CHLOROPHITUM

Scientific name: Chlorophytum elatum variegatum (synonimous Phalangium elatum variegatum)

Family: Lily family

Place of origin: South Africa

Description: The narrow and long leaves of Phalangium plants, are arranged in a rose-like pattern and form thick stalks. Phalangium plants are appreciated for their elegance and undeniable strength. Phalangium comosum boasts leaves of deep green colour; the Phalangium elatum variegatum (synonimous of Chlorophytum alatum variegatum) boasts leaves with edges or central strip in ivory colour.

Cultivation: Definitely light exposure but away from solar rays, the sub-layer must always be tuned and soft, so as to renew every year, while humidity in the environment guarantees flourishing plants. With regards to temperature, the Phalangium also adapts to remarkable changes, but must be kept away from frost. Manuring must take place once a month during the winter, and twice during the vegetative period.

Reproduction: Reproduction is very easy, and it takes place by placing stolons in water (or universal soil), which are the leaves that develop from the mother plant.

CLOROFITO  (FALANGIO)

Nome scientifico:  Chlorophytum elatum variegatum   (sininimo Phalangium elatum variegatum)

Famiglia: Liliacee

Luogo d'origine: Sud Africa

Descrizione: Le foglie strette e allungate dei falangi, lunghe anche mezzo metro, son disposte a rosetta e formano densi cespi. I Falangi sono apprezzati sia per l'elegante portamento ricadente sia per l'innegabile vigore.
Il Phalangium comosum ha foglie di color verde intenso; il Phalangium elatum variegatum (sinonimo Chlorophytum alatum variegatum) ha foglie con il margine, oppure la striscia centrale, color avorio.

Coltivazione: Una esposizione decisamente luminosa ma al riparo dai raggi solari, un substrato mantenuto sempre smosso e soffice, perciò da rinnovare ogni anno, una certa umidità nell'ambiente garantiranno piante rigogliose. Per quanto riguarda la temperatura il Falangio si adatta anche a sbalzi notevoli, ma teme il gelo. La concimazione va effettuata una volta al mese durante il periodo invernale, due volte durante il periodo vegetativo.

Moltiplicazione: La riproduzione è semplicissima in quanto basta porre in acqua (o in terriccio universale) gli stoloni, cioè i figliolini che si sviluppano dalla pianta madre.


  HP