Architettura Armena - Introduzione

 

 

 

 

 

 

 

This type of “refusal” to accept contacts and suggestions from a nearby and dangerous power that might have been Byzantium is not surprising but is rather seen as a model that threatens both political and cultural survival.

Even if there is a lack of testimonies of pre-Christian art, the links with the west are evident in particular with the Greek-Roman world: think of the temples, the mosaics in the “thermal baths” (III century A.D.) and the inscriptions in the Greek language at Garni, the large tomb stones dedicated to Trajan, probably the frontispiece of another temple (Everan museum), the jewellery (the two rythons of Arin-berd V-III century B.C. of which one is decidedly of Sassanide style, the other of a provincial style and a definite Greek influence).

Tradition recalls the presence of temples and fire altars, linked to the Iran-Mazdeistic cult. Once again a presence and alternation of referrals towards both the east and the west.

A more punctual discussion may be held for the Christian period but it is certainly not possible in this essay to try to resolve the problem. We will limit ourselves to offer some aspects that appear particularly interesting.

Initially the building system remained constant and repeated itself in the size and thickness of the blocks in the different phases of Armenian architecture. The walls were built with a double parameter of stone blocks (more often tuff or basalt used mainly in the skirting), perfectly smooth on the outside, within which a mixture of broken stone and a type of cement was poured. The same procedure was used for the barrel vaults (cross-vaults do not exist in Armenia) and domes. This building technique is directly linked to that type of Roman world, in each case profoundly breaking away from the Syriac influence with its use of large stone blocks placed side by side and the Trylithic system was preferred with its architrave and rare, covered arches. The “Byzantine” method of construction was different in its use of both stone and bricks (practically unknown in Armenia) but with the typical traditional technique and much lighter and more elastic materials. The compact Armenian walls during the period of construction act as a pushing structure, immediately becoming monolithic, in this way impressing the idea following a material, technological aspect of certain “principled” choices (architecture as a sign of man) that is everlasting, overcoming death that leans towards “eternity”). The use of these heavy walls brought to Armenia a series of static devices that also became unique and characteristic elements such as the use of triangular, framed niches in the façade (the so-called buttress-niches) that brightened the courts, sustaining and underlining the compactness with elements of external volume the more complex internal articulation of apses and hewn stone. These “sabre-cut”, corners cut into the stone of smooth walls at first only on the east front but then in the north and south, became important architectonic elements that were completely unknown in the neighbouring countries (with the exception of the nearby Georgia).

Nearer to the Byzantine tradition is the lightening of certain parts of the vaults with the insertion of empty amphorae such as in Tanaat, Orotnavank’ even if this is a very different procedure from the typical Byzantine “clay vases” placed one next to the other in overlapping concentric rows. The system of the emptying of the inert walls of the vaults by means of a play on the overlapping of arches and half-vats is more sophisticated,…(in the basilica of Eghvard or in Ptghni are examples of Pre-Arabian times) that could find, however, a significant similarity in the same type of device used in the Po valley/Roman architecture (such as in San Michele in Pavia, reference to the account by Peroni of the IV International Symposium of Armenian Art, Erevan 1985, currently being printed). More problematic and even scarcely studied (Alpage-Novello, “Armenische Monumente im Iranischen Aserbaidchan”, in Acts II International Symposium of Armenian Art II, Everan 1978 pages 200) is the use of amphorae as resounding vases to improve the acoustics of the Gharahagh and Fanai churches in north Iran even if in Byzantium there are rare examples of this kind of architecture (Santa Maria Pammakaristos).

In each case these “refined techniques” logically enter into the interests of a mathematical/scientific type that are at the base of Armenian architectonic choices.

By going into more detail and proceeding with the chronological and typical references without repetition, trying to solve such a rich and complex problem, we will attempt to explain the east west relationship in Armenian architecture in its early period (Paleo-Christian or pre-Arabian V-VII centuries), in the second (Armenian Renaissance X-XIV centuries) and finally the late period (XV-XVIII centuries). Among the oldest Christian buildings should be remembered the tombs such as those in Aghts with their cruciform shape, barrel vaults, arched niches for the sarcophagi, access “dromos” similar to the same type of pagan or IV-V century Christian Syriac tombs. Naturally, the most typical architectonic formula during this period was the Basilica but it is better to stress the substantial difference between the “Hellenistic” example (San Giovanni di Studio in Constantinople or San Demetrio in Salonicco) and the Armenian structures. In the first case this is a light construction divided by columns with three or five naves, [façade- capanna spezzata],  trussed ceilings, large windows, rich mosaic decorations even if the outsides were usually bare and poor.

