NOME SCIENTIFICO:
Capparis spinosa, cappero
FAMIGLIA:
Capparidacee
DESCRIZIONE:
Il cappero è una perenne suffruticosa spontanea o inselvatichita su rocce e muri delle coste mediterranee; è di notevole valore decorativo per il suo portamento ricadente, per i cespi compatti e per i grandi fiori bianchi.
FUSTO:
I fusti del cappero legnosi alla base ed erbacei nella parte superiore sono semplici o ramificati, raggiungono anche i tre metri di lunghezza e conferiscono alla pianta il suo tipico e affascinante aspetto.
FOGLIE:
Sempreverdi, di forma ovale rotondeggiante, a margine intero, di un bel verde lucido e intenso, le foglie contribuiscono a far del cappero una valida pianta ornamentale.
FIORI:
I fiori del Capparis spinosa, profumati e appariscenti, sono abbastanza grandi, misurano circa 5 centimetri di diametro, bianchi o rosati hanno al centro numerosi e lunghi stami purpurei. La fioritura è molto prolungata: da maggio a settembre si formano bottoni floreali ad ogni ascella fogliare. I boccioli, raccolti quando non sono ancora schiusi, poi conservati sotto sale o in salamoia, sono molto apprezzati in gastronomia
HABITAT:
Il cappero è spontaneo lungo le coste del Mediterraneo, e nelle zone tropicali e subtropicali; predilige un substrato povero, sabbioso, ricco di calce e dotato di un buon drenaggio. COLTIVAZIONE:
Questa pianta è piuttosto difficile da coltivare non perché sia esigente, ma perché per farla germogliare o attecchire è necessario riprodurre esattamente le sue condizioni naturali.
ESPOSIZIONE:
I capperi amano il sole e desiderano una posizione riparata: ottimi i muri rivolti a sud.
RIPRODUZIONE:
La talea semilegnosa, staccata dalla pianta madre, va fatta radicare in serra; se si intende procedere alla semina conviene tenere i semi a bagno per un giorno e una notte, poi impastarli con del terriccio e inserirli in una fenditura di un muro o della roccia.
CRESCITA:
Una volta riuscito l'attecchimento, la crescita del cappero non presenta alcun problema; chi desidera ottenere molti fiori è bene esegua una decisa potatura di tutti i rami, in quanto solo i getti nuovi portano i bottoni floreali.
RACCOLTA:
La raccolta dei capperi è scalare: la pianta crescendo emette sempre nuovi bottoni floreali, sferici, verdastri e aromatici, dei quali i più piccoli e tondi sono ritenuti particolarmente pregiati.
CONSERVAZIONE:
I boccioli una volta lavati van posti per qualche giorno sotto sale e pressati: il liquido che ne fuoriesce va eliminato, quindi si conservano sia sott'aceto che sotto sale.
PROPRIETA':
I
N CUCINA:
Infinite sono le ricette della cucina mediterranea che contemplano l'uso dei capperi, con acciughe e aglio essi non dovrebbero mai mancare in cucina, perché sono in grado di aggiungere sapore a molte vivande. I migliori capperi italiani pare siano quelli prodotti nelle isole Eolie.
SALUTE:
La corteccia delle radici ha notevoli proprietà diuretiche, i boccioli contengono sostanze dotate di proprietà toniche e digestive.

SCIENTIFIC NAME:
Capparis spinosa, cappero
FAMILY:
Capparidacea
DESCRIPTION:
A spontaneous perennial plant growing on rocks along the Mediterranean coast, of great decorative value due to its compact overhanging clumps and large white flowers.
TRUNK:
Woody based stem and a herbaceous upper part, often 3 metres in length, gives the plant its characterisitc and attractice aspect.
 

FOLIAGE:
Evergreen, oval or rounded, straight edged and shiny, intense and green coloured, these leaves contribute to make this a valid ornamental plant..

FLOWERS:

Bright, perfumed, white or pale pink flowers of the Capparis spinosa are rather large with numerous long purple central stamens. Flowering is prolonged and from May to September continual floral buttons are formed. Pick unopened buds. Conserve under salt or in brine. Highly appreciated in gastronomy.

HABITAT:
Capers grow spnotaneously along the Mediterranean coast and in tropical and sub-tropical zones. Prefers a poor, sandy sublayer of earth, rich in calcium and well-drained.

CULTIVATION:
Difficult to cultivate because germination requires natural conditions.

EXPOSITION:
Capers like sun and need sheltered positions, especially south-facing walls.

REPRODUCTION:

Semi-woody talea from the mother plant should root in greenhouses. To sow seeds,soak for 24 hours then mix with earth and plant in cracks in walls or rocks.

GROWTH:
Once the plant grows no problems exist. To obtain more flowers prune well. Only new shoots produce capers.

HARVEST:
The harvesting of these highly apprteciated round, green aromatic flowering buttons is continual.

STORAGE:
Once washed, place under salt for some days and squash. Eliminate liquid and store in vinegar or under salt.


USAGE:
CULINARY USAGE :
Numerous Mediterranean recipes require the use of capers, which,together with anchovies and garlic, should always be present in the kitchen, adding taste to many dishes. The best Italian capers come from the Eolian islands.

HEALTH:
The covering of the roots is highly diuretic, buds are used as a tonic and digestive.

  HP  erbe aromatiche