NOME SCIENTIFICO:
Ocinum Basilicum
FAMIGLIA:
Laminacee
DESCRIZIONE:
Pianta annuale,erbacea e talvolta arbustiva
FUSTO:
Eretto, ramificato in alto, cresce a cespugli frondosi alti 40 - 50 cm.
FOGLIE:
Di colore verde brillante e piuttosto carnose, sono ovali con i margini dentellati; la superficie è glabra e lucida, talvolta bollosa.
FIORI:Piccoli, profumati con i boccioli biancastri, in mazzi circolari di sei, posti al di sopra di una coppia di piccole foglie; la corolla è di colore biancastro o rosa; fioriscono a tarda estate.
FRUTTI:I semi sono lunghi 1 mm, di colore marrone scuro contenuti a gruppi di quattro nelle corolle dei fiori. HABITAT:
Originaria di paesi tropicali come Asia ed Africa, la pianta fu importata dai Romani. Per la sua origine tropicale è sempre coltivata e non si naturalizza mai. E’ perenne nelle regioni sub-tropicali.
COLTIVAZIONE:
ESPOSIZIONE:
Soleggiata/ l’esposizione in piena luce, aumentando la traspirazione, aumenta la “forza” del suo profumo. Proteggere dal vento, gelo e sole meridiano bruciante.
RIPRODUZIONE:
Seminare preferibilmente da Febbraio - Marzo (quando la temperatura non scende più sotto i 10 - 12 °C) in luoghi riparati; passato il rischio del gelo, o comunque quando le piante hanno emesso 4 - 5 foglie, trapiantare in vasi o terreno a 30 cm di distanza l’una dall’altra.
CRESCITA:
La pianta ha esigenza continua di elementi fertilizzanti e umidità nel terreno, che però non va innaffiato troppo in quanto le piantine sono soggette a marciume: bagnare a mezzogiorno, non di sera: spruzzare le foglie con acqua calda. Si coltiva bene in casa.
RACCOLTA:
Le foglie si raccolgono da Maggio a Settembre, mano a mano che raggiungono la loro massima dimensione, recidendole alla loro inserzione sul fusto. Le sommità fiorite si raccolgono in Luglio - Settembre, tagliando il fusto con le forbici, due o tre foglie al di sotto dell’inflorescenza; per prolungare la fase vegetativa della pianta sopprimere le inflorescenze mano a mano che si formano.
CONSERVAZIONE:
Congelare o essiccare le foglie in luogo ben aerato e in ombra (da evitare accuratamente il sole). Prima di congelare, pennellare i due lati con olio d’oliva. Conservare le foglie intere in olio d’oliva con sale in vasi di vetro o porcellana al riparo da luce ed umidità. Conservare sott’olio o aceto.
PROPRIETA':
Digestive, antispasmodiche, aromatiche, antinfiammatorie.
IN CUCINA: Indispensabile nei piatti mediterranei. Si addice molto bene a pomodori, zucche, zucchini, Fagioli, funghi, insalate di riso; il suo aroma è abbastanza forte da competere con l’aglio, e insieme formano la classica salsa genovese “al pesto”. La foglia fresca ha un profumo dolce ottima per esaltare il sapore dei pomodori freschi e dell’olio d’oliva. La cottura ne esalta il gusto forte; largamente usato anche nella preparazione di conserve e liquori.
BELLEZZA:
L’infuso fresco di foglie e fiori di Basilico è ottimo per un bagno ristoratore.
SALUTE:
Usato nella pratica erboristica per stimolare i processi digestivi e per attenuare i crampi allo stomaco sottoforma di decotto. Se lasciato a macerare nel vino per qualche ora, risulta un ottimo tonico; l’olio essenziale di basilico alleggerisce la fatica mentale.
CURIOSITA':
Il Basilico è una pianta aromatica originaria delle zone calde dell’Asia e dell’Africa. Il nome deriva dal greco “Basilikòs”, che significa “regale”, ad indicare che questa era già considerata nell’antichità come la “regina delle erbe”. Racconti leggendari descrivono la tomba di Cristo Risorto arricchita da numerose piantine di Basilico, che ancora oggi vengono disposte ad ornare gli altari delle chiese ortodosse..Largamente utilizzata in cucina per aromatizzare pietanze o conserve, il Basilico si racconta abbia anche altri poteri: considerata un potente talismano, i contadini messicani portavano sempre qualche foglia con sé per “attirare” il denaro o ancora per attirare la persona amata: la pianta era sacra alla dea dell’amore. Altra proprietà particolare del Basilico è quella di tenere lontane le mosche: per questo motivo si usa collocare i vasi di questa pianta sui davanzali delle finestre.

SCIENTIFIC NAME :
Ocinum Basilicum
FAMILY:
Laminacee
DESCRIPTION:
Annual herbaceous plant or shrub

TRUNK:

Straight, high branched trunks growing luxuriant bushes, 40-50 cms. high.
FOLIAGE:
Bright green, fleshy oval and slightly dented leaves. Smooth shiny upper part, often pimply.
FLOWERS:Small, perfumed, whitish buds in bunches of six, placed above two leaves. Pinkish-white corolla, flowering in late summer.
 

FRUITS:1 mm. long dark brown seeds in groups of 4 in the corolla.

HABITAT:
Imported by the Romans from the tropical countries of Asia and Africa. Does not grow spontaneously. Perennial in sub- tropical regions.

CULTIVATION:
EXPOSITION:
Sunny and full- light increases transpiration, intensifying perfume. Protect from wind, frost and burning midday sun.
 

REPRODUCTION:
Transplant into vases or earth leaving 30 cms. distance between each plant when risk of frost has diminished and 4 or 5 leaves have appeared.


GROWTH:
Earth requires continual fertiliser and humidity but not excessive watering to avoid rotting. Midday watering, not at night. Spray leaves with warm water. Grows well indoors.


HARVEST:
Pick from May to September when maximum size is reached, cutting directly from trunk. Flowering tips are collected from July to September using pruning shears, just 2 or 3 leaves below the inflorescence. To prolong the plant's life inflorescents should be picked as they mature.
 

STORAGE:
Digestive, antispasmodic, aromatic, anti- inflammatory.

USAGE:
Freeze or dry in well- aired or shady places (avoid sun at all costs). Brush both sides with olive oil away from light and humidity. Conserve under oil or vinegar.
CULINARY USAGE :
Indespesible in Mediterranean dishes. Goes well with tomatoes, pumpkin, courgettes, green beans, mushrooms and rice salad. Can easily compete with garlic, the pair forming the classical Genoese sauce " pesto". Fresh leaves have a sweet smell which intensifies the taste of the fresh tomatoes and olive oil. Cooking enhances the taste. Widely used in the preparation of conserves and liqueurs.
BEAUTY:
A fresh infusion of flowers and leaves offers a refreshing bath.
 

HEALTH:
Used as a decoction to stimulate digestin and iminish stomach cramps. An excellent tonic is produced by soaking leaves in wine for some hours. Essence alleviates mental fatigue.

MYTHS AND LEGENDS :
An aromatic plant originally form the hot areas of Asia and Africa, it took its name from the Greek "basilikos", meaning "royal", and a claim to being the "queen of the herbs". Legend tells of the numerous basil plants around Jesus's tomb and even today they can be found on the altars of Orthadox Churches. Widely used in cooking to give aroma to dishes and conserves. Considered a potent talisman by Mexican farmers who carry its leaves to attract money of a desired lover. Plant was sacred to the goddess of love. Keeps flies at a distance and is therefore often planted on window-sills.

  HP   erbe aromatiche