The basilica in Armenia has vaults, the internal space being enclosed in heavy walls and divided by robust pillars, usually with poor lighting and with a ceiling with two pitches or a [capanna appena accentuata]. Essentially there is a total difference between this type of “Hellenistic” basilica that may be defined “oriental” and that eventually finds possible points of contact in Mesopotamian examples, the anchor of traditional Sasanian construction (Reuther, “Sasanian Christian churches”, in Survey of Persian Art, Oxford 1938, pages 560 566) and in the later examples in the area of the actual Georgia (Bolsini, “Basiliche a tre chiese”). Often an entrance was opened in the southern façade, in this way obtaining an annulment  of the prospective and rhythmic effect of the longitudinal plan of the Basilica to propose instead a search for a “centralized” type of spatiality.

More often there has been talk of the precise contact between the Basilicas of Syria and Armenia. In particular with regard to the well-known example of Ereruk: the façade enclosed by towers at Qalb-loze, Dier Turmanin, Ruweiha to which one should add the (practically inedited) basilica of Deir Soleib (north Syria) with lateral entrances marked by a sort of porch, the large windows of the naves highlighted by “omega” frames or linked to “Syriac bands” or continual decorative strips. The hypotheses about the roof at Ereruk are diverse (see Alpago Novello with regard to this, “the basilica of Ereruk, critical notes”, in Documenti di Architectura Armena  9, Milan 1977) strongly proposing a visit to this building rather than the native Armenian examples of an “oriental” type such as in Tzitzernavank, Ashtarak and Aparan-K’asagh, limiting the Syriac influence on the elements and decoration.

The baptistery did not exist in Armenia as an autonomous building in the archaic period as it did in the vast “Byzantine” area. There are, however, numerous baptisteries in North Syria with their characteristic square plan surmounted by pyramid-shaped roofs. The rites of baptism were administered by the sprinkling of water at first in the portable fonts (with the exception of uncertain dated examples of the basilica of Ashtarak and Zivart’nots) then in modest-sized stone baths that today are four-lobed, cruciform, often with down-winding staircases and placed in niches near the apse at the end of the northern nave.

It should be remembered that western Medieval baptisteries are usually autonomous buildings, octagonal in shape with baths of the same shape.

Of direct derivation from the Basilica formula is a type that is particularly original for Armenia or rather the solution of the “domed hall” (Strzygowski’s kuppelhalle), a result of the search for spatial unification typical of Armenian architecture. In reality, by flanking and imposing the intermediate supports to the enclosing walls, a room of unusual homogeneity was created, organising the space according to a more central axis rather than a longitudinal one (Ptghni, Talin, Arudj: see Zarian, “Formazione e sviluppo della sala a cupola”, in Carb, XX, Ravenna 1973, pages 467-481).

With this in mind it is easy to understand how the centralizing schemes are those most used in Armenian religious architecture of this early period with a numerous series of variants: octagonal as in Zoravor – VII century – (a formula most used both in the west and the late Roman period, mausoleums that were used in the Christian period for baptisteries); hexagons such as in Aragatz, VII century at Ani, IX century; very rare in Europe, (Baptistery in Varese), certainly not frequent in the Byzantine area, Sant’Eufemia in Constantinople, beginning of the V century; monastery of Daou Pendeli in Attica, V century, more common in Georgia, Kumardo, IX century; Nikortzminda, XI century, quadriconchi, such as Mastarà and Art’ik, VII century (a common plan even in the west, in Medieval and Romanic times). A particular variant elaborated under the profile of internal articulation is the tetraconch type with perforated apses that expand in an enveloping peribolos generating an effect of spatiality that tends to dilate and expand ad infinitum. This is an architecture that may be found in the west (San Lorenzo in Milan, IV century; San Vitale in Ravenna, VI century) in Constantinople (San Sergio e Bacco, VI century) in the east (Resafa, Seleucia Pieria) and in Armenia (Zvart’nots, VII century, as well as a later  example in Ani, XI century).

This wide area of diffusion and, above all, the architectonic characteristics (columned diaphragm, search for an identification of the  internal room, light-shade, pictorial effects) did not appear congenial to the Armenian taste, rather a direct link to the choices of the Byzantine world (however, the consignor and perhaps even the creator of Zvart’nots, the catholicos Nerses, were pro-Byzantine).

