NOME SCIENTIFICO:
Artemisia species, atemisia assenzio
FAMIGLIA:
Composite
DESCRIZIONE:
Al genere artemisia appartengono diverse piante erbacee o arbustacee perenni rustiche, dotate di radici rizomatose e ramificate da cui si sviluppa una rosetta di foglie grigio verdi. Da questa si innalzano i fusti, spesso alti più di un metro, quelli fioriferi portano capolini gialli riuniti in pannocchie. L'artemisia contiene i principi attivi nelle foglie e nelle cime fiorite ed è molto usata per aromatizzare i liquori, tra cui il vermut, vino liquoroso dal gradevole gusto amaro e tonico il cui caratteristico sapore è dovuto proprio all'Artemisia absinthium, comunemente detta assenzio.
FUSTO:
I fusti fioriferi dell'Artemisia absinthium e dell'artemisia vulgaris, eretti e vellutati, raggiungono il metro e mezzo d'altezza e talora lo superano; alcuni portano in cima i fiori, altri no, tutti sono ricoperti di fitti peluzzi biancastri. L'Artemisia genepì pianta alpestre, ha un breve fusto già lignificato e ramificato alla base, per cui forma un cespo basso e compatto.
FOGLIE:
Le foglie delle artemisie, sempre eleganti, sono dentellate e simili per forma a quelle del prezzemolo o del crisantemo, o filiformi e profondamente divise. Di colore grigio verde o grigio chiaro, esse sono coperte di fini peli setosi per cui hanno un aspetto argenteo e vellutato; quelle che nascono sulla parte più alta dei fusti hanno forma più semplice e sono prive di picciolo.
FIORI: Riuniti in infiorescenze globose o a pannocchia, i piccoli fiori poco appariscenti, di diversi toni di giallo, sbocciano in estate.
HABITAT:
Sono molte le specie di artemisia presenti allo stato spontaneo in Italia, alcune amano vivere lungo le coste marine, altre nei pressi dei casolari abbandonati o lungo le scarpate ferroviarie, altre ancora nelle regioni alpine, ove sono presenti fino a oltre 3000 metri d'altitudine. In generale le artemisie amano i terreni calcarei, leggeri, non argillosi.
COLTIVAZIONE:
ESPOSIZIONE:
Tutte le artemisie amano una posizione soleggiata e riparata. L'Artemisia camphorata, per il portamento nano, la resistenza alla siccità e l'intenso quanto gradevole profumo è perfetta per il giardino roccioso.
RIPRODUZIONE:
Chi desidera procedere alla semina deve effettuarla in autunno; chi preferisce affidarsi alle talee deve staccare un pezzo di fusto legnoso dalla pianta madre in estate. Un altro metodo di riproduzione consiste nel preparare margotte semilegnose in agosto.
CRESCITA:
La coltivazione delle artemisie non richiede cure particolari: è sufficiente cercare di rievocare le condizioni naturali. La coltivazione in vaso non è consigliabile in quanto l'artemisia risulta poco adattabile a tale situazione.
RACCOLTA:
Il momento in cui vanno raccolte le parti della pianta contenenti i principi attivi, cioè foglie e cime fiorite, è la tarda estate.
CONSERVAZIONE:
Le foglie e le sommità fiorite si essiccano in luogo ombroso e ventilato.
PROPRIETA':
IN CUCINA:
L'Artemisia abrotanum, comunemente chiamata abrotano, arbusto perenne alto circa un metro, dai fusti rossastri, benché poco usata in gastronomia, ha un aroma che accompagna gradevolmente le carni, in particolare quelle di maiale. Più diffuso è l'uso domestico di quest'erba: le cui foglie essiccate, per il loro aroma intenso, sono un ingrediente dei pot-pourri e un insettifugo efficace.
SALUTE:
T ra le erbe di questa famiglia è l'Artemisia absinthium, l'assenzio, che ha maggiori poteri curativi, agisce come stimolante, digestivo, vermifugo, ristabilisce inoltre il flusso mestruale, ma è anche fortemente tossico, per cui se ne consiglia l'impiego solo secondo prescrizione e sotto controllo medico.
CURIOSITA':
Irrorando generosamente le piante da frutto e le erbe dell'orto con un'infusione, lasciata a macerare per qualche giorno, di acqua e assenzio si osserverà una notevole riduzione dei parassiti dei bruchi e degli afidi e si potrà così evitare di ricorrere ai pesticidi.

SCIENTIFIC NAME :
Artemisia species, atemisia assenzio, abrotano genepl
FAMILY:
Composite
DESCRIPTION:
Different herbaceous plants and perfumed rustic bushes are included in the artemisia genus, with rhyzomes and branched roots from which develop a rose of grey-green leaves and a trunk of more than a metre high. Yellow flowers are grouped on a cob. Artemisia leaves and flowering tips contain the active ingredients for liqueurs including vermouth, aromatic wines and tonics with their characteristic taste of the artemisia absinthium or absinth.


TRUNK:

The straight velvety flowering stem of these plants reach more than 1 metre in height. Not all have flowers but they do have a thick covering of white hairs. The alpine variety has a short woody stemmed base forming a low compact bush.
 

FOLIAGE:
Elegant,dentated leaves similar to those of the parsely and chrysantheum plants and are either filoform or deeply divided. Greyish-green or light grey in colour, they are covered by fine, silky hairs, creating the silver, velvety aspect. Those at the top of the stem are simple in form without a stalk.
FLOWERS: Grouped together in a cob, these small yellow flowers blossom in summer.

HABITAT:
Grows spontaneously in Italy, some varieties preferring the coast and others abandoned houses, railway banks or the alpine regions up to 3000 metres. Prefers calceous, fine, clay earth.

CULTIVATION:
EXPOSITION:
All vaieties prefer sunny, sheltered positions. Artemisia camphorata, a miniature plant, resists drought and is perfect for rock gardens with its intense perfume.
 

REPRODUCTION:
Sow in autumn or break off a piece of wody stem from the mother plant in summer.Semi-woody margotte can be prepared in August.

GROWTH:
No particular care needed. It is sufficient to reproduce the natural conditions. Growth in vases in not recommended.

HARVEST: Late summer is the best time to pick all parts of this plant for maximum quality.

STORAGE:
Dry leaves and flowers in well-aired shady areas.

USAGE:
CULINARY USAGE:
The perennial Artemisia abrotanum or abrotano, about 1 metre high, has a reddish stem but is little used in the kitchen but its pleasant aroma accompanies meats and especially pork. Domestic use of this plant consists of dried leaves used in the intense aroma of pot-pourri,as well as an insecticide.

HEALTH:
The absinth plant has the most curative properties acting as a stimulant, digestive and vermifuge, re-establishing the menstral cycle but it is highly toxic and it is wise to follow medical instructions.


MYTHS AND LEGENDS :
Fruit plants and herbs watered well with an infusion of absinth and water greatly reduces parasites avoiding the use of pesticides.

HPerbe aromatiche