BIZANTINUM - BIZANTINO

MUSLIM - MUSULMANO

ITALIAN - ITALIANO

FRENCH  -  FRANCESE

E-mail

 

 

 

BIZANTINUM
BIZANTINO

MUSLIM
 MUSULMANO

ITALIAN
ITALIANO

FRENCH
FRANCESE

With this name we aim to define the first eight centuries of our epoch. It is clear that for the first four centuries ancient Rome yet again imposed its decorative forms characterised by sobriety and austerity whilst under Justinian the Muslim influence made itself felt with its pompous ostentation and richness intended to be the complete exterior show of power. The fabrics of this period contain traces of ancient and Christian decoration, recalling that of Sassanian Persia and the Oriental influence on the West.

Con questa denominazione definiamo i primi otto secoli della nostra era sottolineando che per i primi quattro,l’antichità romana impose ancora le sue forme decorative caratterizate dalla sobrietà e dall’austerità mentre in seguito, sotto Giustiniano, l’influenza musulmana si fece sempre più sentire con una pomposa ostentazione della ricchezza intesa come il più completo marchio esteriore della potenza. Nei tessuti di questo periodo si ritrovano tracce dell’antico decoro e di quello cristiano, ricordi della Persia Sassanide ed influenze dell’Oriente sull’Occidente.

COPTIC FABRICS

PERIODO: From I to VIII century AD

DESCRIPTION: Generally the decoration is found enclosed in a geometric form- circles, squares, rhombuses, placed along a rigid horizontal or vertical line including hares, cheetahs, lions, mythological figures and athletes, represented in a realistic way and in movement. Another type contains a striped geometric pattern, zigzag or plaited with an ecru thread on a black or purple background. The decoration may be divided into five categories: -Indigenous -Inspired by Ancient Rome -Inspired by the Byzantine -Inspired by the Sassanide -Of Islamic influence

TECHNIQUE: Decoration obtained by use of a chain where the weave is only used to tie the threads. Fibres used: wool, linen and hemp.

ORIGIN: The material of the Egyptian slaves has been given the name of Coptic Fabrics in honour of the Monophysitic Christians still living in Abyssinia today. During the first excavations, experts decided that the necropolis uncovered was Coptic, thereby giving its name to the fabric. This name also includes material dating back to before Christianity, clearly of Muslim influence.

TESSUTI COPTI

PERIODO: Dal I al VIII secolo d.C.

DESCRIZIONE: In generale il decoro si trova racchiuso in un una forma geometrica 
- cerchio, quadrato, losanga, disposta su linee rigide orizzontali o verticali ed è costituito da lepri, ghepardi, leoni, figure mitologiche ed atleti, rappresentati in modo realistico ed in movimento. Altra tipologia è un motivo geometrico a righe, a zig-zag o a treccia, realizzato da un filo écru su fondo nero o porpora. Il decoro si può dividere in cinque categorie: 
- indigeno; 
- di ispirazione antico romana;
- di ispirazione bizantina; 
- di ispirazione sassanide; 
- di influenza islamica

TECNICA: Decoro realizzato per effetto di catena dove la trama lavora solo per legatura dei fili. Fibre usate: lana. lino e canapa.

ORIGINE: L’uso ha consacrato alle stoffe degli scavi egiziani la denominazioni di Tessuti Copti, monofisiti cristiani ancor oggi esistenti in Abissinia. Al momento delle prime scoperte, gli esperti decisero che la necropoli scavata era copta: da qui il nome dato ai tessuti. Si ricorda tuttavia che con questo nome si comprendono anche tessuti di tipologia anteriore al cristianesimo come altri manifestamente musulmani.

BIZANTINUM - BIZANTINO

MUSLIM - MUSULMANO

ITALIAN - ITALIANO

FRENCH - FRANCESE

.