This autochthon idea, found only in the area of the nearby Georgia, is a tetraconch enclosed in a rectangle with four corner rooms joined to the central dome by means of greater semi-circular “winding” passages . This architecture, represented in Armenia in Avan, VI-VII centuries and in Hripsimé, 618 and in Georgia in Djvari , end of the VI century, are particularly significant in their richness of rigidly controlled internal volumes with precise axes of symmetry and characterised by a “sharpness” and a crystal purity of form that may be found in an extremely elementary roof determined by the combination and overlapping of elementary values. There has been much discussion to find possible assonances for this type of building both in the possible Roman precedents (think of the series of “small temples” revealed by Montano) and in the vanished city of Constantinople. However, it seems rather dangerous to offer these hypotheses basing them above all on planimetrical designs, a possible dependency on these examples may be found in the so-called “octagonal” types of the Greek Byzantine school both on the mainland (Dafni, Hosios Lukas, XI century) and on the islands (Chios).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

HP

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E-mail

 

  

 

HP

E non sorprende certo questa sorta di “rifiuto” nell’accettare contatti e suggerimenti da un vicino potente e pericoloso come poteva essere Bisanzio, visto piuttosto che modello come minaccia sia per la sopravvivenza politica che culturale.

Anche se sostanzialmente mancano o sono molto scarse le testimonianze dell’arte precristiana, tuttavia i legami con l’occidente risultano abbastanza evidenti in particolare col mondo ellenistico-romano: si pensi al tempio, ai mosaici delle “terme” (III secolo d.c.) e alle iscrizioni in lingua greca di Garnì, alla grande lapide dedicatoria a Traiano, probabilmente da un frontone di un altro tempio, (al Museo di Erevan), agli oggetti di oreficeria, (per esempio ai due rython da Arin-berd, V-III secolo a.C., di cui uno nettamente di gusto sassanide, l’altro, pur di fattura provinciale, decisamente d’influenza ellenistica).

La tradizione poi ci ricorda la presenza di templi e altari del fuoco, legati al culto iranico-mazdeista. Dunque ancora una volta compresenze e alternanze di riferimento sia verso oriente che verso occidente.

Un discorso più puntuale si può fare per il periodo cristiano, ma non è certo possibile nell’ambito di questo saggio tentare di esaurire il problema: ci si limiterà solo a segnalare alcuni aspetti che paiono particolarmente illuminanti.

Innanzitutto il sistema costruttivo si mantiene costante e si ripete, pur con variazioni, soprattutto della dimensione e dello spessore dei blocchi, nelle diverse stagioni dell’architettura armena. Le strutture murarie vengono realizzate con un doppio parametro di conci di pietra (più spesso tufo, o basalti, soprattutto nella zoccolatura), perfettamente levigati all’esterno, entro cui si getta un impasto di pietrame spezzato e conglomerato di tipo cementizio. Con lo stesso procedimento si realizzano volte (a botte; non esiste praticamente in Armenia la volta a crociera) e cupole. Si tratta di una tecnica costruttiva che pare riallacciarsi direttamente a quella tipica del mondo romano, in ogni caso profondamente distaccandosi per esempio dall’ambito siriaco, dove si usa la pietra, ma a grossi blocchi accostati, a secco, e dove è prediletto il sistema trilitico, architravato, ed archi e calotte sono abbastanza rari. Diversissimo pure è il modo di costruire “bizantino”, dove si usa sia la pietra che il mattone (praticamente sconosciuto in Armenia), ma con una tecnica di tipo tradizionale e con apparati molto più leggeri ed elastici. Le compatte murature armene in fase di realizzazione e nel periodo della presa del conglomerato si comportano anch’esse come strutture spingenti, ma subito dopo in sostanza diventano monolitiche, ribadendo così, anche sotto l’aspetto tecnologico materico, certe scelte di “principio” (architettura come segno dell’uomo) che dura nel tempo, che supera la morte, che tende all’“eternità"). L’uso poi di queste pesanti murature porta in Armenia ad una serie di accorgimenti statici che diventano anche elementi caratterizzanti ed unici, come l’uso delle nicchie a profilo triangolare nelle facciate (le cosiddette nicchie-contrafforte), che alleggeriscono le cortine, sostengono e sottolineano sul compatto ed elementare volume esterno la più complessa articolazione interna di absidi e conche. Queste “sciabolate”, tagliate a spigoli vivi nelle pareti levigate, dapprima realizzate solo nella fronte orientale, poi anche su quelle nord e sud, diventano importanti elementi architettonici che sono del tutto sconosciuti nelle aree limitrofe (se si eccettua la vicina Georgia).

