aromatiche