Più vicino alla tradizione bizantina è l’accorgimento di alleggerire determinate parti delle volte con l’inserimento di anfore vuote, come a Tanaat, Vank’, Orotnavank’, anche se si tratta di procedimento ben diverso ad esempio dai tipici “vasi fittili” bizantini, innestati l’uno nell’altro e disposti a file concentriche sovrapposte. Più sofisticato peraltro è il sistema di svuotamento delle pareti inerti delle volte attraverso un gioco sovrapposto di archi, semibotti,... (nella basilica di Eghvard o a Ptghni, esempi d’età prearaba) che troverebbe invece significativo riscontro in analoghi accorgimenti usati nel romanico padano (come a San Michele di Pavia: cfr. la relazione di Peroni al IV Simposio Internazionale d’Arte Armena, Erevan 1985, in corso di stampa). Assai più problematico, anche perché poco studiato, (cfr. Alpago-Novello, “Armenische Monumente im lranischen Aserbaidchan”, in Atti II Simposio Internazionale d’Arte Armena II, Erevan 1978, pp. 200) è l’uso delle anfore come vasi risuonatori, per migliorare l’acustica delle chiese Gharahagh, Fanai, nel nord Iran, anche se a Bisanzio, pur rari, paiono ritrovarsi esempi dei genere (Santa Maria Pammakaristos).

In ogni caso queste “raffinatezze tecniche” logicamente rientrano negli interessi di tipo scientifico matematico che sono alla base delle scelte architettoniche armene.

Scendendo più in dettaglio e procedendo con riferimenti cronologici e tipologici, senza, lo si ripete, cercare di esaurire una problematica tanto ricca e complessa, cerchiamo di precisare i rapporti oriente occidente dell’architettura armena nella prima fase (paleocristiana o prearaba V-VII secolo), in un secondo periodo (rinascimento armeno (X-XIV secolo), ed infine in un periodo tardo (XV-XVIII secolo). Tra le più antiche realizzazioni cristiane sono da ricordare alcune costruzioni funerarie, come ad Aghts, con impianto cruciforme, voltato a botte, nicchie ad arcosolio per i sarcofaghi, “dromos” di accesso, molto simili ad analoghe tombe siriache sia pagane che cristiane del IV-V secolo. Naturalmente la formula architettonica più tipica di questo periodo è la basilica: ma giova subito sottolineare la sostanziale differenza tra gli esempi “ellenistici” (tipo San Giovanni di Studio a Costantinopoli o San Demetrio di Salonicco) e le strutture armene. Nel primo caso si tratta di costruzioni leggere, spartite da colonne, a tre (o cinque) navate, con facciata a capanna spezzata, copertura a capriate, grandi finestre, ricche decorazioni in mosaico, anche se gli esterni sono generalmente spogli e poveri.

In Armenia la basilica è voltata, lo spazio interno è racchiuso da murature massicce e spartito da pilastri robusti, l’illuminazione in genere è scarsa, l’andamento interno è spesso celato sotto una copertura a due falde o a capanna appena accennata. In sostanza differenza totale tra la basilica “ellenistica” è questa tipologia che si può definire “orientale” e che eventualmente trova possibili punti di contatto in esempi mesopotamici ancora di tradizione sassanide (cfr. Reuther, “Sasanian christian churches”, in Survey of Persian Art, Oxford 1938, pp. 560 566) o in più prossimi esempi nell’area dell’attuale Georgia (Bolsini, “Basiliche a tre chiese”). Si aggiunga poiché spesso l’ingresso viene aperto sulla facciata sud, tendendo così ad annullare l’effetto prospettico e ritmico dello schema longitudinale della basilica per proporre invece una ricerca di spazialità di tipo “centralizzante”.

Più volte si è parlato invece di precisi contatti tra le basiliche della Siria e l’Armenia, in particolare per quanto riguarda il noto esempio di Ereruk:si pensi alla facciata racchiusa tra torri, come a Qalb-loze, Dier Turmanin, Ruweiha, cui più proficuamente si dovrebbe aggiungere la (praticamente inedita) basilica di Deir Soleib (Siria del nord), dagli ingressi laterali marcati da una sorta di protiri, dalle larghe finestre delle navatelle sottolineate da cornici ad “omega” o legate dalla “banda siriaca” o nastro decorativo continuo. Benché le ipotesi sulla copertura di Ereruk siano ancora divise (si veda in proposito Alpago Novello, “La basilica di Ereruk, annotazioni critiche”, in documenti di Architettura Armena 9, Milano 1977), chi scrive propende fortemente per avvicinare questo edificio più agli esempi armeni autoctoni di tipo “orientale” quali Tzitzernavank, Ashtarak e Aparan-K’asagh, limitando gli influssi siriaci agli elementi annessi e alla decorazione.

Del tutto inesistente, in periodo arcaico, è per l’Armenia il battistero, come edificio autonomo, come d’altra parte avviene nella vasta area “bizantina”. Invece numerosi sono i battisteri nella Siria del nord, dalla caratteristica pianta quadrata, sormontati da copertura a piramide: il rito del battesimo pare amministrato per aspersione dapprima con fonti portatili (salvo gli esempi, di non certa datazione, della basilica di Ashtarak e di Zivart’nots), in seguito in vasche di pietra sempre di dimensioni modeste, talora a forma quadrilobata, cruciformi, spesso con scaletta di discesa che trovano collocazione in nicchie, presso l’abside, all’estremità della navata settentrionale.

Si ricordi invece come i battisteri occidentali medievali siano in genere sempre edifici autonomi, d’impianto ottagonale, con vasca della stessa forma.

Di diretta derivazione dalla formula basilicale, è una tipologia che è particolarmente originale per I‘Armenia, ossia la soluzione della “sala a cupola” (la kuppelhalle di Strzygowski), risultato della ricerca di unificazione spaziale tipica dell’architettura armena. In pratica accostando e impostando i sostegni intermedi alle murature d’ambito si riesce a realizzare un vano di insolita omogeneità, in particolare esaltato e concluso dall’inserimento di una cupola centrale, che tende ad organizzare lo spazio secondo un’assialità più centrica che longitudinale (Ptghnì, T’alin, Arudj: si veda Zarian, “Formazione e sviluppo della sala a cupola”, in Carb, XX, Ravenna 1973, pp. 467-481).

Da queste premesse è facile capire come gli schemi accentrati siano quelli più usati nell’architettura religiosa armena di questo primo periodo, con una numerosa serie di varianti: ottagoni come a Zoravor - VII secolo - (formula molto usata in occidente sia nella tarda romanità, mausolei, che in età cristiana per esempio per gli edifici dei battisteri); esagoni come a Aragatz, VII secolo ed Anì, IX secolo; assai rari in Europa, (battistero di Varese), non certo frequenti neppure nell’area bizantina, Sant’Eufemia a Costantinopoli, inizio V secolo; monastero di Daou Pendeli in Attica, secolo V, più comuni in Georgia, Kumurdo, IX secolo; Nikortzminda, XI secolo, quadriconchi, come a Mastarà e Art’ik, VII secolo (schema comune anche in occidente, in età altomedievale e romanica). Una variante particolarmente elaborata sotto il profilo della articolazione interna è la tipologia quadriconca con le absidi traforate che si espandono in un peribolo avvolgente, generando un effetto di spazialità che tende a dilatarsi e ad espandersi all’infinito. Si tratta di architetture che si ritrovano sia in occidente (San Lorenzo di Milano, IV secolo; San Vitale a Ravenna, VI secolo) sia a Costantinopoli (San Sergio e Bacco, VI secolo) sia in oriente (Resafa, Seleucia Pieria), che in Armenia (Zvart’nots, VII secolo, oltre all’esempio più tardo di Anì, XI secolo).

Questa ampia area di diffusione e soprattutto le caratteristiche architettoniche (diaframmi colonnati, ricerca di indefinizione del vano interno, di chiaroscuro, di effetti pittorici) non paiono tratti congeniali al gusto armeno, piuttosto collegandosi direttamente alle scelte del mondo bizantino (d’altronde il committente e forse anche ideatore di Zvart’nots, il catholicos Nerses, era filo bizantino).

Del tutto autoctono invece e riscontrabile solo nell’area della vicina Georgia, è il tipo del quadriconco inscritto in un rettangolo, con quattro camere angolari in collegamento col vano centrale cupolato mediante “snodi” di pianta oltresemicircolare. Queste architetture, rappresentate in Armenia da Avan, VI-VII secolo e Hripsimé, 618, e in Georgia da Djvari, fine VI secolo, sono particolarmente significative per la ricchezza e l’articolazione della volumetria interna, peraltro rigidamente controllata con precisi assi di simmetria e caratterizzata da una “taglientezza” e purezza cristallina delle forme, cui fa riscontro un involucro esterno estremamente elementare, determinato dall’accostamento e sovrapposizione di volumi elementari. Si è abbastanza discusso per trovare possibili assonanze per edifici del genere, sia in possibili precedenti romani (si pensi alla serie di “tempietti” rilevati dal Montano), sia in (scomparsi) esempi costantinopolitani; ma pare assai pericoloso avanzare tali ipotesi soprattutto basandosi su schemi planimetrici: una possibile dipendenza da questi esempi si può forse riscontrare invece nei tipi cosiddetti “ottagonali” della scuola “bizantina” greca, sia in terraferma (Dafnì, Hosios Lukas, XI secolo) sia in esempi insulari (Chios).